medico-del-traffico-e-tariffe-all-insu-l-udc-replica
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
30 min

Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia

Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
35 min

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
56 min

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
1 ora

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
2 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
2 ore

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
2 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
2 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
3 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
3 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
3 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
4 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
4 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
laR
 
02.02.2021 - 19:06
Aggiornamento : 22:10

Medico del traffico e tariffe all'insù, l'Udc replica

Tiziano Galeazzi: 'Il Centro universitario romando non distingue tra casi semplici e complessi, e attua sempre la tariffa massima. E sulle ore...'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Il Centro universitario romando di medicina legale applica un principio che noi come parlamento non abbiamo votato», afferma il deputato Udc Tiziano Galeazzi a 'laRegione'. La polemica sull'aumento delle tariffe per le prestazioni del medico del traffico a seguito dell'approvazione in Gran Consiglio dell'iniziativa elaborata dal democentrista Paolo Pamini non accenna a placarsi. E Galeazzi, relatore e unica firma del rapporto uscito di minoranza dalla Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale ma poi uscito vincitore in parlamento, ne ha per tutti.

A partire dal relatore di maggioranza Alessandro Cedraschi (Plr) che, da noi interpellato, aveva lamentato l'“improvvisazione” di una parte del Gran Consiglio e che in Aula era stato detto che si sarebbe incorsi in problemi. «Innanzitutto durante il dibattito non avevamo in mano questa perizia, perché datata 16 dicembre 2020, quindi Cedraschi e la maggioranza non potevano conoscere queste cifre, è inutile che dica ‘l'avevamo detto’ e nemmeno che non si potessero separare casi semplici da quelli complessi».

Appunto per questo motivo, Galeazzi e l'Udc tutta ce l'hanno pure con il Centro universitario romando di medicina legale (Curml): «Dalla prima lettura del loro documento balza subito all'occhio che scrivono apertamente come non trovano possibile al momento dividere i casi semplici da quelli complessi, quindi stando a loro andrebbero tutti nello stesso ‘calderone’ a prezzo unico di 250 franchi all'ora come da loro proposto. E il discorso è molto semplice: non si basano su quanto il Gran Consiglio ha votato».

‘La maggior parte dei casi sono semplici’

Vale a dire, riprende Galeazzi, «una tariffa di 180 franchi orari che abbiamo proposto considerando quanto viene pagato un avvocato d'ufficio, e 250 franchi per i casi più complessi. A noi risulta che la stragrande maggioranza delle infrazioni che conducono al medico del traffico siano casi semplici, con poche pagine di verbale da parte della Polizia. Posso capire che il Curml, avendo anche un medico del traffico di livello 4 a Bellinzona, non voglia autoridursi le tariffe ma ripeto: noi abbiamo votato 180 franchi l'ora, mentre loro decidendo di non dividere casi semplici e complessi applicano semplicemente la tariffa di 250 franchi da noi prevista come eccezione, non come regola».

‘Per una perizia vengono impiegate troppe ore’

Il problema, oltre alle cifre, per Galeazzi consiste anche «nel numero di ore che impiegano per una perizia. Perché se io leggo che lavorano in équipe a un caso e mettono fuori nove ore, scusi, ma qualcosa di strano lo trovo. Assicurano che solo per leggere un dossier ci mettono quattro ore? Mezza giornata? Bisogna essere più celeri ed efficienti, è inconcepibile che ci si mettano quattro ore a leggere delle documentazioni inerenti dei casi semplici». Perché per il deputato Udc il discorso è chiaro «al di là delle cifre, è grave da parte del Centro universitario romando di medicina legale usare di principio la più alta: dipende anche per quante ore di lavoro viene moltiplicata».

Inoltre, secondo Galeazzi importante da notare è «la storia che ci sono 30 giorni di tempo per pagare sennò la pratica si blocca. Faccio un esempio semplice: la fattura dell'idraulico. Io ho una prestazione/riparazione, e poi la pago. Se succede che non la pago, mi arriva un richiamo ed eventualmente un altro e alla fine il precetto esecutivo. L'idraulico non si viene a riprendere il tubo riparato. La nostra contestazione è che il parlamento non ha mai concesso di andare verso questa direzione, che va a violare anche il Codice delle obbligazioni». È infine «doveroso che l'utente in esame possa controllare liberamente le tariffe con le ore prestate dai periti e possa contestarle se il caso, senza subire uno stop al suo dossier». 

Ma non ci si ferma qui. L'Udc in un comunicato diffuso alla stampa avverte: “Se il documento del Curml venisse confermato dal Consiglio di Stato, allora l'Udc si farà promotrice di una nuova iniziativa parlamentare per abbassare le tariffe orarie e fissare tetti massimi, così da annullare il presunto aumento di costi e, anzi, ridurlo in modo sostanziale”.

Leggi anche:

Le prestazioni del Medico del traffico saranno più care

Medico del traffico, Cedraschi (Plr): 'L'avevamo detto...'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved