ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
2 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
5 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
5 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
5 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
6 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
6 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
9 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
10 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
14 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
07.05.2020 - 17:01
Aggiornamento: 08.05.2020 - 16:55

Tutele, le competenze a Preture ad hoc

Il Consiglio di Stato dice sì al modello proposto dal Gruppo di lavoro coordinato da Frida Andreotti. Il messaggio governativo entro fine anno

tutele-le-competenze-a-preture-ad-hoc

Tutele e curatele: in Ticino l'annosa riforma del settore registra un primo punto fermo. Il Consiglio di Stato dice sì all’istituzione di un'autorità giudiziaria specializzata nel diritto di protezione. Ovvero all'istituzione di Preture ad hoc: le "Preture di protezione". Il governo ha quindi aderito alla proposta del Gruppo di progetto, designato nei mesi scorsi dallo stesso Esecutivo e coordinato dalla direttrice della Divisione giustizia Frida Andreotti: gruppo composto dal presidente della Camera di protezione del Tribunale di appello Franco Lardelli, dal Magistrato dei minorenni Reto Medici, dal direttore della Divisione dell'azione sociale e delle famiglie Renato Bernasconi, dall'aggiunto al Direttore della Divisione delle risorse Curzio Guidotti, dal capo della Sezione enti locali Marzio Della Santa nonché da Ettore Vismara e Alessia Dolci, in rappresentanza rispettivamente dei Comuni e dei presidenti delle Autorità regionali di protezione, le Arp, oggi in mano ai Comuni e alle quali il vigente modello amministrativo assegna le competenze in materia di diritto di protezione del minore e dell'adulto. Competenze che passerebbero dunque a delle Preture, come anticipato dalla 'Regione' nell'edizione del 3 dicembre 2019.  Verrebbe in sostanza ripescato il modello ipotizzato anni fa, quello giudiziario, seppure con correttivi. Il Dipartimento istituzioni è stato così incaricato dal Consiglio di Stato di tradurre lo scenario elaborato dagli esperti in un messaggio all'indirizzo del parlamento, che aggiornerà quello pendente. Il messaggio governativo, indica il Dipartimento in una nota, "è atteso entro fine anno e sarà oggetto di una consultazione esterna con gli attori interessati". La riforma in questione, prosegue il comunicato, "è stata inserita nel progetto 'Ticino 2020', allo scopo di verificare la ripartizione dei flussi e degli oneri finanziari tra Cantone e Comuni, alla luce del prospettato passaggio di competenze istituzionali".

Il nuovo modello, spiega ancora il Dipartimento, "implica la suddivisione delle competenze in ambito di diritto di famiglia tra due autorità giudiziarie distinte: le attuali Preture, che, oltre al resto del diritto civile, continueranno a giudicare i casi del settore del diritto di famiglia che il Codice civile sottopone alla competenza del 'giudice di prima istanza'; e le nuove Preture di protezione, che giudicheranno i casi del settore del diritto di famiglia che il Codice civile sottopone alla competenza dell’'autorità di protezione' (diritto di protezione)". Le 'Preture di protezione' saranno distribuite sul territorio cantonale. 

Il nuovo indirizzo della riforma, sottolinea il Dipartimento, "consentirà di instaurare un processo di crescita delle Autorità di protezione da autorità amministrative comunali/inter-comunali ad autorità giudiziarie cantonali. I vantaggi principali di questo processo emergono in particolare dal profilo dell’autorevolezza derivante dalla natura giudiziaria dell’autorità, che rafforzerà pure il suo riconoscimento verso l’esterno anche per quanto riguarda le vertenze internazionali". Un’organizzazione "maggiormente in linea con le modifiche del diritto federale entrate in vigore negli ultimi anni, che migliorerà le sinergie nel settore del diritto di famiglia: infatti, a livello procedurale, le attuali Preture e le nuove Preture di protezione applicheranno entrambe il Codice di procedura civile". 

Leggi anche:

'Tutorie, sì al modello giudiziario. Ma ci si muova'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved