Milan
Salernitana
15:00
 
elezioni-federali-il-voto-ticinese-rimane-diverso
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
49 min

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
2 ore

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
9 ore

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
18 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
18 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
19 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
19 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
19 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
19 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
20 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
20 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
20 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
20 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
20 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
20 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
21 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
21 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
21 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
21 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Ticino
 
27.08.2020 - 06:000

Elezioni federali: il voto ticinese rimane ‘diverso’

Crisi della Lega a favore dell'Udc, avanzata dei Verdi a discapito del Ps, ma anche europa e 'voto di famiglia': Intervista al ricercatore Laurent Bernhard

La crisi della Lega, il nuovo ruolo dell’Udc, il boom dei Verdi, il progressivo sbiadire dei partiti maggiori. Un sondaggio post-elettorale dell’università di Losanna ha analizzato il voto per il Consiglio nazionale dello scorso ottobre, e col sostegno del nostro Ufficio di statistica ha potuto interpellare un campione significativo anche per il Ticino. Dalle 787 interviste locali emerge un cantone nel quale si ritrovano sì certe macrotendenze – in particolare l’inedita preoccupazione per il cambiamento climatico –, ma che conserva alcune peculiarità molto specifiche, come la preoccupazione per l’Europa e la politicizzazione ‘di famiglia’. Ne parliamo con Laurent Bernhard, ricercatore presso il centro di competenze svizzero per le scienze sociali (Fors).

Bernhard, leggendo la vostra analisi ‘Selects 2019’ salta subito all’occhio la crisi della Lega: solo il 41% degli interpellati che si definiscono leghisti è andato a votare, il risultato peggiore di tutti e sei partiti maggiori. Giovani e nuovi elettori sono risultati largamente indifferenti al movimento, mentre la concorrenza a destra si è fatta sentire: il 20% di chi ha votato per l’Udc è un transfuga della Lega. Cos’è successo?

Al di là della compresenza di una forza analoga come l’Udc – con la quale la Lega trova molte convergenze – si direbbe che una grande importanza l’abbiano avuta i temi dominanti della campagna. L’ecologia ha acquisito un’importanza centrale e ha monopolizzato buona parte delle attenzioni degli elettori, costringendo il alla difensiva su argomenti e battaglie che fino a quel momento non aveva giudicato centrali.

La Lega ha scelto di scagliarsi a testa bassa contro quello che ha più volte definito “isterismo climatico”. Un errore?

Lo studio non si sofferma sulle scelte di comunicazione dei singoli partiti e candidati, ma se guardiamo al quadro più generale, possiamo ipotizzare che a penalizzare la Lega sia stata anche la perdita di centralità del tema dell’asilo e dell’immigrazione, che coi centri d’accoglienza pieni aveva dominato i media nel 2015. Il miglioramento della situazione potrebbe avere indebolito la propensione al voto di una parte degli elettori ‘storici’, che pertanto sono rimasti a casa. Nel frattempo i nuovi elettori – gli appena maggiorenni e i naturalizzati –  hanno scelto tutt’altro.

Ora che la presidenza dell’Udc è andata al ticinese Marco Chiesa, è possibile che il partito in Ticino si rafforzi ancora al momento del voto, penalizzando ulteriormente la Lega?

In Svizzera non si deve sopravvalutare il ruolo del presidente di un partito. Detto questo, certamente l’Udc potrà ottenere maggiore attenzione mediatica in Ticino proprio grazie a Chiesa. Ciò potrebbe tradursi a sua volta in un potenziamento elettorale dell’Udc a discapito della Lega, suo concorrente diretto. Grazie alla maggiore visibilità, il partito ‘agrario’ potrebbe sedurre anche un elettorato meno politicizzato. In ogni caso, anche al di fuori delle ultime Federali, il partito era già riuscito a convincere numerosi cittadini che quattro anni prima si erano astenuti.

Dall’altra parte del ventaglio politico, sono stati i Verdi a portare a casa il successo più clamoroso di queste elezioni.

Notiamo anzitutto che i Verdi hanno ottenuto questo successo pur senza riuscire a mobilitare il loro elettorato del 2015: i loro sostenitori storici non hanno partecipato al voto in maniera massiccia come ci saremmo potuti aspettare. Difficile spiegare il perché: forse quella base, più anziana, si è sentita meno coinvolta nonostante la preponderanza del tema ambientale.

I voti semmai vengono dal Partito socialista.

Sono proprio i voti presi ai socialisti – un terzo del totale, contro il 14% dai ‘vecchi’ Verdi – a fare la differenza. Decisivo è stato anche il voto nei neoelettori, che rappresentano un sesto del consenso verde. In generale, è soprattutto l’elettorato più giovane del Ps che è andato verso i Verdi.

I giovani, insomma, hanno preferito i Verdi ai socialisti. A sinistra si tratta di un cambio di mentalità generazionale – col Ps condannato al ruolo di ‘dinosauro’ insieme agli altri partiti maggiori –, oppure questo consenso rischia di rivelarsi aleatorio, specie nel caso in cui le tematiche ambientali dovessero diventare meno preponderanti?

Questa è sicuramente l’incognita più grande che i Verdi dovranno affrontare in futuro. Al momento è impossibile capire se la mobilitazione giovanile legata al clima spingerà il partito anche nei prossimi anni, oppure se interessi e priorità scivoleranno altrove. Il rischio c’è, e così anche il Ps potrebbe riuscire a recuperare quanto perso.

Moda o non moda, avete notato un’altra cosa importante: in Ticino, a differenza che nel resto della Svizzera, accanto al clima è stato vissuto dagli elettori come prioritario anche il tema delle relazioni con l’Europa.

Sì, il clima è stato decisivo ma non ha ‘investito’ il dibattito con la stessa intensità che altrove. Anzi, in Ticino la preoccupazione maggiore degli elettori è stata proprio l’Europa. Si potrebbe osservare che l’argomento interessa particolarmente i cantoni di frontiera, ma ad esempio a Ginevra le tematiche ambientati sono state nettamente più importanti. Accordo quadro, bilaterali, frontalieri dominano l’immaginario ticinese più di quello d’oltre Gottardo.

Venendo a Plr e Ppd, l’impressione è quella di una certa immobilità. Il loro elettorato storico è il più fedele di tutti: tre quarti degli elettori liberali del 2019 e il 90% di quelli popolari-democratici hanno riconfermato la loro scelta del 2015.

Ma questo non significa che tutta la base si sia mobilitata, anche se il loro zoccolo duro resta leale. Lo si vede col Plr e più ancora con il Ppd, il partito che ha perso meno voti a favore della concorrenza. Resta il problema di conquistare le generazioni più giovani e gli elettori di altri schieramenti. Nel frattempo, si tratta evidentemente di partiti il cui elettorato va invecchiando.

Avete notato altri elementi che differenziano il Ticino dagli altri cantoni?

Sicuramente – ma non è la prima volta – c’è da notare l’elevata affluenza alle urne anche per le elezioni federali. Si direbbe che in Ticino i partiti abbiano ancora un ruolo importante nella vita pubblica. In questo senso, anche le tradizioni politiche familiari tendono a sopravvivere più che altrove e a incoraggiare la partecipazione. Più in generale, l’impressione è quella di un cantone molto politicizzato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved