preventivo-2021-il-primo-di-tanti-rossi
Gran Consiglio riunito al mercato coperto di Mendrisio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

Ponte Capriasca, evento solidale per il Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
22 min

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
52 min

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
53 min

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
1 ora

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
1 ora

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
1 ora

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
1 ora

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
1 ora

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
2 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
2 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
2 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
2 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
2 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
2 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
Locarnese
2 ore

Alvad, col progetto Ril cure qualitative a costi sostenibili

La messa in rete dei servizi sociali e sanitari è la sfida futura per gli operatori pubblici e privati del settore delle cure a domicilio
Ticino
2 ore

‘Caro benzina, il governo chieda a Berna di intervenire’

Con un’interrogazione Lara Filippini (Udc) invita il Consiglio di Stato a farsi portavoce col Consiglio federale dei disagi economici in Ticino
Luganese
2 ore

Dimissioni a Val Mara, Maffei: ‘Non sono mica un outsider’

Archiviato il ballottaggio l’ex sindaco di Melano si ritira dalla politica attiva dopo 34 anni di cui 22 alla guida dell’esecutivo
Bellinzonese
3 ore

Medie di Cadenazzo, allievi in concerto per la fine dell’anno

Appuntamento per giovedì 19 maggio: si esibiranno gli studenti di quarta media dell’opzione musica. A seguire aperitivo
Ticino
3 ore

Gravi incendi, esplosioni, siccità: le prove di ‘Odescalchi 22’

Presentata l’operazione che ha lo scopo di esercitarsi su scenari di crisi in una collaborazione transfrontaliera. Deciso anche un Protocollo d’intesa
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, in assemblea l’Unità socialista

All’ordine del giorno dei lavori, in agenda il 25 maggio, le relazioni di presidente, capogruppo e municipale
Locarnese
3 ore

L’ergoterapista assolto; il suo accusatore ancora no

Locarnese, il filone secondario della vicenda. Per il Tribunale federale il caso per ‘denuncia mendace’ deve tornare alla Corte dei reclami penali
Ticino
3 ore

Per Ascensione e Pentecoste 25 treni speciali da e per il Ticino

Numerosi treni regolari – tra cui anche EuroCity diretti in Italia – verranno potenziati con carrozze o unità aggiuntive. Circa 35mila i posti in più
Luganese
3 ore

Lugano Region, sei escursioni guidate da scoprire

Negli uffici del comprensorio è approdato il nuovo opuscolo informativo. Aperte le prenotazioni
Locarnese
4 ore

Terreno agricolo da Castione a Losone: tre opposizioni

Alla serata pubblica sulla compensazione prevista per le nuove officine Ffs, critiche, domande e segnali di sostegno
14.12.2020 - 20:01
Aggiornamento : 20:28

Preventivo 2021, il primo di tanti rossi

Senza interventi nel medio periodo, i disavanzi rischiano di diventare strutturali. Domani la Gestione esaminerà tutti gli emendamenti

Il rapporto sul preventivo 2021 è il risultato di un esercizio impegnativo fatto «nel tentativo di trovare un compromesso che consentisse al Consiglio di Stato e all’amministrazione di essere operativa anche dal primo di gennaio». Così il relatore Matteo Quadranti (Plr) sulla discussione di entrata in materia sui conti del Cantone che chiudono con un previsione di deficit di quasi 231 milioni di franchi e una prospettiva, per il prossimo quadriennio, stando al Piano finanziario, di un ulteriore debito cumulato di un miliardo di franchi che si aggiungerebbe agli attuali due miliardi di franchi di debito pubblico. A ogni modo, l’invito del relatore è quello di approvare il documento così come è uscito dalla Commissione della gestione e delle finanze. «La situazione è critica ed è causata prevalentemente dalla crisi economica frutto di quella sanitaria», ha spiegato Quadranti chiedendo al parlamento di dare fiducia al governo sulle misure che verranno concordate e presentate entro la fine del prossimo giugno. Gestione e governo sono consapevoli che questi risultati non sono procrastinabili a lungo. «La situazione finanziaria è critica ma non possiamo improvvisare ora tagli o investimenti», ha avvertito ricordando che «la spesa sociale non è esplosa, la disoccupazione non ha avuto grossi scostamenti rispetto a quanto immaginato, come pure i fallimenti». Nei prossimi giorni, infine, dovrebbe arrivare anche il messaggio del Consiglio di Stato sui cosiddetti casi di rigore discussi a livello federale. Misure che serviranno a contrastare gli effetti economici negativi del coronavirus. 

Proprio riguardo agli aiuti finanziari Alessandro Speziali, presidente del Plr, ha auspicato durante il suo intervento che sia possibile attingere il prima possibile alle ulteriori risorse economiche annunciate dalla Confederazione, le quali implicano anche una partecipazione da parte dei cantoni. A nome del proprio partito, Speziali ha sostenuto il messaggio riguardo ai conti preventivi 2021, «nella speranza che nei prossimi mesi sapremo orientare la nostra progettualità, fatta di scelte e rinunce». Speziali ha infatti ricordato che il territorio ticinese è pieno di risorse che possono contribuire allo sviluppo del cantone, fra cui centri di ricerca, università e aziende che operano nei campi delle tecnologie, delle scienze biomediche e di quelle umane. Al riguardo ha precisato l’importanza della formazione, che sta alla base della creazione di professionisti in grado di resistere alla concorrenza del mercato del lavoro. Inoltre Speziali ha spiegato che è fondamentale mantenere la salute e la prosperità delle realtà aziendali ticinesi, che danno la possibilità ai giovani di ottenere un posto di tirocinio. Il presidente del Plr si è inoltre soffermato, fra gli altri, sugli emendamenti proposti dalla Lega. Riguardo al blocco temporaneo degli scatti salariali di alcuni segmenti dell’amministrazione si è detto piuttosto favorevole a patto di «capire se convenga limitare la misura al ruolo di dirigente, o se invece applicarla a coloro che si trovano già a buon punto della propria crescita salariale, senza penalizzare chi invece si trova ai primi scalini della propria progressione, indipendentemente dalla funzione». Anche per quanto concerne il blocco delle assunzioni negli uffici cantonali per il Plr non ci sono tabù, a patto che non venga ostacolato il funzionamento delle attività legate alla pandemia e quelle degli uffici che serviranno nel momento del rilancio.  

Meno accondiscendente, sulla linea attendista e governativa, è apparso Boris Bignasca che è intervenuto a nome della Lega. Ricordiamo che il capogruppo Michele Foletti ha rassegnato le dimissioni proprio in polemica con la posizione del suo partito. «Attenzione, ha avvertito Bignasca, stiamo andando a spendere i soldi dei contribuenti in un momento in cui il paese sta soffrendo». «La disoccupazione non è aumentata? A me risulta, dai dati della Seco (Segreteria di Stato per l’economia, ndr), che ci sono duemila persone in più alla ricerca di lavoro con il rischio che aumentino i casi in assistenza», ha affermato citando i dati sul debito pubblico in aumento (+50%) e quello occulto che pesa sulla cassa pensione dei dipendenti dello Stato. Da qui la proposta di approvare il Preventivo solo se il Parlamento accetti gli emendamenti presentati dal suo gruppo politico: blocco degli scatti salariali per i dipendenti pubblici e quello delle assunzioni.

Favorevole al progetto di Preventivo così come accettato dalla Gestione i popolari democratici. Maurizio Agustoni, capogruppo Ppd, ha sottolineato come la pandemia «ha avvelenato la nostra società confrontandoci quotidianamente con la morte». «L’aspetto economico è solo minimamente governato da noi. Dalle grandi crisi, la storia lo insegna, si esce in modo rapido. Sono gli aspetti psicosociali quelli con cui dovremo fare i conti a lungo», ha affermato Agustoni ricordando che il disagio psichico giovanile è aumentato come anche la precarietà delle donne lavoratrici. Da qui - ha detto l’esponente popolare democratico - la sfida principale è d'infondere speranza. La natalità, per esempio, è diminuita del 15% in cinque anni. Ricordando che i vincoli di bilancio non potranno essere rispettati, se non con tagli per 100 milioni l’anno. Da qui la richiesta di indennizzi a chi è stato colpito dalle chiusure e limitazioni decise dalla Confederazione. Indennizzi hce dovranno essere elargiti in primis da Berna e solo in seconda istanza dal Cantone. «È impensabile lasciare morire il tessuto economico sull'altare dell’equilibrio finanziario», ha concluso Agustoni affermando che in questo momento non si giustificano né tagli di spesa, né aumenti d'imposta. 

Ivo Durisch, capogruppo Ps, sostenendo il Preventivo 2021, ha affermato che «questo voto non è una cambiale in bianco al Governo, ma un atto dovuto alla popolazione». «Attendiamo il messaggio sulla rendita ponte Covid19 e ci aspettiamo aiuti per gli affitti commerciali». Da qui la richiesta di evitare ulteriori sgravi fiscali (70 milioni l’anno dal 2025, ndr) e di permettere alla Cassa pensioni dello Stato di mantenere gli impegni nei confronti dei futuri pensionati. Durish, pur affermando che non bisogna sperperare risorse pubbliche e far pesare il debito sulle future generazioni, esclude i tagli lineari proposti dall’Udc. «L’obiettivo è quello di non lasciare indietro nessuno. Unità, vicinanza e solidarietà sono state le parole del governo degli ultimi mesi. Ora seguano i fatti, senza grettezza e parsimonia meschina», ha concluso. 

Paolo Pamini, a nome dell’Udc, ha ricordato che prima o poi bisognerà fare i conti con il risanamento finanziario. «Mancheranno 200 milioni di franchi l’anno», ha affermato. Da qui la proposta di azzerare subito l’autofinanziamento negativo pari a 22 milioni con tagli lineari presentando un emendamento in materia. «Si possono trovare facilmente senza trucchi contabili alla greca», ha affermato. 

Critici anche i Verdi. Samantha Bourgoin, usando una metafora, ha paragonato la situazione sociale, sanitaria e finanziaria all’incendio di un condominio. Incendio da domare per evitare conseguenze più gravi.

Contrari a conti preventivi il Movimento per il Socialismo e il Partito comunista.

La posizione del Governo

Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato, ha invece ricordato che una riforma dell’attività dell’amministrazione si imporrà nei prossimi mesi anche alla luce della crisi, facendo intendere che comunque il Preventivo va approvato così com’è. 

Per il direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia, il consigliere di Stato Christian Vitta, le previsioni non sono ancora certe. «Ci saranno scostamenti anche importanti nei prossimi mesi e anni, ma una cosa è certa: stiamo conoscendo una rottura della dinamica economica», ha avvertito Vitta. Un primo effetto lo si è già visto con il disavanzo registrato nel preconsuntivo  2020. Ma anche il modo di fare economia cambierà. «Le riforme non si possono fare con il preventivo. Puntualmente - ha continuato - ci saranno degli interventi come quello sulla rendita ponte (9,6 milioni tra Cantone e Comuni, ndr) e quello sui casi di rigore. Il Ticino - ha affermato Vitta - metterà a disposizione il massimo possibile tra l’importo a suo carico e quello della Confederazione. Il messaggio verrà presentato la prossima settimana. «A ogni modo non è possibile aumentare all’infinito il debito pubblico, ma agiremo in modo proattivo senza subire gli eventi anche perché i disavanzi non si risolveranno da soli. Il Consiglio di Stato - ha ricordato Vitta - ha già incaricato un gruppo di lavoro per definire questo percorso di risanamento. Il responsabile del Dfe non ha parlato di patto di Paese, ma di «partecipazione politica attiva e responsabile». «Anche le proposte di emendamento saranno uno spunto interessante, da prendere in considerazione nelle valutazione delle misure che saranno presentate nei prossimi mesi», ha concluso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantone consiglio stato debito preventivo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved