studi-di-progettazione-sub-judice-si-ma-il-ccl-c-e
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
46 min

‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’

Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città
Locarnese
46 min

Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione

Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
Ticino
46 min

Case anziani, come sta uscendo il settore da 2 anni di pandemia

Dalla gestione del virus, allo stato d’animo di ospiti e personale, fino alle sfide future. Una panoramica con Eliano Catelli, presidente Adicasi
Luganese
9 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
10 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
10 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
10 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
11 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
12 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
12 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
13 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
13 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
13 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
21.12.2020 - 16:40
Aggiornamento : 17:14

Studi di progettazione, sub judice sì, ma il Ccl c’è

Dal primo gennaio il settore degli architetti, ingegneri e disegnatori ha un contratto obbligatorio. Ricorso a Losanna chiede l’effetto sospensivo

Il Contratto collettivo di lavoro per gli studi di progettazione (architetti, ingegneri e disegnatori) è realtà da quasi cinque anni. Le prime negoziazioni tra le parti risalgono a quasi dieci anni fa. Per l’entrata in vigore, però, mancava il sigillo delle autorità federali e cantonali per decretarne l’obbligatorietà generale nei confronti di tutte le aziende del settore e non solo di quelle firmatarie del contratto. Nelle scorse settimane questo iter si è concluso e dal primo di gennaio il Ccl diverrà lo strumento principale per regolare le condizioni di lavoro di un settore che - solo in Ticino - occupa più di 2’500 persone in oltre 400 studi. Sullo stesso, però, incombe un ricorso al Tribunale federale promosso dalla sezione ticinese dell’Usic (Unione svizzera degli studi consulenti ingegneri) e altri 13 studi che contesta proprio l’obbligatorietà generale. «Entro il 28 dicembre come partner sociali, siamo chiamati a presentare le nostre osservazioni al Tribunale federale. Dopo di che la massima corte giudiziaria svizzera si esprimerà sulla richiesta di sospendere o no l’entrata in vigore», spiega Dario Menaballi, presidente della Commissione paritetica studi di progettazione e rappresentante di Asiat, Associazione studi di ingegneria e architettura ticinesi che è la parte padronale dell’intesa. Gli altri due, in rappresentanza dei lavoratori, sono il sindacato Unia e l’Organizzazione cristiano sociale ticinese (Ocst). «L’Usic - lo ricordiamo - con l’opposizione a Losanna, sta esercitando un suo diritto. Noi ricordiamo, però, ai nostri associati e a tutti gli studi presenti in Ticino che comunque il prossimo 1° gennaio entrerà in vigore il Contratto collettivo e dovranno apportare, se necessario, le dovute modifiche salariale e le trattenute previste dallo stesso».

Sull’effetto sospensivo, Losanna si esprimerà a gennaio

Verosimilmente il Tribunale federale si esprimerà sulla richiesta di effetto sospensivo entro la prima metà di gennaio. «Non sappiamo se accetterà la richiesta o no, nel dubbio bisogna fare come se questo ricorso non ci fosse», afferma da parte sua Giorgio Fonio, sindacalista dell’Ocst. 

Per Igor Cima, sindacalista di Unia, il settore della progettazione ha conosciuto una forte deregolamentazione con condizioni salariali peggiorate nel giro di pochi anni. «Esistono contratti di lavoro a meno di 3mila franchi mensili lordi. Oppure persone formatisi all’estero assunte come stagisti. Il dumping salariale e sociale lo abbiamo constatato con mano in questi ultimi anni. Per questa ragione il Ccl di obbligatorietà generale è un argine a questo fenomeno e consente di ripristinare condizioni di concorrenza equa in questo ambito», afferma Igor Cima. Il Ccl, da questo punto di vista, prevede un salario minimo pari a 60mila franchi lordi l’anno. Soglia minima che aumenta a seconda della formazione e degli anni di esperienza.

L’obiettivo di questo contratto, ricorda ancora Dario Menaballi, «è innanzitutto quello di porre un freno ai casi di dumping presenti nel settore della progettazione, con le conseguenze negative a livello di immagine per le nostre professioni, anche agli occhi di quelli che sono poi i nostri clienti finali. Oltre a ciò si aggiunge anche la necessità di rendere attrattive queste professioni ai nostri giovani e quello di meglio tutelare le nostre categorie e competenze». In Ticino, vale la pena ricordarlo, esistono istituti di formazione di alto livello proprio in questo ambito come l’Usi, con l’Accademia di architettura di Mendrisio e la Supsi. «Negli anni è divenuto sempre più frequente il fenomeno di giovani, formatisi da noi costretti a emigrare oltre San Gottardo per trovare condizioni favorevoli a un adeguato riconoscimento della propria professionalità», aggiunge Giorgio Fonio che precisa che il Ticino «sarà il terzo Cantone, dopo Vaud e Ginevra, a dotarsi di un Ccl settoriale.

Ricordiamo infine che vigilare sul rispetto delle condizioni di lavoro c’è una commissione paritetica composta da otto membri, quattro in rappresentanza dei datori di lavoro (Asiat) e quattro in rappresentanza dei lavoratori (Ocst e Unia). Sul sito cpcdiverse-ti.ch è visionabile il documento frutto della collaborazione tra partner sociali, con tutti i dettagli relativi all’intesa.

Leggi anche:

Architetti e ingegneri hanno un Ccl obbligatorio

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ccl effetto sospensivo losanna progettazione ricorso
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved