vaccini-in-ritardo-stop-agli-appuntamenti-di-prossimita
Il medico cantonale Giorgio Merlani (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
1 ora

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
1 ora

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
1 ora

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
Ticino
2 ore

Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana

Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Locarnese
2 ore

Minusio, adattamento fermate bus fermo al palo

La Sinistra chiede lumi al Municipio sui ritardi nei lavori di adeguamento ed eliminazione delle barriere architettoniche
Luganese
5 ore

Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico

Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
5 ore

Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi

Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
Locarnese
8 ore

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
8 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
Ticino
18 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
29.01.2021 - 14:13
Aggiornamento: 17:43

Vaccini in ritardo, stop agli appuntamenti di prossimità

Il Ticino ha ricevuto 7'800 dosi in meno da Pfizer e 12'300 in meno da Moderna. Rinviato l'inizio della vaccinazione degli over 75

Stop alle vaccinazioni di prossimità, appuntamenti rinviati di una settimana nei centri di Ascona e Tessere, mentre gli over 75 dovranno attendere almeno fino alla fine di febbraio per poter ricevere la prima dose. Sono queste le conseguenze dei ritardi nella fornitura dei vaccini annunciati dalle due aziende produttrici, Pfizer e Moderna. «I limiti della campagna di vaccinazione sono imposti non da questioni organizzative – spiega Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute – bensì da questi ritardi nelle forniture».

Dunque la novità comunicata dai funzionari del Dss durante la conferenza stampa alle Orseline riguarda, appunto, un ritardo nella produzione e consegna dei vaccini anche da parte dell'azienda statunitense Moderna, che va ad aggiungersi a quello già noto della Pfizer/BioNtech 

Al momento il ritardo previsto riguarda 7'800 dosi in meno del vaccino Pfizer, mentre sono 12'300 dosi in meno quelle del vaccino Moderna. Questi ritardi, spiega Bianchi, comporteranno una revisione della pianificazione cantonale. Nello specifico, gli appuntamenti già previsti da lunedì 1 febbraio che riguardano la prima dose, nei centri di Tesserete e Ascona, verranno posticipati di una settimana. Inoltre non ci saranno nuovi appuntamenti per le vaccinazioni di prossimità.

La notizia rasserenante riguarda invece le case per anziani: dal 4 febbraio la somministrazione della seconda dose di Pfizer, conferma Bianchi, è garantita sia nelle case per anziani, sia nel centro di Rivera.

«Se le forniture annunciate dalla Confederazione a inizio gennaio fossero state confermate – osserva il direttore della Divisione della salute – da lunedì prossimo avremmo potuto dare inizio alla vaccinazione della categoria degli over 75. E addirittura concluderla entro la fine di febbraio. Invece con la pianificazione rivista potremo soltanto aprire alla categoria degli over 75 verso la fine del mese prossimo».

In termini di cifre le autorità si aspettavano per la fine di febbraio di aver vaccinato 37'000 persone, ma visti i ritardi nella fornitura queste saranno 21'000.

Visite in casa anziani dopo la seconda dose

Le seconde dosi dei vaccini nelle case per anziani, è stato spiegato dal Dipartimento sanità e socialità in conferenza stampa, verranno somministrata a partire da giovedì 4 febbraio. “Intorno alla metà del prossimo mese, se la situazione epidemiologica non cambierà nel frattempo, scatteranno i primi allentamenti per quel che riguarda le visite ai degenti delle case: prevediamo di tornare al regime di dicembre “, afferma, raggiunto dalla ‘Regione’, il medico cantonale Giorgio Merlani. “Terminata la seconda vaccinazione - tiene a puntualizzare, - non sarà un ‘libera tutti’, gli allentamenti ci saranno - secondo modalità che dobbiamo ancora studiare - ma saranno progressivi, nella speranza di poter ripristinare viste normali al più presto. Tutto dipende, ripeto, dall’evoluzione della situazione epidemiologica, che per ora è incoraggiante vista la diminuzione dei casi di contagio, dallo sviluppo delle varianti e da altri fattori”.

Spiega ancora il medico cantonale: “Una persona è vaccinata sette giorni dopo la somministrazione della seconda dose. In altre parole, dopo la prima ci vogliono quattordici giorni perché si sviluppino gli anticorpi: a quel punto gli studi parlano di una protezione tra il 30 e il 50 per cento, sette giorni dopo la seconda dose si arriva al massimo della protezione, che con i vaccini Pfizer e Moderna è del 95 per cento, probabilmente un po’ meno per gli anziani. È per questo che parliamo di un’apertura progressiva alle visite ai degenti nelle case per anziani e in questo si deve necessariamente tener conto della situazione epidemiologica all’esterno degli istituti”.

'10% dei casi sono variante inglese'

Limitare, testare, proteggere, vaccinare. Sono queste le parole d'ordine del medico cantonale Giorgio Merlani, ripetute durante l'incontro stampa. Sulla situazione epidemiologica e l'evoluzione della diffusione dei nuovi ceppi del coronavirus, è lo stesso medico a indicare che «attualmente in Ticino la variante inglese è presente in più del 10% dei casi in circolazione»

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campagna vaccinazione coronavirus
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved