dado-ppd-la-societa-e-fragile-noi-attenti-ai-giovani
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
3 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
3 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
3 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
3 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
3 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
4 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
5 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
5 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
6 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
6 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
6 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
6 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
7 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
7 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
12.02.2021 - 06:00

Dadò (Ppd): 'La società è fragile, noi attenti ai giovani'

Nel dibattito tra aperture e chiusure, il presidente popolare democratico chiede 'piedi di piombo' e avverte: 'I ragazzi faticano, c'è troppa negatività'

«Chi fa politica deve infondere sicurezze, non sparare in ogni direzione giusto per dire di aver detto una cosa migliore degli altri. Questa cacofonia è da irresponsabili». Pesa come un macigno il giudizio che il presidente cantonale del Ppd Fiorenzo Dadò consegna alla ‘Regione’ sulle recenti prese di posizione di Plr, Udc e Ps raccolte dal nostro giornale in vista delle decisioni del Consiglio federale su eventuali allentamenti o meno delle restrizioni dopo il 28 febbraio, previste la settimana prossima. Per Dadò «non ha alcun senso lanciare affondi su questo o quel consigliere federale, compongono un collegio unico e se viene presa una decisione è quella. Il nostro compito di politici, in questa fase delicata e di incertezza, è di essere votati alla prudenza e alla collaborazione».

Quindi non si schiera tra gli ‘aperturisti’.

Una eventuale riapertura adesso non dà alcuna garanzia che poi non si debba di nuovo imporre restrizioni, questo psicologicamente sarebbe insostenibile per la popolazione e con l’avvicinarsi della primavera e della Pasqua sarebbe una botta per tutti e in particolare per il settore turistico che sta già soffrendo. Questa mancanza di certezze su come evolveranno i contagi e l’effetto delle vaccinazioni mi fa andare coi piedi di piombo, ed è poco sensato usare giochi di parole come ‘aperture con precauzioni’, che in concreto non garantiscono proprio nulla. Se uno apre, apre. Se tiene chiuso, tiene chiuso: le mezze misure creano più problemi che vantaggi. In più, se permette mi fa specie che chi oggi spinge in tutti i modi per la riapertura quando si è trattato di dare una mano concreta all’economia che sta soffrendo non l’ha fatto. Sui costi fissi e sugli affitti il nostro consigliere nazionale Regazzi ha provato a far di più, Udc e Plr hanno detto di no, bocciando la proposta.

Se si continuasse con le attuali misure restrittive lei sarebbe soddisfatto quindi?

Restano grossi problemi aperti. Se a Berna decideranno di andare avanti con queste misure è imperativo da parte dello Stato mettere in campo maggiori aiuti, in particolare per coprire i costi fissi per ora non coperti che affliggono piccoli commerci e ristorazione in particolare. Pur sapendo che questa non è una soluzione a lungo termine ed è spiacevole per chi la subisce, nelle prossime settimane si potrebbe proseguire con questo sforzo, ma andando a sostenere e indennizzare maggiormente dal punto di vista economico queste attività.

A chi va il suo pensiero in particolare?

Ai piccoli commerci, ma penso anche a tutto il settore della cultura. Musicisti, artisti, coloro che vivono e fanno vivere l’arte non sono stati considerati a dovere ed è una grave mancanza che bisogna colmare al più presto, si tratta di persone che stanno facendo un’enorme fatica, che non possono nutrirsi d’aria.

La possibilità di multare chi non rispetta le misure imposte dalle Autorità come la valuta?

Trovo inaccettabile che la polizia vada in giro a multare persone per quisquilie, addirittura entrando nelle case a controllare se si è in sei o sette, per non parlare delle persone fuori dagli esercizi pubblici che fanno il servizio take away dove se qualcuno è a due metri dal locale invece che sei, possono esserci problemi seri per il gerente. Non vorrei che la necessità sanitaria si traducesse in un pretesto di coercizione nei confronti dei cittadini, che qualcuno si lasciasse nuovamente prendere la mano. In primavera eravamo tutti spaventati e abbiamo sentito che gli anziani dovevano andare in letargo, ecco, derive di questo tipo da parte di chi controlla vorremmo non vederne più.

Sembra di capire che lei veda grossi problemi anche a livello di società.

Viviamo in una società forte ma solo all’apparenza, ma che nella sua struttura tecnologica e del consumo è più fragile, decisamente senza strumenti a livello psicologico per affrontare le avversità e l’incertezza rispetto a quella dei nostri nonni. I dati su alcolismo, abuso su minori, criminalità giovanile e depressioni in crescita sembrerebbero attestare il crescente disagio anche se erano già un grave problema ben prima del lockdown e della pandemia. È quindi arbitrario oggi utilizzare, come fa qualcuno, questi drammi per dire che bisogna riaprire tutto. Lo Stato dovrebbe immediatamente mettere in piedi un tavolo di lavoro per affrontare questi temi delicati che con la negatività che stiamo vivendo sono venuti maggiormente alla luce.

Teme soprattutto per i più giovani, quindi.

Da un anno su giornali, televisione, social media veniamo investiti quasi solo di negatività, incertezza e previsioni apocalittiche. L’influenza che tutto questo avrà sullo sviluppo dei giovani che sono stati privati dei contatti socializzanti e che hanno timore persino di andare a trovare i nonni per paura di infettarli, potrebbe avere dimensioni preoccupanti. Ne parlano poco o nulla, non sappiamo con sicurezza cosa vivono ma potrebbero venir segnati per sempre. Rendiamoci conto che a quell’età la paura di contaminare genitori o nonni con un virus invisibile che li fa star male, del quale hanno scarsa percezione di dove sia e cosa sia ma sanno che può essere letale, significa vivere con la costante paura della morte e dell’abbandono, con effetti che possono essere devastanti anche in termini di senso di colpa. Non possiamo stare a guardare, hanno bisogno di noi e non succederà niente di buono se non ci diamo subito da fare. Mi auguro davvero che l’ente pubblico e la politica non pensino solo a conti da sanare, risarcimenti, statistiche di contagi e varianti, ma che venga messo in piedi al più presto, ripeto, un tavolo di lavoro e riflessione pratica composto da membri della magistratura, della medicina, della società, dell’educazione e della scuola.

Leggi anche:

‘Da Berna arrivino scenari sulla riapertura delle attività’

Marchesi (Udc): ‘Riaperture, il Plr lasci la linea Berset’

Riget (Ps): 'Riaprire subito? Rischioso. Servono altri aiuti'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiusure consiglio federale coronavirus economia fiorenzo dadò ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved