ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 ora

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
9 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
10 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
10 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
10 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
11 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
11 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
11 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
12 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
12 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
12 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
13 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
13 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
13 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
13 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
13 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
13 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
14 ore

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
14 ore

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
Grigioni
14 ore

Roveredo, il Coro parrocchiale San Giulio in assemblea

Appuntamento per il 6 ottobre alle 20.15 nella chiesa di San Giulio
Grigioni
14 ore

L’‘Asociazion culturala Rorè San Vitor’ in assemblea

Appuntamento per sabato 15 ottobre alle 17 all’ex stazione di San Vittore
Bellinzonese
14 ore

Riviera, i fortini della linea Lona diventano un museo

Sabato 8 ottobre alle 9 rappresentanti del Municipio e del Consiglio comunale visiteranno il Bunker Grande e il Forte Chiesa
Luganese
15 ore

Lugano, cambio di luogo per il presidio di solidarietà

La manifestazione di sostegno alle donne iraniane si terrà domani alle 16.30 in piazza Indipendenza
Locarnese
15 ore

Locarno, misurazione glicemia e pressione

Organizza la Croce Rossa Svizzera nella sua sede di via Balestra. I controlli sono gratuiti
18.03.2021 - 05:55
Aggiornamento: 10:13

Detective in polizia, fra tecnologia e fiuto investigativo

Il capitano della Cantonale Orlando Gnosca illustra formazione e compiti degli inquirenti dopo l'uscita del concorso per aspiranti ispettori e ispettrici

detective-in-polizia-fra-tecnologia-e-fiuto-investigativo
Orlando Gnosca (Ti-Press)

Detective a scuola. La Polizia cantonale cerca investigatori, ovvero aspiranti ispettori e ispettrici per la propria Polizia giudiziaria: di recente ('Foglio ufficiale' del 2 marzo) ha pubblicato il bando di concorso. «La formazione inizierà nel marzo 2022 - spiega Orlando Gnosca, capo del Reparto Giudiziario 1, di cui fanno parte, oltre alla Scientifica, le sezioni investigative che indagano sugli illeciti finanziari, sui reati contro il patrimonio e su quelli informatici. «Ricordo che le candidature - aggiunge l’ufficiale - vanno inoltrate entro il prossimo 2 aprile. Il bando di concorso e i formulari possono essere scaricati dal sito internet della Polizia cantonale, all’indirizzo www.polizia.ti.ch».

Capitano Gnosca, come sarà organizzata la formazione?

Prevede dapprima un intero anno presso la Scp, la Scuola di polizia del V circondario, con lezioni in classe e periodi di istruzione pratica all’esterno. Attraverso un processo di selezione, verrà verificata l’idoneità dei candidati a seguire questa formazione. Per gli aspiranti ispettori di polizia giudiziaria i requisiti di base figurano nel bando di concorso: vengono richieste una formazione superiore - università o scuola specializzata superiore -, un’età minima di 25 anni e delle buone competenze linguistiche, ma soprattutto una marcata solidità psico-fisica. Si tratta quindi di un profilo assai esigente, per una professione impegnativa ma molto appagante.

Dunque teoria ma anche attività sul campo.

Rispetto alle precedenti quattro edizioni di questo specifico iter formativo, le novità riguardano soprattutto il periodo pratico che segue i dodici mesi di formazione di base. Per gli aspiranti ispettori il percorso pratico contempla un primo anno in impiego con alcuni mesi di servizio di pattuglia con la Gendarmeria e poi soprattutto presso i commissariati e le sezioni specialistiche della Polizia giudiziaria e le autorità giudiziarie. Al termine di questo anno ci sarà l’esame professionale per il conseguimento dell’attestato professionale federale di agente di polizia. Successivamente vi sarà un secondo anno pratico durante il quale gli aspiranti ispettori e le aspiranti ispettrici proseguiranno il lavoro nei vari servizi investigativi e frequenteranno la Scuola di Polizia giudiziaria di tre mesi. Nel corso dei quali verranno approfonditi diritto e procedura penali, nonché tecniche investigative specifiche. Nel complesso dunque tre anni di formazione, prima di essere nominati ispettori e attribuiti a uno dei vari servizi investigativi.

Un percorso lungo e impegnativo…

Indubbiamente. L’invito a partecipare al concorso è esteso a giovani con un profilo interessante e che vogliono lanciarsi nella professione di investigatore, tanto romanzata, ma che nella realtà è ancor più stimolante e ricca di soddisfazioni rispetto a quanto si legge e si vede nei film o nelle serie televisive. Con questo concorso i candidati inquirenti potranno così costruirsi un nuovo futuro a favore della sicurezza del nostro cantone.

Nel recente passato le associazioni del personale hanno lamentato la penuria di agenti di Polizia giudiziaria. La funzione di ispettore è tornata attrattiva?

Ritengo che come Polizia giudiziaria continuiamo a mantenere una forte attrattività per chi è alla ricerca di una professione estremamente stimolante e unica. Al percorso classico per entrare nei ranghi della Giudiziaria, con il candidato ispettore che proviene dalla Gendarmeria della Polizia cantonale - un percorso importante e fondamentale nell’ottica dello sviluppo delle capacità e delle opportunità professionali dei nostri collaboratori -, affianchiamo da otto anni un'offerta formativa - inserita nella Scuola cantonale di polizia ed è quella oggetto del concorso pubblicato di recente -  rivolta a persone che aspirano alla professione di ispettore e che non sono alle dipendenze della Polizia cantonale. Questo ci permette di 'aprire le porte’ a un maggior numero di candidati, con profili diversi. Coloro che ambiscono a diventare investigatori hanno ora la possibilità di manifestare concretamente il loro interesse partecipando al concorso. Selezione e formazione saranno comunque impegnative.

Quanti sono attualmente gli investigatori della Cantonale tra commissariati locali e sezioni specialistiche?

L’effettivo è di circa 170 collaboratori. Ai 125 investigatori puri formati con le scuole di polizia si aggiungono gli specialisti in scienze forensi, gli analisti (finanziari e informatici) e agenti di Gendarmeria distaccati nella nostra Area con compiti vari di inquirente, oltre ad alcuni profili amministrativi.

Alcuni inquirenti della Cantonale, anche di lungo corso, sono passati alla Polizia giudiziaria federale, dunque a fedpol, la polizia federale. Il fattore stipendio ha sicuramente avuto un ruolo importante. L’emorragia è terminata?

Il passaggio di inquirenti dai corpi di polizia cantonali a fedpol c’è sempre stato, fin dalla costituzione di quest’ultima. L’interesse per la polizia federale è sicuramente legato a legittime aspirazioni professionali personali, su cui non esprimo giudizi. Il fatto che inquirenti della Giudiziaria della Polizia cantonale ticinese siano passati a fedpol ci dice però anche un’altra cosa e cioè che questo nostro partner, la polizia federale, fa affidamento su profili formati al nostro interno e dotati di esperienza pluriennale. Ma constatiamo anche come alcuni dei collaboratori che ci avevano lasciato siano poi rientrati nella Polizia cantonale, poiché mancava loro in particolare l’attività investigativa tipica di una polizia giudiziaria cantonale, svolta maggiormente sul terreno. Questi rientri confermano la forte attrattività che la nostra Polizia giudiziaria mantiene per chi è alla ricerca di una professione unica nel suo genere.

Cosa si chiede oggi a un ispettore o a un commissario?

A un inquirente della Polizia cantonale si chiedono ancor più dinamismo, forte capacità di adattamento, conoscenza della società in cui vive e dimestichezza con i supporti informatici. Inoltre, deve essere dotato di spirito di osservazione e di spirito critico per prevenire e individuare gli illeciti. L’investigatore è al servizio dei cittadini e della giustizia nel prevenire e nel perseguire i reati: anche per questo deve avere un innato spirito di sacrificio per quanto concerne orari e il genere di attività. Attività investigative da svolgere in contesti spesso umanamente coinvolgenti, ma nel contempo estremamente appaganti sul piano professionale.

Illeciti finanziari, reati contro il patrimonio, contro l’integrità della persona, reati informatici… Gli ambiti investigativi sono diversi: quali necessitano ora di maggiori forze inquirenti?

L’intensa digitalizzazione della società ci pone di fronte a non poche problematiche legate al suo utilizzo. Da un lato la digitalizzazione ha importanti effetti sull’operato e sull’organizzazione della Polizia cantonale: occorre pertanto restare al passo con gli sviluppi tecnologici a livello operativo, sfruttando appieno ogni possibilità di razionalizzazione del lavoro. Dall’altro lato si osserva un numero crescente di reati commessi, direttamente o indirettamente, con l’uso di tecnologie informatiche e di comunicazione. E non si può non rilevare la notevole perizia e professionalità di alcuni gruppi criminali organizzati, in particolare nel perpetrare reati economico-finanziari. Per contrastare questi illeciti che minano il nostro benessere, è importante per noi stabilire degli obiettivi strategici e organizzativi da raggiungere, dotandoci al contempo delle risorse necessarie, in termini sia di personale che di mezzi. Questo ci consentirà di intensificare il monitoraggio e di potenziare la formazione degli inquirenti, adattandola alle nuove sfide.

Veniamo ad aspetti pratici: la pandemia e le accresciute norme igienico-sanitarie hanno inciso sul vostro lavoro, il lavoro sul terreno?

Nonostante la situazione straordinaria, l’operatività dei servizi della Polizia giudiziaria e più in generale della Polizia cantonale è stata continuamente garantita. Questo anche nel contesto delle operazioni di controllo e repressive, legate alla pandemia, in caso di violazioni delle disposizioni federali e cantonali. Un contesto che ci ha visto agire con impegno per portare a termine la missione e adempiere così gli importanti compiti, alcuni nuovi. Ovviamente le prescrizioni sanitarie ci hanno obbligato ad adattare anche le nostre modalità di lavoro, con interrogatori con la mascherina o distanziati da separazioni in plexiglas, che hanno reso le relazioni interpersonali un po’ più complicate.

La pandemia ha comportato cambiamenti anche nell’attività di laboratorio, mi riferisco all’attività della Scientifica, uno dei settori della Polizia giudiziaria ticinese?

Più che in laboratorio, è sul terreno che c’è stato un incremento delle misure di protezione personale negli interventi per rinvenimenti di cadavere: non conoscendo ancora la causa del decesso vi era, e vi è, il rischio di trovarsi confrontati con casi di sospetto contagio da Covid.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved