ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
14 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
15 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
15 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
15 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
09.12.2020 - 19:11

Finanze cantonali, Vitta: 'Il disavanzo rimarrà molto importante'

Il direttore del Dfe commenta l'aggiornamento dei conti, 244 milioni di deficit rispetto ai 270 previsti a fine agosto, e invita la politica a convergenze

finanze-cantonali-vitta-il-disavanzo-rimarra-molto-importante
Ti-Press

Certo, è «un leggero miglioramento» quello portato dall'aggiornamento al 31 ottobre del Consuntivo 2020. Dai 269,5 milioni di franchi di disavanzo previsti a fine agosto si recupera qualcosina, arrivando ai 243,8 milioni di deficit annunciati oggi dal Consiglio di Stato. Un leggero miglioramento constatato dal direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, che però raggiunto dalla ‘Regione’ tiene ferma la barra: «Questi dati vanno presi con molto beneficio d'inventario perché siamo nel pieno di una fase di enorme incertezza. Grazie a una estate che in Ticino è andata particolarmente bene soprattutto nel settore turistico e ad altri fattori positivi, le stime di decrescita del Prodotto interno lordo che erano dell'8 per cento nello scorso aggiornamento erano state fissate dal Bak Basel a un -4,8 per cento. In questo aggiornamento intermedio delle finanze cantonali noi abbiamo arrotondato la stima del calo del Pil a -6 per cento, perché quella del Bak era risalente all'inizio della seconda ondata». Ogni dato però, prosegue il direttore del Dfe, «andrà valutato nei prossimi mesi alla luce dell'evoluzione reale, fare delle previsioni è difficile». Quello che è sicuro, purtroppo, è che «il 2020 registrerà un disavanzo importante. Se ci saranno alcune decine di milioni in più o in meno lo sapremo solo più in là nel tempo».

Vitta: ‘Dalla politica serve visione complessiva, non settoriale’

Un tempo che si prospetta lungo, visto che per anni saremo confrontati con cifre più che rosse. Quanto è importante che in questo periodo la politica mostri responsabilità fissando delle priorità di azione e i partiti non si limitino a difendere il proprio fortino? Insomma, questo aggiornamento delle finanze del Cantone è un'altra occasione per invitare alla responsabilità la politica? «Partiamo dal presupposto che il Paese sarà confrontato nei prossimi mesi e anni con sfide importanti e su più fronti: quello economico, quello sociale, quello finanziario...» premette Vitta. Per carità, «è giusto e importante che ci siano sensibilità e visioni diverse sui vari temi». Ma quello che per il direttore del Dfe «sarà importante» è principalmente «la capacità di mettere dei filtri, di trovare punti di unione perché, chiaramente, il Paese ha bisogno di poter fare dei passi in avanti e non di avere blocchi e veti incrociati». Sul tema, per Vitta «è importante il segnale che ci è arrivato dal Preventivo 2021, dove le forze politiche sono riuscite a trovare una convergenza che ha permesso di fare un passo avanti. In fondo si tratta proprio di confrontare diverse posizioni, giusto in democrazia, e con intenso lavoro di dialogo trovare convergenze, punti di incontro». L'auspicio di Vitta è che «prevalga una visione complessiva, non settoriale. Questo permetterà di tenere sotto controllo l'evoluzione delle finanze dello Stato, e la sua attività».

I numeri

Un rosso previsto di 243,8 milioni si diceva. Tra le maggiori spese rispetto al preventivo che ipotizzava un avanzo di 4,1 milioni di franchi - sembra una vita fa, eppure... - il Consiglio di Stato cita “+60 milioni di contributi per ospedalizzazioni nel Cantone, +10,1 milioni di spese legate all'emergenza sanitaria, +9 milioni d contributi per agevolazioni tariffali nel settore della mobilità, +4 milioni di contributi a istituti per invalidi e +3,4 milioni di contributi alle case anziani”. I minori ricavi, invece, sono determinati “principalmente dalla riduzione dei gettiti fiscali per 173,1 milioni di franchi, dal mancato incasso della tassa di collegamento per 18 milioni e dalle minori entrate dell'imposta alla fonte per 12,3 milioni”.

A mitigare, seppur parzialmente, gli effetti negativi ci pensa la Banca nazionale svizzera: grazie a un 2019 che ha portato “a un ottimo risultato”, la quota sull'utile per il Cantone Ticino aumenta a 82,5 milioni di franchi. Un incremento, però, “non strutturale e che potrebbe manifestarsi in modo più ridotto nei prossimi anni”.

In Ticino si fa più fatica

Intanto, dall'ultima indagine dell'Istituto ricerche economiche (Ire) emerge che in Ticino la ripresa è più lenta di quanto si sperasse: “Nel corso del terzo trimestre 2020, l'evoluzione economica in Ticino è stata maggiormente negativa rispetto alla media del territorio nazionale”. A livello settoriale, “si sono accentuate le difficoltà per il settore manifatturiero che presenterà un andamento negativo anche nel corso dei prossimi trimestri. Il settore alberghiero ha invece mostrato segnali incoraggianti di recupero. Continua invece la contrazione del settore del commercio, mentre crescono nuovamente i fatturati per le società attive nel settore finanziario”. Rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, invece “il numero di posti di lavoro attivi sono scesi dell'1,3 per cento”.

Leggi anche:

Preventivo 2021 in aula a dicembre

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved