ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
6 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
7 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
8 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
8 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
03.12.2020 - 21:46

Lo Stato paghi i premi dei giovani? La maggioranza dice no

Cassa malati, la commissione parlamentare: la proposta Mps-Pop-Indipendenti è in contrasto con una socialità mirata e costerebbe al Cantone fino a 70 milioni annui

lo-stato-paghi-i-premi-dei-giovani-la-maggioranza-dice-no

Sarebbe "in contrasto con una socialità mirata" e risulterebbe, a conti fatti, piuttosto salata per le casse pubbliche. Pone l'accento su questi due aspetti la maggioranza della commissione parlamentare 'Sanità e sicurezza sociale' nel dire no all'iniziativa parlamentare con cui Mps-Pop-Indipendenti (prima firmataria Simona Arigoni Zürcher) chiedono che il Cantone si accolli "integralmente gli oneri relativi ai premi dell'assicurazione malattia di base per tutti i giovani fino ai 16 anni e per i giovani in formazione (scolastica o professionale) dai 16 ai 25 anni". Lo Stato paghi i premi di cassa malati? L'iniziativa, si afferma nel rapporto stilato dal liberale radicale Giorgio Galusero e, come indica una nota commissionale, firmato oggi (tranne che dal Ps), "non risponde al principio di giustizia sociale che dovrebbe prevalere in questi ambiti". La proposta, osserva la maggioranza, "è infatti in contrasto con una socialità mirata e rivolta a chi ha veramente bisogno. Per le famiglie meno abbienti, beneficiarie delle prestazioni Laps  (la Legge sull'armonizzazione e il coordinamento delle prestazioni sociali, ndr.), una maggiore presa a carico dei premi di cassa malati nei termini proposti comporterebbe automaticamente una riduzione equivalente della prestazione: risulta quindi chiaro che proprio queste fasce di popolazione non avrebbero nessun miglioramento della loro situazione economica, mentre si andrebbe a favorire famiglie con redditi anche importanti".

E poi c'è l'impatto finanziario, tutt'altro che trascurabile, che l'iniziativa avrebbe per l'ente pubblico. "Per il Cantone assumersi i premi di cassa malati per tutti i minorenni e per chi è in formazione fino a 25 anni (che complessivamente sono almeno 65mila) comporterebbe un carico finanziario considerevole che annualmente potrebbe anche raggiungere i 70 milioni di franchi", si sottolinea nel rapporto, con il quale la maggioranza, in linea con la posizione del governo, sollecita il plenum del Gran Consiglio a respingere la proposta del Movimento per il socialismo. Rapporto in cui si ricorda anche l'audizione della prima firmataria in commissione: "A precisa domanda a sapere se poteva entrare in linea di conto una possibile soglia al fine di limitare la partecipazione dello Stato entro un determinato reddito, la collega Zürcher ha ribadito che il loro scopo è la gratuità per ogni cittadino".  

La reazione

 «Se chiedessimo al Cantone di pagare i premi dei giovani sotto un certo reddito, si dovrebbe peraltro mettere in piedi un apparato per verificare chi ne può beneficiare e chi no.  Il che sarebbe un problema. La nostra proposta evita quindi di complicare il sistema», sostiene Simona Arigoni Zürcher, interpellata dalla 'Regione'. «Sapevamo che non è nell'interesse del governo e della commissione concedere questo aiuto, ma bisogna considerare che negli anni è diventato sempre più difficile ricevere i sussidi di cassa malati. I tagli ci sono stati e ammontano a svariati milioni», rileva ancora la granconsigliera. 

Il Ps non firma, ma non farà neppure un rapporto di minoranza

Il Ps non ha sottoscritto il rapporto. «Ma non faremo neppure un rapporto di minoranza favorevole all'iniziativa, la quale - aggiunge Raoul Ghisletta, da noi contattato - genererebbe notevoli costi per il Cantone, per un intervento ad annaffiatoio. Il problema comunque esiste e sono gli importi importanti che le famiglie con figli devono versare per i premi di cassa malati, ma di questo si sta già discutendo in sottocommissione sulla scorta di vari atti parlamentari sul tema».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved