servizi-dello-stato-si-va-verso-il-pagamento-in-bitcoin
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
5 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
5 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
5 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
5 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
5 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
6 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
6 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
6 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
7 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
7 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
8 ore

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
laR
 
30.03.2021 - 18:36
Aggiornamento : 19:41

Servizi dello Stato, si va verso il pagamento in Bitcoin

La commissione della Gestione aderisce alla mozione di Pamini (Udc). Sì a un progetto pilota, ma con la conversione in franchi. Contrari Ps e Verdi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Occorre “avviare quanto prima un progetto pilota che permetta il pagamento in bitcoin da parte dei cittadini debitori verso lo Stato, incaricando una società terza affinché venga annullato il rischio di cambio e incassato l'equivalente in franchi svizzeri”. La maggioranza della commissione parlamentare della Gestione sceglie di fare un passo verso il futuro, aderendo al rapporto della liberale radicale Natalia Ferrara che appoggia la richiesta originaria di una mozione interpartitica del 2017 con primo firmatario il deputato Udc Paolo Pamini. E sceglie di farlo ribattendo colpo su colpo a critiche, dubbi e ciò che rende - forse giustamente - perplessi davanti a questa novità che per alcuni però non lo è più. I bitcoin, criptovaluta e sistema di pagamento mondiale, sono nati nel 2009. Dodici anni dopo, se questo progetto pilota supererà lo scoglio del Gran Consiglio la prossima sessione, potranno essere usati per pagare alcuni servizi dell’Amministrazione cantonale. Il rapporto di Ferrara, per prima cosa, smentisce “il rischio di volatilità del bitcoin. Lo Stato non diventerebbe depositario, tesoriere di bitcoin. Verrebbe incaricata una parte terza delle operazioni, azzerando i rischi”. Per quanto concerne l’ambiente, “le valute digitali non sono insostenibili. È fuor di dubbio che queste tecnologie necessitino, peraltro proprio ai fini della sicurezza, di molta energia - scrive Ferrara -. Ma bisognerebbe non solo considerare i conti sull'energia, che permettono di rilevare produzione e consumo di diversi vettori energetici per attività economica, ma anche i bisogni ivi legati, il valore aggiunto creato, i posti di lavoro creati...”. 

Ferrara (Plr): ‘Ci sono studi che relativizzano alcuni falsi miti’

Un aspetto estremamente delicato è quello relativo alla criminalità. Sentito in audizione, il capitano della Polizia cantonale Orlando Gnosca “ha segnalato che il tema delle criptovalute viene osservato soprattutto dal punto di vista degli illeciti che con esse vengono commessi e che proprio per questo aspetto di anonimato vengono usate massicciamente in tutti gli ambiti illegali”. Non solo. Il capitano Gnosca ha sollevato altre criticità: “Le criptovalute non hanno corso legale e dunque l'accettazione come mezzo di pagamento è su base volontaria, con rischio di cambio in caso di riconversione di denaro; nessuna istituzione o autorità centrale controlla queste valute che non sono nemmeno coniate; la natura relativamente anonima delle valute digitali ha reso i bitcoin molto attraenti per i criminali; possono comportare notevoli rischi riguardo alle truffe”, riporta Ferrara. Che però scrive: “Nessuno nega i rischi connessi alle criptovalute (...) Vi sono, però, anche studi autorevoli che relativizzano i cosiddetti falsi miti sull'anonimità, immutabilità, trasparenza e inviolabilità, e che contestualizzano il tema dei cyber attacchi”. Insomma, si andrà verosimilmente verso questa direzione.

Arrigoni (sindaco di Chiasso): ‘Bene, ma noi lo facciamo da tre anni. Messaggio importante di modernità’

Una direzione che il comune di Chiasso ha intrapreso nel 2018, e il sindaco Bruno Arrigoni interpellato dalla ‘Regione’ non manca di farlo notare: «È sicuramente positivo quanto deciso dalla Gestione, ma ci ha messo tre anni». E tornasse indietro rifarebbe tutto: «Non dobbiamo valutare esclusivamente il numero di persone che aderiscono a questa possibilità, all'inizio il limite era 250 franchi poi l'abbiamo alzato a 1'000 quindi non parliamo di grandi cifre. Ma è importante il messaggio che si dà all'esterno, un messaggio che mostra conoscenza del tema, apertura al futuro e che può far diventare attrattivo un territorio. Il nostro obiettivo è fare di Chiasso una città all'avanguardia».

Le critiche di Ps e Verdi

Entusiasmo non condiviso, è un eufemismo, dalla sinistra. Il rapporto di minoranza firmato dal capogruppo socialista Ivo Durisch e sostenuto da Ps e Verdi infatti fa a pezzi la proposta per una serie di motivi: “Il pericolo di evasione fiscale intrinseco nelle criptovalute; la mancanza di trasparenza legata ai beneficiari economici sia dei depositi che delle transazioni in criptovaluta, con potenziali pericoli di riciclaggio e di utilizzo della stessa per transazioni illecite; l'enorme quantità di energia consumata sia per la loro produzione, che per le operazioni con essa effettuate”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bitcoin criptovalute paolo pamini servizi dello stato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved