LA Kings
4
ANA Ducks
5
fine
(0-0 : 1-2 : 3-2 : 0-0 : 0-1)
dal-gran-consiglio-un-passo-avanti-per-il-plurilinguismo
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Luganese
2 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Bellinzonese
2 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
11 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
12 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
12 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
13 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
13 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
13 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Ticino
24.02.2021 - 18:210
Aggiornamento : 18:58

Dal Gran Consiglio un passo avanti per il plurilinguismo

Via libera unanime dal parlamento alle modifiche proposte per potenziare l'insegnamento delle lingue attraverso gli scambi e la didattica. Bertoli: 'Buon segnale'

Un passo avanti concreto verso il plurilinguismo a scuola in un Ticino che resta fortemente attaccato alla propria italianità. È questo in soldoni quanto ha deciso oggi il Gran Consiglio dando il proprio sì unanime alla proposta di potenziare il sistema degli scambi linguistici, anche di lunga durata e pure per gli apprendisti, grazie al nuovo servizio ‘Mobilità e scambi’. Un servizio che, nota la correlatrice del rapporto della commissione parlamentare Formazione e cultura Daniela Pugno Ghirlanda (Ps), «è pensato come un centro di competenza che promuove scambi e stage in altre regioni della Svizzera, con progetti per la formazione dei docenti e lo sviluppo dell’insegnamento bilingue». Un tema, quest’ultimo, che «richiede una riflessione di fondo, vale a dire decidere quanto e quale spazio dare alle lingue nazionali senza mettere a rischio la nostra italianità: la salvaguardia dell’identità culturale è di interesse pubblico».

Guerra (Lega): ‘Finalmente ampliata la strada del plurilinguismo’

Regolando e dando basi legali all’insegnamento in più lingue a scuola, per l’altro correlatore, il leghista Michele Guerra, «finalmente ampliamo la strada al plurilinguismo nelle scuole». Globalmente, quello della commissione «è stato un lavoro certosino e massivamente condiviso da tutti, si tratta di un importante passo avanti per tutto il nostro sistema scolastico, senza colori politici. Da anni porto avanti il tema delle lingue, guido un sottogruppo di relatori che sta affrontando atti pendenti da anni come quello sull’anticipare l’insegnamento del tedesco a scuola e speriamo di arrivare a una soluzione condivisa». 

Il sostegno dei gruppi parlamentari

Per la liberale radicale Maristella Polli c’è un problema a monte: «La Svizzera italiana rappresenta il 3% degli scambi dalla Svizzera francese e il 12% dalla Svizzera tedesca. Si auspica che le modifiche che approviamo portino a un incremento di questi scambi linguistici, dando la possibilità a tutti i giovani di fare un’esperienza arricchente e vantaggiosa». Convinto appoggio anche da Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd): «Siamo consapevoli che quello posto sia un obiettivo importante non solo perché porterebbe vantaggio alle singole persone, ma nell’ottica di arrivare a una miglior comprensione delle varie culture che compongono la Svizzera». Modifiche «assolutamente benvenute» per il democentrista Paolo Pamini e per la verde Cristina Gardenghi che afferma: «Gli scambi linguistici sono un elemento fondamentale per avere competenze man mano più solide».

Di «passo avanti di una certa rilevanza» parla anche il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli. Che aggiunge come «l’adesione unanime è un buon segnale, confido che il Ticino possa rimanere un cantone fiero della sua lingua ma nel contempo un cantone che ha necessità e volontà di insegnare ai propri allievi, nel pubblico e nel privato, a essere immersi in una società che consideri il plurilinguismo come un elemento portante».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved