permessi-il-ppd-serve-un-servizio-ricorsi-indipendente
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda.
Luganese
3 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
6 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
17 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
19 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
20 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
21 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
1 gior

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
1 gior

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
1 gior

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
10.09.2020 - 06:00

Permessi, il Ppd: 'Serve un Servizio ricorsi indipendente'

Agustoni: 'L'obiettivo è di avere nella giustizia amministrativa una prima istanza che applichi unicamente il diritto'. Governo per ora silente sulla vicenda

I popolari democratici preferiscono concentrarsi, spiega il capogruppo in Gran Consiglio, «sulla questione a monte» della polemica di questi giorni, cioè «l'indipendenza del Servizio ricorsi del Consiglio di Stato». E così «abbiamo deciso di chiedere al governo, vedremo in quale forma, di fare una valutazione su come viene esercitata negli altri Cantoni la giustizia amministrativa di prima istanza: ciò allo scopo di avere in Ticino un'autorità, che oggi si chiama Servizio dei ricorsi, davvero indipendente e dunque più autorevole e credibile di oggi agli occhi dei cittadini», afferma Maurizio Agustoni, interpellato ieri sera dalla 'Regione' al termine della riunione del gruppo parlamentare. Una seduta durante la quale i deputati del Ppd hanno parlato anche dell'inchiesta giornalistica di 'Falò' (Rsi) sui (serrati) controlli di polizia in materia di stranieri e sulla (restrittiva) politica del Dipartimento istituzioni in materia di permessi, inchiesta andata in onda una settimana fa, cui hanno fatto seguito, in studio, le (controverse) dichiarazioni del leghista Norman Gobbi, che di quel Dipartimento è il titolare.

Nel frattempo gli atti parlamentari non sono mancati, come quello, targato Partito socialista, che chiede "l'attivazione" dell'alta vigilanza da parte del parlamento con l'obiettivo di "fare chiarezza su procedure e prassi adottate dall'Esecutivo e dal direttore del Dipartimento istituzioni, attribuendo le relative responsabilità politiche". Riprende Agustoni: «Al di là dell'esercizio o meno dell'alta vigilanza da parte del Gran Consiglio, noi riteniamo opportuno guardare appunto a monte, ovvero al fatto che le sentenze del Servizio ricorsi del Consiglio di Stato vengono modificate in percentuale molto elevata dal Tram, il Tribunale cantonale amministrativo. Insomma, un numero importante di decisioni amministrative di prima istanza che vengono impugnate sono giudicate sbagliate dalla seconda istanza. Lo stesso Tram, da anni, segnala anche pubblicamente questa situazione, problematica sotto diversi punti di vista. Il Servizio ricorsi non costituisce un valido filtro, cosa che genera sfiducia nei cittadini, oltre a sovraccaricare il sistema giudiziario, allungare i tempi della giustizia e causare costi e attività inutili». Che fare? Una soluzione potrebbe essere quella di separare il Servizio ricorsi dall'Amministrazione e quindi dal governo, trasformandolo in un'autorità giudiziaria indipendente. «Cominciamo a vedere come si sono organizzati gli altri Cantoni - sostiene Agustoni -, anche per non inventarsi soluzioni in Ticino che altrove hanno magari innescato problemi. Lo scopo della nostra richiesta - sottolinea il capogruppo del Ppd - è di avere nell'ambito del contenzioso amministrativo una prima istanza che nel decidere applichi unicamente il diritto. Le decisioni non devono in alcun modo dipendere dalle sensibilità politiche del momento, condivisibili o no, presenti in governo. Ricordo che la giustizia amministrativa tocca numerosi aspetti della vita dei cittadini e non può e non deve essere terreno di scontro politico. Confido che anche gli altri gruppi politici condividano questo approccio e possa pertanto esserci consenso ad andare in questa direzione».  

Gianella (Plr): siamo preoccupati

Il gruppo Plr discuterà «mercoledì prossimo» dell'istanza socialista, trasmessa all'Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, di attivare l'alta vigilanza, fa sapere Alessandra Gianella, alla testa dei deputati liberali radicali. Sul tema permessi/ controlli/decisioni del Consiglio di Stato «ci siamo già mossi un anno fa, sollevandolo con una mozione di Matteo Quadranti, Marco Bertoli e Bixio Caprara e ieri (martedì, ndr.) con un'interpellanza presentata da Quadranti a nome del gruppo», ricorda Gianella. "Non si mobbizzi con i permessi di domicilio e di dimora" era il titolo dell'atto parlamentare inoltrato il 16 settembre 2019. "La politica delle ingerenze, l'ingerenza della politica", il titolo invece dell'interpellanza dell'altro ieri. «Siamo chiaramente preoccupati per quanto emerso dal recente servizio 'di Falò' - osserva la capogruppo del Plr -. Si ha l'impressione che l'autorità faccia dei controlli non solo laddove è necessario, ma anche laddove questi controlli non si giustificherebbero» 

Lega all’attacco. Il Consiglio di Stato non si pronuncia

La Lega dei Ticinesi difende intanto il ‘suo’ consigliere con un comunicato stampa. O meglio: attacca la Rsi, parlando di “faziosità” e “strumentalizzazione” con “l’unico obiettivo di mettere in cattiva luce l’operato degli esponenti del movimento”. Pieno sostegno al Di e al suo “lavoro coerente che ha dato ottimi risultati nel campo della sicurezza e che dovrebbe anzi essere potenziato per eliminare tutti gli abusi sia nel settore delle prestazioni sociali, sia in quello dei contratti”. 

Il Consiglio di Stato invece non si pronuncia sul tema dei permessi. Ci risulta che se ne sia parlato nella seduta di ieri, ma senza comunicazioni all’esterno, coi singoli consiglieri che fedeli al principio di collegialità rimettono di fatto la palla in mano al Presidente. Ovvero lo stesso Gobbi al centro della controversia. Resta da capire se e fino a che punto gli altri abbiano assecondato – proprio al momento delle decisioni in ambito di Servizio ricorsi – il modo di operare della Sezione della popolazione in seno al Di: proprio Gobbi aveva descritto la sua prassi come “chiara scelta politica” condivisa dall’esecutivo (precisando ieri a ‘laRegione’ che non si è però trattato di un consenso di principio, ma su singoli casi riguardanti richiedenti che avevano commesso “reati gravi pur lontani nel tempo”).

IMPRESE

Aiti: ‘Margini di miglioramento’

La questione dei permessi interessa da vicino anche gli imprenditori. A ‘laRegione’ Gobbi aveva riferito di «diverse discussioni con l’Associazione delle industrie ticinesi (Aiti) e la Camera di commercio su questo tema. È capitato anche di vederci contestati troppi controlli». Stefano Modenini, direttore di Aiti, precisa: «In passato ci è capitato di dover sollecitare il Dipartimento delle istituzioni, ma per questioni che riguardavano più le tempistiche di rilascio dei permessi che i controlli effettuati: circa un anno fa scrivemmo una lettera sottolineando i problemi causati da tempi di evasione delle pratiche particolarmente lunghi». Comunque «nel frattempo i ritardi sono stati riassorbiti e devo dire che anche con la Sezione della popolazione c’è buona collaborazione. Di fronte a casi concreti troviamo delle soluzioni qualora sorgano problemi nella concessione dei permessi. Molte volte il permesso è dovuto e viene rilasciato, altre volte anche noi constatiamo che non tutte le richieste – di permessi B in particolare – sono giustificate.»

Ma il rigore crea problemi? «Chiaramente c’è stato un aumento dei controlli negli ultimi anni, una situazione che si può condividere o meno, che non sempre ci piace, e che può generare qualche disaccordo anche con chi come le nostre aziende si affida a un management spesso internazionale», risponde Modenini. «In altri cantoni normalmente basta un paio di settimane per un permesso B. Non direi però che non vi sia accoglienza da parte delle istituzioni ticinesi. Certo, qualche volta i controlli sulla presenza in casa possono infastidire persone abituate a viaggiare anche per più di 150 giorni all’anno. Ma in questo senso mi pare che con le dovute spiegazioni le cose si sistemino per il meglio. Però ci sono ancora margini di miglioramento da parte dell’autorità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved