ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
18 min

Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’

Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
2 ore

Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda

Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
23 ore

La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa

Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
23 ore

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
1 gior

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 gior

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 gior

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
1 gior

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
1 gior

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
1 gior

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
1 gior

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
1 gior

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
09.09.2020 - 07:00

'Su quelle morti serve chiarezza'. Modalità cercansi...

Coronavirus e decessi nelle case per anziani. Richiesta Mps di una Cpi: sentito dalla sottocommissione 'Finanze/Alta vigilanza' il giurista del parlamento

su-quelle-morti-serve-chiarezza-modalita-cercansi
(foto Ti-Press)

Coronavirus e decessi nelle case per anziani ticinesi, perlomeno in alcune: ci sarà una commissione parlamentare che indagherà su "come le autorità cantonali e le direzioni delle case abbiano gestito l’emergenza Covid"? La risposta è prematura. L’esame in Gran Consiglio della richiesta, datata 29 maggio, di Mps-Pop-Indipendenti di dar vita a una Cpi, registra comunque un passo avanti. Ieri mattina la ’Finanze/Alta vigilanza’, sottocommissione della Gestione, ha infatti sentito il consulente giuridico del parlamento Roberto Di Bartolomeo per capire fra l’altro quali siano gli strumenti a disposizione per fare chiarezza, tenuto conto che vi sono case per anziani in mano ai Comuni. Rispondendo alle domande dei deputati, Di Bartolomeo ha indicato alcune possibili soluzioni. Tra queste appunto, come in passato su altri dossier, la Commissione parlamentare d’inchiesta, che permetterebbe di avere accesso a tutte le informazioni, incluse quelle in possesso dei Comuni e di altri enti coinvolti nella gestione degli istituti: l’azione di una Cpi sarebbe quindi più incisiva di quella della sottocommissione ’Finanze/Alta vigilanza’. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di assegnare a un gruppo di esperti il compito di fare delle verifiche, di fare un audit.

La sottocommissione non ha preso per il momento nessuna decisione. Qualora optasse per una commissione parlamentare d’inchiesta, per una Cpi, l’ultima parola spetterebbe al plenum del Gran Consiglio. Il presidente della ’Finanze/alta vigilanza’, il leghista Michele Guerra, non si sbilancia, ricordando che sottostà «al segreto commissionale». La vita, premette, «merita la massima tutela in tutte le condizioni, soprattutto quando si tratta di persone fragili come gli anziani. I decessi nelle case per anziani sono stati una tragedia nella tragedia. Un’analisi approfondita, indipendente e franca - aggiunge Guerra - si rende pertanto più che necessaria. Ecco perché come sottocommissione stiamo analizzando - con grande attenzione e oggettività - cosa e come fare. Per ora posso solo confermare che dopo aver discusso il tema in più occasioni e dopo aver svolto stamane (ieri, ndr.) una prima audizione, per chiarire il quadro legale, nelle prossime settimane sentiremo persone, uffici ed enti che si sono occupati a vario titolo della gestione dell’emergenza Covid-19 in Ticino. In base a ciò che emergerà da queste audizioni e a ulteriori informazioni che raccoglieremo decideremo gli strumenti da impiegare».

’Vediamo anzitutto quante e quali verifiche sono in corso’

La competenza gestionale sulle case per anziani non è cantonale, dato che appartengono o, come detto, ai Comuni o a fondazioni L’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta per capire se ci sono state manchevolezze durante il lockdown determinato dalla crisi sanitaria, è una delle possibilità per fare chiarezza, ma non l’unica. Anche affidare un audit a uno o a più esperti esterni all’Amministrazione, come già successo nella vicenda permessi di alcuni anni fa, potrebbe essere una soluzione non sgradita alla commissione parlamentare della Gestione e ugualmente percorribile dal profilo giuridico. Un’altra ipotesi potrebbe essere quella che gli stessi Comuni, su invito del Consiglio di Stato, avviino delle inchieste amministrative. Gli strumenti giuridici insomma non mancano. Si tratta di trovare il consenso politico attorno a una di queste vie.

«C’è scetticismo nel mio partito verso le Commissioni parlamentari d’inchiesta, che rischiano di essere strumentalizzate politicamente», afferma la capogruppo in parlamento del Plr Alessandra Gianella. Il riferimento è al caso dell’ex funzionario del Dss condannato in prima istanza per coazione sessuale. «La Cpi deve essere l’ultimo strumento nel caso in cui gli approfondimenti in corso non facciano chiarezza determinando le responsabilità», precisa Gianella, ricordando che già l’Ufficio del medico cantonale sta facendo delle verifiche sulla gestione delle case per anziani durante la fase più acuta della pandemia da Covid-19. «Nessuno è contrario a che si faccia chiarezza», osserva a sua volta Fiorenzo Dadò, presidente e granconsigliere del Ppd. «Sulle case per anziani e l’epidemia da coronavirus c’è già una verifica in corso da parte dell’Ufficio del medico cantonale. Anche il Ministero pubblico sta facendo delle valutazioni. Attenderei questi esiti, prima di pronunciarmi a favore o contro la Cpi».

Sostiene il capogruppo socialista Ivo Durisch: «Ritengo che, come ho spiegato stamattina (ieri, ndr) in sottocommissione, sia importante sapere anzitutto cosa stiano facendo altre autorità, magistratura compresa, sulla questione delle morti nelle case per anziani. Secondo me, tuttavia, l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta potrebbe essere giustificata, considerati l’eccezionalità degli eventi, di portata cantonale, e il loro impatto sulla popolazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved