in-ticino-10-persone-in-casa-a-natale-s-stefano-e-capodanno
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’

Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città
Locarnese
2 ore

Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione

Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
Ticino
2 ore

Case anziani, come sta uscendo il settore da 2 anni di pandemia

Dalla gestione del virus, allo stato d’animo di ospiti e personale, fino alle sfide future. Una panoramica con Eliano Catelli, presidente Adicasi
Luganese
11 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
11 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
11 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
12 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
13 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
13 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
14 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
14 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
14 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
15 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
15 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
Locarnese
15 ore

Gordola, grigliata per over 60

Organizza il locale Gruppo ricreativo della Parrocchia
Ticino
15 ore

Telelavoro e frontalieri: si chiede omogeneità

Un’interrogazione chiede di parificare le soglie di impiego da casa oltre le quali scattano l’imposizione fiscale e quella previdenziale in Italia
Ticino
16 ore

Giudici di pace, Emma Crugnola nominata presidente

Sarà affiancata da Antonella Grassi Coduri e Mariella Lombardi
18.12.2020 - 17:34
Aggiornamento : 18:21

In Ticino 10 persone in casa a Natale, S.Stefano e capodanno

Eccezioni alle restrizioni per i giorni festivi. Allargata a 50 persone la partecipazione alle funzioni religiose il 24 e 25 dicembre

 

Il Consiglio di Stato ha aggiornato la popolazione e i media sulle misure in vigore in Ticino per il contrasto alla diffusione del coronavirus. Presenti Norman Gobbi, Presidente del Consiglio di Stato, Raffaele De Rosa, Direttore del Dipartimento della sanità e della socialità, Christian Vitta, Direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia.

Gobbi: 'Situazione in Ticino sempre critica'

Norman Gobbi sottolinea la criticità della situazione, anche se i dati di oggi sono i migliori della settimana e potrebbero essere un preludio degli effetti delle misure decretate fin qui. «La stagnazione ci preoccupa, il Consiglio di Stato è pronto a prendere nuove misure» ha dichiarato il presidente del Consiglio di Stato. «C'è stato un disallineamento di comunicazione fra autorità cantonale e federale che non ha agevolato la comprensione delle misure, ora occorre essere chiari e allineati per affrontare le prossime settimane, con la frenesia per gli acquisti di Natale»

Confermate le misure in vigore, eccezioni per le festività

Gli assembramenti per più di 5 persone, regola più restrittiva rispetto a quella federale, rimangono vietati nei luoghi pubblici, salvo per componenti della stessa economia domestica. Stesso limite per gli incontri familiari, ma nei giorni 24, 25, 26, 31 dicembre e 1 gennaio, la partecipazione è consentita fino a un massimo di 10 persone come da disposizioni federali. Ancora in vigore il limite delle 30 persone per le funzioni religiose, per il 24 e 25 dicembre sarà consentita la partecipazione fino a un massimo di 50 persone nel rispetto dei piani di protezione. Chiusi i locali erotici e vietata la prostituzione su tutto il territorio cantonale. Negozi chiusi anche il 6 gennaio. 

Alle persone a rischio è raccomandato di effettuare gli acquisti durante le ore mattutine, meno affollate, e di affidarsi ai servizi di consegna a domicilio già attuati in diversi comuni. 

Tutte le disposizioni entrano in vigore il 22 dicembre e restano in vigore fino al 22 gennaio. 

Norman Gobbi ha altresì richiamato all'attenzione durante le attività all'aperto per non mettere in difficoltà le strutture ospedaliere, ciò che non vale dunque solo per i comprensori sciistici. 

Il Ticino ha chiesto alla Confederazione la chiusura dei valichi secondari durante le festività, per evitare l'afflusso di un numero eccessivi di cittadini dall'Italia in virtù anche dei controlli meno intensi effettuati dalle autorità italiane alle frontiere rispetto al mese di marzo.

Vitta: 'Settima prossima messaggio sui casi di rigore'

Il direttore del Dfe ha ribadito le misure finanziarie già attuate per sostenere le attività economiche colpite dalle restrizioni, come l'estensione dei criteri e dei beneficiari per il lavoro ridotto, l'aumento dell'indennità dall'80 al 100% e l'eliminazione del tempo di attesa.  Quasi 600 milioni di franchi erogati fino ad ora.

Altro strumento sottolineato da Vitta è l'indennità per perdita di guadagno per le persone costrette a ridurre o interrompere l'attività, incluse le persone la cui attività è assimilabile a quella del datore di lavoro. Per determinate il concetto di "limitazione considerevole dell'attività" è stata ridotta dal 55 al 40% la soglia della diminuzione del fatturato rispetto alla media del periodo 2015-2019, erogati oltre 140 milioni di franchi nel solo Ticino. «Berna sia al fianco dei cantoni», ha chiesto Vitta, annunciando che la prossima settimana verrà presentato il messaggio riguardante i casi di rigore, che coinvolge  75 milioni di franchi di aiuti, 30 milioni a carico del cantone. Le forme di aiuto previste saranno di due modalità, la fideiussione, ovvero l'accesso a prestiti, e contributi a fondo perso, saranno i beneficiari a scegliere quale strumento utilizzare. Tali misure sono da considerare partecipazione ai costi fissi come affitti, ammortamenti e altre voci di spesa, la parte legata ai salari è invece coperta tramite lavoro ridotto e Ipg. 

Pensando alle imminenti festività natalizie tutti noi abbiamo un impegno morale ad usufruire dei servizi di asporto concessi alla ristorazione. Per facilitare ciò, sul sito viviiltuoticino.ch, su cui erano stati promossi i buoni sconti estivi offerti dal cantone, è stata aperta una nuova pagina in cui i ristoratori che effettuano l'asporto possono inserire i propri dati in modo che i cittadini possano trovare sul sito le informazioni su quali attività effettuano tale servizio.

Comprensori sciistici e mobilità 

Norman Gobbi ha ricordato che il Ticino aveva chiesto una regolamentazione nazionale per evitare l'eccessiva mobilità fra cantoni con impianti chiusi e altri in cui sono invece aperti. Alle stazioni sciistiche del cantone è stato chiesto di dare priorità alla popolazione residente, e di aumentare la presenza dei pattugliatori sulla pista per evitare infortuni che pesino sul sistema sanitario. Raffaele De Rosa ha sottolineato l'importanza per la salute fisica e mentale, messa a dura prova dalle restrizioni e dalla situazione di pandemia, di compiere attività all'aria aperta in luoghi isolati e senza contatti ravvicinati, ma di farlo con molta prudenza.  

Le ulteriori disposizioni vigenti in Ticino, in breve:

  • Assembramenti fino a un massimo di 5 persone negli spazi pubblici.
  • Incontri privati fino a un massimo di 5 persone con eccezioni per il 24, 25, 26, 31 dicembre e il 1° gennaio dove il limite sarà di 10 persone.
  • Servizi d’asporto e consegna a domicilio permessi fino alle 22.00.
  • Celebrazioni religiose, ammesse fino a 30 persone con eccezione il 24 e 25 dicembre dove saranno autorizzate fino a 50 persone se garantiti adeguati piani di protezione.
  • Le domeniche, gli altri festivi e il 6 gennaio 2021 i negozi e le strutture accessibili al pubblico rimarranno chiusi come previsto dalle disposizioni federali

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato coronavirus
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved