detective-in-polizia-fra-tecnologia-e-fiuto-investigativo
Orlando Gnosca (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
1 ora

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati.
Luganese
1 ora

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
1 ora

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
Bellinzonese
2 ore

Spettacolo dei liceali di Bellinzona al Teatro Sociale

Venerdì 20 e sabato 21 maggio alle 20.30 andrà in scena ‘Rinoceronte’ del drammaturgo Eugène Ionesco
Locarnese
3 ore

Il traguardo della Pro Monti: l’assemblea numero 100

Giovedì sul Piazzale delle Scuole un appuntamento di portata storica per l’associazione di quartiere di Locarno
Grigioni
3 ore

San Vittore, trovati 5 kg di marijuana su un autobus

La polizia cantonale grigionese ha scoperto la sostanza stupefacente durante una verifica al centro controllo veicoli pesanti grazie a un cane antidroga
Luganese
3 ore

Accoltellamento a Lugano, arrestato un 32enne

L’uomo è stato fermato a Paradiso. Tra le ipotesi di reato quella di lesioni gravi tentate.
Mendrisiotto
8 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
8 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
14 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
14 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
15 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
16 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
19 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
19 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
19 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
Mendrisiotto
20 ore

Ecocentro di Morbio, ‘non ci aspettavamo un no così netto’

Le reazione alla bocciatura del progetto da oltre 2 milioni di franchi. ‘Ora aspettiamo delle altre proposte dal Municipio‘
Locarnese
20 ore

Associazione Cristiano Castelletti in assemblea a S. Nazzaro

Venerdì 10 giugno dalle 19 uno sguardo sulle attività nel ricordo dello studioso, divulgatore e giornalista di Minusio, prematuramente scomparso
Locarnese
20 ore

Parte al galoppo il Circolo ippico Piano di Magadino

L’equitazione a tutto tondo per il sodalizio appena ufficialmente riconosciuto e accolto dalla Federazione ticinese sport equestri
Locarnese
21 ore

La Verzasca? Il camoscio, le montagne, il Ponte e le acque

‘Viv insema - Insema l’è mei’, stemma proposto da un autore ancora anonimo, ha (stra)battuto le altre due candidature portate al voto in Valle
Bellinzonese
21 ore

Ambrì, inaugurato il primo asilo nido dell’Alta Leventina

Il Botton d’Oro, gestito dalla Fondazione Pro Infantia, può accogliere fino a 17 bambini dai 3 mesi compiuti fino ai 4 anni
Bellinzonese
22 ore

A Bellinzona nessuna notte bianca quest’anno

Stando alla neonata associazione EsercEventi, il Municipio sembrerebbe però ‘propenso a sostenere l’organizzazione di un simile evento nel 2023’
18.03.2021 - 05:55
Aggiornamento : 10:13

Detective in polizia, fra tecnologia e fiuto investigativo

Il capitano della Cantonale Orlando Gnosca illustra formazione e compiti degli inquirenti dopo l'uscita del concorso per aspiranti ispettori e ispettrici

Detective a scuola. La Polizia cantonale cerca investigatori, ovvero aspiranti ispettori e ispettrici per la propria Polizia giudiziaria: di recente ('Foglio ufficiale' del 2 marzo) ha pubblicato il bando di concorso. «La formazione inizierà nel marzo 2022 - spiega Orlando Gnosca, capo del Reparto Giudiziario 1, di cui fanno parte, oltre alla Scientifica, le sezioni investigative che indagano sugli illeciti finanziari, sui reati contro il patrimonio e su quelli informatici. «Ricordo che le candidature - aggiunge l’ufficiale - vanno inoltrate entro il prossimo 2 aprile. Il bando di concorso e i formulari possono essere scaricati dal sito internet della Polizia cantonale, all’indirizzo www.polizia.ti.ch».

Capitano Gnosca, come sarà organizzata la formazione?

Prevede dapprima un intero anno presso la Scp, la Scuola di polizia del V circondario, con lezioni in classe e periodi di istruzione pratica all’esterno. Attraverso un processo di selezione, verrà verificata l’idoneità dei candidati a seguire questa formazione. Per gli aspiranti ispettori di polizia giudiziaria i requisiti di base figurano nel bando di concorso: vengono richieste una formazione superiore - università o scuola specializzata superiore -, un’età minima di 25 anni e delle buone competenze linguistiche, ma soprattutto una marcata solidità psico-fisica. Si tratta quindi di un profilo assai esigente, per una professione impegnativa ma molto appagante.

Dunque teoria ma anche attività sul campo.

Rispetto alle precedenti quattro edizioni di questo specifico iter formativo, le novità riguardano soprattutto il periodo pratico che segue i dodici mesi di formazione di base. Per gli aspiranti ispettori il percorso pratico contempla un primo anno in impiego con alcuni mesi di servizio di pattuglia con la Gendarmeria e poi soprattutto presso i commissariati e le sezioni specialistiche della Polizia giudiziaria e le autorità giudiziarie. Al termine di questo anno ci sarà l’esame professionale per il conseguimento dell’attestato professionale federale di agente di polizia. Successivamente vi sarà un secondo anno pratico durante il quale gli aspiranti ispettori e le aspiranti ispettrici proseguiranno il lavoro nei vari servizi investigativi e frequenteranno la Scuola di Polizia giudiziaria di tre mesi. Nel corso dei quali verranno approfonditi diritto e procedura penali, nonché tecniche investigative specifiche. Nel complesso dunque tre anni di formazione, prima di essere nominati ispettori e attribuiti a uno dei vari servizi investigativi.

Un percorso lungo e impegnativo…

Indubbiamente. L’invito a partecipare al concorso è esteso a giovani con un profilo interessante e che vogliono lanciarsi nella professione di investigatore, tanto romanzata, ma che nella realtà è ancor più stimolante e ricca di soddisfazioni rispetto a quanto si legge e si vede nei film o nelle serie televisive. Con questo concorso i candidati inquirenti potranno così costruirsi un nuovo futuro a favore della sicurezza del nostro cantone.

Nel recente passato le associazioni del personale hanno lamentato la penuria di agenti di Polizia giudiziaria. La funzione di ispettore è tornata attrattiva?

Ritengo che come Polizia giudiziaria continuiamo a mantenere una forte attrattività per chi è alla ricerca di una professione estremamente stimolante e unica. Al percorso classico per entrare nei ranghi della Giudiziaria, con il candidato ispettore che proviene dalla Gendarmeria della Polizia cantonale - un percorso importante e fondamentale nell’ottica dello sviluppo delle capacità e delle opportunità professionali dei nostri collaboratori -, affianchiamo da otto anni un'offerta formativa - inserita nella Scuola cantonale di polizia ed è quella oggetto del concorso pubblicato di recente -  rivolta a persone che aspirano alla professione di ispettore e che non sono alle dipendenze della Polizia cantonale. Questo ci permette di 'aprire le porte’ a un maggior numero di candidati, con profili diversi. Coloro che ambiscono a diventare investigatori hanno ora la possibilità di manifestare concretamente il loro interesse partecipando al concorso. Selezione e formazione saranno comunque impegnative.

Quanti sono attualmente gli investigatori della Cantonale tra commissariati locali e sezioni specialistiche?

L’effettivo è di circa 170 collaboratori. Ai 125 investigatori puri formati con le scuole di polizia si aggiungono gli specialisti in scienze forensi, gli analisti (finanziari e informatici) e agenti di Gendarmeria distaccati nella nostra Area con compiti vari di inquirente, oltre ad alcuni profili amministrativi.

Alcuni inquirenti della Cantonale, anche di lungo corso, sono passati alla Polizia giudiziaria federale, dunque a fedpol, la polizia federale. Il fattore stipendio ha sicuramente avuto un ruolo importante. L’emorragia è terminata?

Il passaggio di inquirenti dai corpi di polizia cantonali a fedpol c’è sempre stato, fin dalla costituzione di quest’ultima. L’interesse per la polizia federale è sicuramente legato a legittime aspirazioni professionali personali, su cui non esprimo giudizi. Il fatto che inquirenti della Giudiziaria della Polizia cantonale ticinese siano passati a fedpol ci dice però anche un’altra cosa e cioè che questo nostro partner, la polizia federale, fa affidamento su profili formati al nostro interno e dotati di esperienza pluriennale. Ma constatiamo anche come alcuni dei collaboratori che ci avevano lasciato siano poi rientrati nella Polizia cantonale, poiché mancava loro in particolare l’attività investigativa tipica di una polizia giudiziaria cantonale, svolta maggiormente sul terreno. Questi rientri confermano la forte attrattività che la nostra Polizia giudiziaria mantiene per chi è alla ricerca di una professione unica nel suo genere.

Cosa si chiede oggi a un ispettore o a un commissario?

A un inquirente della Polizia cantonale si chiedono ancor più dinamismo, forte capacità di adattamento, conoscenza della società in cui vive e dimestichezza con i supporti informatici. Inoltre, deve essere dotato di spirito di osservazione e di spirito critico per prevenire e individuare gli illeciti. L’investigatore è al servizio dei cittadini e della giustizia nel prevenire e nel perseguire i reati: anche per questo deve avere un innato spirito di sacrificio per quanto concerne orari e il genere di attività. Attività investigative da svolgere in contesti spesso umanamente coinvolgenti, ma nel contempo estremamente appaganti sul piano professionale.

Illeciti finanziari, reati contro il patrimonio, contro l’integrità della persona, reati informatici… Gli ambiti investigativi sono diversi: quali necessitano ora di maggiori forze inquirenti?

L’intensa digitalizzazione della società ci pone di fronte a non poche problematiche legate al suo utilizzo. Da un lato la digitalizzazione ha importanti effetti sull’operato e sull’organizzazione della Polizia cantonale: occorre pertanto restare al passo con gli sviluppi tecnologici a livello operativo, sfruttando appieno ogni possibilità di razionalizzazione del lavoro. Dall’altro lato si osserva un numero crescente di reati commessi, direttamente o indirettamente, con l’uso di tecnologie informatiche e di comunicazione. E non si può non rilevare la notevole perizia e professionalità di alcuni gruppi criminali organizzati, in particolare nel perpetrare reati economico-finanziari. Per contrastare questi illeciti che minano il nostro benessere, è importante per noi stabilire degli obiettivi strategici e organizzativi da raggiungere, dotandoci al contempo delle risorse necessarie, in termini sia di personale che di mezzi. Questo ci consentirà di intensificare il monitoraggio e di potenziare la formazione degli inquirenti, adattandola alle nuove sfide.

Veniamo ad aspetti pratici: la pandemia e le accresciute norme igienico-sanitarie hanno inciso sul vostro lavoro, il lavoro sul terreno?

Nonostante la situazione straordinaria, l’operatività dei servizi della Polizia giudiziaria e più in generale della Polizia cantonale è stata continuamente garantita. Questo anche nel contesto delle operazioni di controllo e repressive, legate alla pandemia, in caso di violazioni delle disposizioni federali e cantonali. Un contesto che ci ha visto agire con impegno per portare a termine la missione e adempiere così gli importanti compiti, alcuni nuovi. Ovviamente le prescrizioni sanitarie ci hanno obbligato ad adattare anche le nostre modalità di lavoro, con interrogatori con la mascherina o distanziati da separazioni in plexiglas, che hanno reso le relazioni interpersonali un po’ più complicate.

La pandemia ha comportato cambiamenti anche nell’attività di laboratorio, mi riferisco all’attività della Scientifica, uno dei settori della Polizia giudiziaria ticinese?

Più che in laboratorio, è sul terreno che c’è stato un incremento delle misure di protezione personale negli interventi per rinvenimenti di cadavere: non conoscendo ancora la causa del decesso vi era, e vi è, il rischio di trovarsi confrontati con casi di sospetto contagio da Covid.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aspiranti ispettori formazione polizia cantonale polizia giudiziaria reati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved