ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
3 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
4 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
6 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
8 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
9 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
9 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
11 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
12 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
13 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
13 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
16 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
laR
 
27.08.2020 - 06:00

Elezioni federali: il voto ticinese rimane ‘diverso’

Crisi della Lega a favore dell'Udc, avanzata dei Verdi a discapito del Ps, ma anche europa e 'voto di famiglia': Intervista al ricercatore Laurent Bernhard

elezioni-federali-il-voto-ticinese-rimane-diverso
(Keystone)

La crisi della Lega, il nuovo ruolo dell’Udc, il boom dei Verdi, il progressivo sbiadire dei partiti maggiori. Un sondaggio post-elettorale dell’università di Losanna ha analizzato il voto per il Consiglio nazionale dello scorso ottobre, e col sostegno del nostro Ufficio di statistica ha potuto interpellare un campione significativo anche per il Ticino. Dalle 787 interviste locali emerge un cantone nel quale si ritrovano sì certe macrotendenze – in particolare l’inedita preoccupazione per il cambiamento climatico –, ma che conserva alcune peculiarità molto specifiche, come la preoccupazione per l’Europa e la politicizzazione ‘di famiglia’. Ne parliamo con Laurent Bernhard, ricercatore presso il centro di competenze svizzero per le scienze sociali (Fors).

Bernhard, leggendo la vostra analisi ‘Selects 2019’ salta subito all’occhio la crisi della Lega: solo il 41% degli interpellati che si definiscono leghisti è andato a votare, il risultato peggiore di tutti e sei partiti maggiori. Giovani e nuovi elettori sono risultati largamente indifferenti al movimento, mentre la concorrenza a destra si è fatta sentire: il 20% di chi ha votato per l’Udc è un transfuga della Lega. Cos’è successo?

Al di là della compresenza di una forza analoga come l’Udc – con la quale la Lega trova molte convergenze – si direbbe che una grande importanza l’abbiano avuta i temi dominanti della campagna. L’ecologia ha acquisito un’importanza centrale e ha monopolizzato buona parte delle attenzioni degli elettori, costringendo il alla difensiva su argomenti e battaglie che fino a quel momento non aveva giudicato centrali.

La Lega ha scelto di scagliarsi a testa bassa contro quello che ha più volte definito “isterismo climatico”. Un errore?

Lo studio non si sofferma sulle scelte di comunicazione dei singoli partiti e candidati, ma se guardiamo al quadro più generale, possiamo ipotizzare che a penalizzare la Lega sia stata anche la perdita di centralità del tema dell’asilo e dell’immigrazione, che coi centri d’accoglienza pieni aveva dominato i media nel 2015. Il miglioramento della situazione potrebbe avere indebolito la propensione al voto di una parte degli elettori ‘storici’, che pertanto sono rimasti a casa. Nel frattempo i nuovi elettori – gli appena maggiorenni e i naturalizzati –  hanno scelto tutt’altro.

Ora che la presidenza dell’Udc è andata al ticinese Marco Chiesa, è possibile che il partito in Ticino si rafforzi ancora al momento del voto, penalizzando ulteriormente la Lega?

In Svizzera non si deve sopravvalutare il ruolo del presidente di un partito. Detto questo, certamente l’Udc potrà ottenere maggiore attenzione mediatica in Ticino proprio grazie a Chiesa. Ciò potrebbe tradursi a sua volta in un potenziamento elettorale dell’Udc a discapito della Lega, suo concorrente diretto. Grazie alla maggiore visibilità, il partito ‘agrario’ potrebbe sedurre anche un elettorato meno politicizzato. In ogni caso, anche al di fuori delle ultime Federali, il partito era già riuscito a convincere numerosi cittadini che quattro anni prima si erano astenuti.

Dall’altra parte del ventaglio politico, sono stati i Verdi a portare a casa il successo più clamoroso di queste elezioni.

Notiamo anzitutto che i Verdi hanno ottenuto questo successo pur senza riuscire a mobilitare il loro elettorato del 2015: i loro sostenitori storici non hanno partecipato al voto in maniera massiccia come ci saremmo potuti aspettare. Difficile spiegare il perché: forse quella base, più anziana, si è sentita meno coinvolta nonostante la preponderanza del tema ambientale.

I voti semmai vengono dal Partito socialista.

Sono proprio i voti presi ai socialisti – un terzo del totale, contro il 14% dai ‘vecchi’ Verdi – a fare la differenza. Decisivo è stato anche il voto nei neoelettori, che rappresentano un sesto del consenso verde. In generale, è soprattutto l’elettorato più giovane del Ps che è andato verso i Verdi.

I giovani, insomma, hanno preferito i Verdi ai socialisti. A sinistra si tratta di un cambio di mentalità generazionale – col Ps condannato al ruolo di ‘dinosauro’ insieme agli altri partiti maggiori –, oppure questo consenso rischia di rivelarsi aleatorio, specie nel caso in cui le tematiche ambientali dovessero diventare meno preponderanti?

Questa è sicuramente l’incognita più grande che i Verdi dovranno affrontare in futuro. Al momento è impossibile capire se la mobilitazione giovanile legata al clima spingerà il partito anche nei prossimi anni, oppure se interessi e priorità scivoleranno altrove. Il rischio c’è, e così anche il Ps potrebbe riuscire a recuperare quanto perso.

Moda o non moda, avete notato un’altra cosa importante: in Ticino, a differenza che nel resto della Svizzera, accanto al clima è stato vissuto dagli elettori come prioritario anche il tema delle relazioni con l’Europa.

Sì, il clima è stato decisivo ma non ha ‘investito’ il dibattito con la stessa intensità che altrove. Anzi, in Ticino la preoccupazione maggiore degli elettori è stata proprio l’Europa. Si potrebbe osservare che l’argomento interessa particolarmente i cantoni di frontiera, ma ad esempio a Ginevra le tematiche ambientati sono state nettamente più importanti. Accordo quadro, bilaterali, frontalieri dominano l’immaginario ticinese più di quello d’oltre Gottardo.

Venendo a Plr e Ppd, l’impressione è quella di una certa immobilità. Il loro elettorato storico è il più fedele di tutti: tre quarti degli elettori liberali del 2019 e il 90% di quelli popolari-democratici hanno riconfermato la loro scelta del 2015.

Ma questo non significa che tutta la base si sia mobilitata, anche se il loro zoccolo duro resta leale. Lo si vede col Plr e più ancora con il Ppd, il partito che ha perso meno voti a favore della concorrenza. Resta il problema di conquistare le generazioni più giovani e gli elettori di altri schieramenti. Nel frattempo, si tratta evidentemente di partiti il cui elettorato va invecchiando.

Avete notato altri elementi che differenziano il Ticino dagli altri cantoni?

Sicuramente – ma non è la prima volta – c’è da notare l’elevata affluenza alle urne anche per le elezioni federali. Si direbbe che in Ticino i partiti abbiano ancora un ruolo importante nella vita pubblica. In questo senso, anche le tradizioni politiche familiari tendono a sopravvivere più che altrove e a incoraggiare la partecipazione. Più in generale, l’impressione è quella di un cantone molto politicizzato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved