il-gran-consiglio-dice-si-ai-due-pp-ma-e-un-cerotto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
1 ora

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
6 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
7 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
8 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
11 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
12 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
Mendrisiotto
12 ore

Ecocentro di Morbio, ‘non ci aspettavamo un no così netto’

Le reazione alla bocciatura del progetto da oltre 2 milioni di franchi. ‘Ora aspettiamo delle altre proposte dal Municipio‘
Locarnese
13 ore

Associazione Cristiano Castelletti in assemblea a S. Nazzaro

Venerdì 10 giugno dalle 19 uno sguardo sulle attività nel ricordo dello studioso, divulgatore e giornalista di Minusio, prematuramente scomparso
Locarnese
13 ore

Parte al galoppo il Circolo ippico Piano di Magadino

L’equitazione a tutto tondo per il sodalizio appena ufficialmente riconosciuto e accolto dalla Federazione ticinese sport equestri
Locarnese
14 ore

La Verzasca? Il camoscio, le montagne, il Ponte e le acque

‘Viv insema - Insema l’è mei’, stemma proposto da un autore ancora anonimo, ha (stra)battuto le altre due candidature portate al voto in Valle
Bellinzonese
14 ore

Ambrì, inaugurato il primo asilo nido dell’Alta Leventina

Il Botton d’Oro, gestito dalla Fondazione Pro Infantia, può accogliere fino a 17 bambini dai 3 mesi compiuti fino ai 4 anni
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona nessuna notte bianca quest’anno

Stando alla neonata associazione EsercEventi, il Municipio sembrerebbe però ‘propenso a sostenere l’organizzazione di un simile evento nel 2023’
15.03.2021 - 17:02
Aggiornamento : 20:47

Il Gran Consiglio dice sì ai due pp. 'Ma è un cerotto'

La co-relatrice Gendotti: come commissione contiamo di presentare entro fine anno delle proposte per migliorare l'organizzazione del Ministero pubblico

Aumenta l’organico dei magistrati del Ministero pubblico. Nel pomeriggio il Gran Consiglio ha dato luce verde al potenziamento dell’autorità giudiziaria ticinese di perseguimento penale, sommersa dagli incarti, con due procuratori in più. Ottantuno i favorevoli, un contrario - Paolo Pamini, secondo il quale «non ci sono i soldi» (oramai un leitmotiv del democentrista quando si toccano le casse cantonali) - e un astenuto. Si passa così da ventuno a ventitré inquirenti, procuratore generale incluso. Nulla da fare per l’emendamento suggerito da Tamara Merlo: la deputata di Più Donne sollecitava l’attribuzione alla Procura di tre pp («Era la richiesta del pg» e «Un sistema giudiziario intasato non può assicurare giustizia»). La proposta è stata bocciata con sessantasette no: nove i sì e cinque le astensioni.

L’assegnazione di due procuratori - costo totale, stando ai calcoli del governo, intorno ai 670mila franchi, tenuto conto anche dei collaboratori amministrativi - è frutto di un compromesso raggiunto tra il Dipartimento istituzioni e la commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’, presieduta dal popolare democratico Luca Pagani, per uscire dall’impasse in cui era scivolato a un certo punto l'importante e urgente dossier. Nel messaggio varato nel settembre 2019 il Consiglio di Stato prospettava un procuratore ordinario in più. Nel dicembre di quell’anno c’è stata poi l’iniziativa del Plr che chiedeva quattro sostituti pp. Lo scorso novembre infine la proposta del capo del Dipartimento istituzioni Gobbi di accordare al Ministero pubblico due magistrati in più. Una soluzione che ha raccolto il consenso della commissione.

Sarà invece oggetto di approfondimenti in commissione - come deciso dal plenum su indicazione della stessa ’Giustizia e diritti’ - sia l’attribuzione di competenze decisionali ai segretari giudiziari, stretti collaboratori dei pp, nei procedimenti contravvenzionali sia l’eventuale ripristino della figura del sostituto procuratore pubblico, figura che in Ticino è stata suo tempo abolita in vista dell’entrata in vigore, nel gennaio del 2011, della nuova procedura penale unificata sul piano federale.

Galusero e Durisch: da reintrodurre il quarto giudice dei provvedimenti coercitivi

Via libera al potenziamento ma durante la discussione non sono mancate critiche all’indirizzo del Dipartimento. La co-relatrice Sabrina Gendotti (Ppd) ha parlato di «un cerotto» considerata la quantità di nuovi incarti (tra gli 11mila e i 12mila) con cui è annualmente alle prese il Ministero pubblico. Sulla stessa lunghezza d’onda il liberale radicale Giorgio Galusero - per il quale «serve una riforma incisiva della giustizia ticinese, dato che anche in ambito civile le autorità giudiziarie sono oberate di lavoro» - e Ivo Durisch. Per il capogruppo socialista servono maggiori risorse («Analisti finanziari»), anche in Polizia giudiziaria, per intensificare la lotta contro i reati finanziari e gli illeciti nel mondo del lavoro. Galusero e Durisch hanno auspicato fra l'altro la reintroduzione del quarto giudice dei provvedimenti coercitivi, 'tagliato' dalle misure di risparmio varate nel 2016 da governo e Gran Consiglio.

Aldi: risposte celeri per non compromettere la fiducia dei cittadini 

Favorevole ai due pp in più anche la Lega. «Il potenziamento si impone. Una giustizia di qualità - ha sottolineato Sabrina Aldi - è pure una giustizia celere. Dallo Stato la popolazione si aspetta anche risposte rapide dalla magistratura, altrimenti scema la fiducia dei cittadini nelle autorità e viene meno l'effetto deterrente» della sanzione. Del resto, le ha fatto eco Nicola Corti (Ps) richiamando la mole di incarti in Procura, «non si può ragionare in termini di qualità quando si è sommersi dalla quantità». Il potenziamento «per assicurare efficacia all'azione di un apparato importantissimo dello Stato, cioè il Ministero pubblico», ha aggiunto. Oggi in Procura, ha evidenziato a sua volta Roberta Soldati (Udc), «vi è un gran numero di giacenze: alcuni incarti sono a rischio di prescrizione». Già, la prescrizione. Che quando interviene «suona come una sconfitta per lo Stato». I Verdi, ha rilevato Marco Noi, «sostengono il rapporto» e dunque il potenziamento, tuttavia, ha puntualizza il deputato ecologista, «non vorremmo che passasse l'idea di una magistratura tenuta a correre dietro a tutto: bisogna allora cercare di ridurre le tensioni sociali per ridurre la devianza». 

Il titolare del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi ha avvertito: «La semplice equazione 'maggiori risorse più incarti evasi' non è sempre vera. Occorre anche una verifica periodica per misurare l’efficacia e l’efficienza di una determinata organizzazione». In questa direzione si sta muovendo la commissione ’Giustizia e diritti’, sulla scorta della risoluzione approvata lo scorso dicembre dal parlamento, con l’ausilio di un perito e in collaborazione con l’autorità giudiziaria e il Dipartimento. L'obiettivo è duplice: attribuire alla Direzione della Procura gli strumenti per un più efficace controllo interno e suggerire una migliore organizzazione del Ministero pubblico. «Entro fine anno - ha indicato Gendotti - dovremmo essere in grado, come commissione, di presentare delle proposte».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dipartimento due pp ministero pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved