negli-ultimi-cinque-mesi-accolte-8-000-richieste-di-ipg
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
16 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
29 min

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Bellinzonese
35 min

Italia, multata l’azienda che aveva chiesto foto in costume

La multa per l’annuncio di lavoro di una società di Napoli che cercava una receptionist è stata inflitta dall’Ispettorato nazionale del lavoro
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
2 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
2 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
2 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
2 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
3 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
4 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
4 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
7 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
 
17.03.2021 - 17:350
Aggiornamento : 21:28

Negli ultimi cinque mesi accolte 8'000 richieste di Ipg

Il governo risponde all'interpellanza di Durisch (Ps), ma mancano i dati sul settore culturale. Il capogruppo socialista: 'Speriamo di averli presto'

Oltre 16mila richieste. Circa 16’250. Tante sono le domande di Indennità perdita di guadagno Corona (Ipg) inoltrate in Ticino dal 17 settembre 2020 al 28 febbraio 2021. Una media di 3’250 al mese. Di queste richieste circa 8’000 sono state accolte, mentre circa 1’400 sono state respinte. È un chiaro indicatore di quanto la pandemia abbia continuato a incidere anche dal punto di vista economico sulla vita quotidiana delle persone, quello che il Consiglio di Stato ha messo nero su bianco rispondendo a un’interpellanza del capogruppo del Partito socialista Ivo Durisch.

9’400 richieste evase, quindi. E, in merito ai tempi, si legge nel testo che “dipendono da caso a caso, in quanto ogni pratica necessita di diverse valutazioni in funzione delle informazioni fornite e/o dei documenti che vengono allegati alla richiesta di indennità”. Ad ogni modo, “quando le richieste sono presentate correttamente i tempi medi di evasione sono di circa quattro settimane. Purtroppo i ritardi accumulati nel 2020 influiscono negativamente sulla tempistica, ma i collaboratori del servizio stanno facendo degli straordinari nel fine settimana per recuperare gli arretrati”. Per quanto concerne l’indennità media riconosciuta, giornaliera complessiva il Consiglio di Stato ricorda che “ammonta all’80 per cento del reddito soggetto all’Avs conseguito prima dell’inizio del diritto, ma al massimo a 196 franchi al giorno.

Ciò detto sono rimaste senza risposta due domande che Durisch ha fatto pensando al settore culturale, particolarmente colpito e con al proprio interno situazioni molto diverse tra loro. La prima è stata formulata per capire “se corrisponde al vero che agli organizzatori di manifestazioni nel corso dei prossimi mesi le indennità di lavoro ridotto vengono negate con la motivazione che non essendoci al momento esplicito divieto per il periodo della manifestazione non vi è ragione di mettere i dipendenti in lavoro ridotto”. La seconda è se si tengono in considerazione “la realtà professionale del settore e la peculiare situazione di questo momento in cui l’incertezza di fattibilità e condizioni, oltre che la paralisi del settore su scala nazionale e internazionale, rende impossibile qualsiasi lavoro di pianificazione e influisce inevitabilmente sulle possibilità di lavoro dei dipendenti delle imprese culturali”.

‘Aspettiamo i dati sul settore culturale per vedere se ci sono buchi da colmare’

Domande senza risposta perché «al momento il Cantone non ha i dati settore per settore, poiché sono in fase di elaborazione a livello federale», afferma Durisch interpellato dalla ‘Regione’. «Siamo rimasti d’accordo con il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa che sarebbe molto interessante avere anche altre informazioni: la tipologia di aiuto, i settori, numero di giorni ed entità di aiuto. Questo permetterebbe di capire a chi sono andati gli indennizzi e se ci sono stati dei buchi, vedere se si possono colmare». Una strada Durisch l’ha trovata: «Trasformerò questa interpellanza in un’interrogazione al governo, così quando ci saranno i dati spero di ottenere una risposta. Se Berna non lo farà, andrà fatto a livello cantonale». 

‘Gli indipendenti sono precari non protetti’

Ma di cultura si parlava. Perché la situazione per i lavoratori del settore, indipendenti e non, si fa di mese in mese più grama a causa delle chiusure. «Prima di tutto va capito a chi e come nel settore culturale sono arrivati questi aiuti - annota Durisch -. Oggi non ne abbiamo idea. Ma si tratta di lavoratori che soffrono. Spesso, aggiungo, sono lavoratori precari che sfuggono alle reti di protezione sia in ambito di disoccupazione, sia di lavoro ridotto. Per non parlare degli indipendenti, che non essendo inseriti in un organico ufficiale, sono precari che non sono protetti. L’unica rete è l'Ipg cultura, ed è per questo che vogliamo capire cosa ha funzionato e cosa no».

A Zurigo, Basilea e Ginevra c'è il sostegno forfettario

In merito agli aiuti per il settore culturale, ricordiamo che da qualche settimana in Svizzera sta prendendo corpo un'idea alternativa a quella delle attuali indennità o aiuti: un sostegno forfettario agli operatori culturali. Un'idea, questa, che per ora ha messo d'accordo i Cantoni di Zurigo, Basilea e Ginevra. I vantaggi sono meno burocrazia e il fatto che si tratti di una forma di aiuto che va a sostenere maggiormente alcuni operatori culturali con una condizione lavorativa atipica e non riconosciuta dalle attuali regole. Un aiuto di base che viene ricevuto senza dover necessariamente dimostrare un mancato guadagno. E il Ticino? Il Ticino non è convinto. «Noi questo ragionamento non lo possiamo fare perché non vogliamo penalizzare l'ordinario», ci ha risposto il 5 marzo la direttrice della Divisione della cultura e degli studi universitari in seno al Decs Raffaella Castagnola.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved