coronavirus-i-nuovi-allentamenti-al-lockdown-ticinese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
21 min

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
43 min

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
53 min

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 ora

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 ora

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
1 ora

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
1 ora

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
2 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
2 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
2 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
3 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
3 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
3 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
Gallery
Locarnese
4 ore

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni
Locarnese
5 ore

Locarno, Progetto di prossimità: uno strumento essenziale

Il Municipio pubblica il messaggio inerente alla Convenzione fra Città e Fondazione il Gabbiano per colmare la lacuna in ambito di politica giovanile
Locarnese
7 ore

Casinò a Locarno, Ace ‘sorpresa’ non molla l’idea permanenza

“Rammarico” espresso dalla Holding dopo l’annuncio di Kursaal Sa e Stadcasino Baden di aver trovato un accordo per il post nuova concessione
Luganese
8 ore

Incendio in un appartamento a Lugano, salvi gli inquilini

Due persone di una palazzina in via Gerso, dove si sono sviluppate le fiamme, sono state visitate poiché potenzialmente potevano aver inalato del fumo
Ticino
8 ore

In Ticino +5 pazienti Covid e 3 decessi, contagi stabili

In cure intense rimangono 15 persone con complicazioni da Covid, 2 in meno rispetto a ieri. Un ricovero e un decesso fra gli ospiti delle case anziani
Ticino
8 ore

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo
Luganese
9 ore

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe
Mendrisiotto
10 ore

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
22.04.2020 - 17:000
Aggiornamento : 23.04.2020 - 12:35

Coronavirus, i nuovi allentamenti al lockdown ticinese

Dopo aver incassato il sì a un'ulteriore settimana di finestra di crisi, il Consiglio di Stato presenta le nuove misure

a cura de laRegione

La prossima sarà l'ultima settimana di finestra di crisi in Ticino. Dopo aver incassato il via libera da Berna a mantenere misure più restrittive sull'economia rispetto a quanto previsto dalla Confederazione, dal 4 maggio il nostro cantone  «sarà integralmente allineato a quanto prevede l'ordinanza federale», ha rilevato il presidente del Consiglio di Stato Christian Vitta poco fa durante l'incontro con la stampa. Nel frattempo le misure che entreranno in vigore lunedì prossimo prevedono nuove concessioni. 

  • Le attività nei cantieri potranno essere svolte a patto che non vi siano più di 15 persone sul posto. Questa settimana il limite è di 10.
  • Le attività di estrazione della pietra (cave) possono essere svolte da 15 o meno persone (10 questa settimana)
  • Possono riaprire le industrie che devono svolgere lavori non procrastinabili o di interesse pubblico. Quelle che intendono impiegare oltre il 60% del personale (questa settimana il 50%), se superano i 10 dipendenti impiegati contemporaneamente, devono chiedere l'autorizzazione allo Stato maggiore cantonale di condotta per poter operare
  • L'amministrazione cantonale, settimana prossima, opererà a regime ridotto per poi riprendere a pieno regime dal 4 maggio.

«Il virus è ancora qui e, di pari passo con l'allentamento dei provvedimenti, dobbiamo attenderci un ulteriore aumento dei casi di contagio – ha fatto notare il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa –. Ecco perché bisogna continuare ad essere responsabili». Un appello ripreso anche da Vitta: «Dateci una mano: continuate a rispettate le misure igieniche e la distanza sociale. Dobbiamo remare tutti nella stessa direzione affinché l'attività economica possa essere rilanciata e l'occupazione venga mantenuta. Ci attendono mesi impegnativi». 

Non manca tuttavia un punto di 'frizione' tra Ticino e Berna. Il Consiglio di Stato ritiene infatti che la distanza tra le prima e la seconda fase della riapertura prevista dalla Confederazione (ovvero tra il 27 aprile e l'11 maggio) sia insufficiente per capire le conseguenze delle misure prese. «Per vedere apparire i sintomi ci vogliono tra i 7 e 10 giorni . A questi vanno aggiunti eventuali 4 giorni pre capire se è necessaria un'ospedalizzazione» ha rilevato De Rosa, facendo notare come si arrivi così ai 14 giorni che separano 27 aprile da 11 maggio. Una perplessità che l'esecutivo di Bellinzona ha espresso al governo federale in una lettera inoltrata nelle scorse ore. Lettera in cui si chiede inoltre l'aumento dei tamponi e un maggiore controllo di tipo sanitario alle frontiere.

Un miliardo di crediti bancari chiesti in Ticino

Intanto si comincia a delinearsi anche l'entità del sostegno all'economia con ben 8'450 crediti garantiti dallo stato emessi sino a ieri sera in Ticino. Il tutto per una cifra pari a 990 milioni. «Abbiamo quasi raggiunto il miliardo di franchi, in parte soldi erogati direttamente altri sotto forma di linee di credito cui si può attingere», ha informato Vitta.

Quasi un decesso su due in case anziani

Sul fronte sanitario non calano le perplessità sulla situazione nelle case anziani, dove si sono registrati poco meno della metà dei decessi per Covid-19 in Ticino: 133 su poco meno di 300. «Ci rincuora che 130 anziani siano riusciti a superare la malattia, compresa una signora di 101 anni», ha sottolineato De Rosa. Venerdì il tema sarà al centro di un momento informativo specifico: «Si tratta comunque di una situazione riscontrata anche in altri cantoni, come nel Canton Vaud», ha fatto notare il direttore del Dss, aggiungendo che «è probabile che i divieti di accesso alle case di riposo rimangano per un po' di tempo».

Nel frattempo migliora la situazione generale: «Dal picco, il numero di persone da ricoverare si è dimezzato e abbiamo registrato un sensibile calo di chi è ricoverato in cure intense. Sono dati incoraggianti che devono incentivare a proseguire in questa direzione. Il Ticino ha reagito in modo compatto, ma non bisogna abbassare la guardia: la malattia può colpire tutti e tra gli intubati c'è anche chi ha meno di 40 anni». E, come detto, le riaperture minacciano di far riprendere vigore alla pandemia.

Test e tamponi

Anche per questo il Ticino intende aumentare il numero di tamponi effettuati. «Abbiamo tuttavia bisogno un po' di tempo per implementare i potenziamenti previsti», ha precisato De Rosa. Si pensa anche a come riprendere l'attività di tracciamento dei contatti di un contagiato; oltre che attraverso l'app in corso di sviluppo a livello federale, il governo ha fatto approntare 10 linee telefoniche presso il centro della protezione civile di Rivera.

Sul fronte dei test sierologici per capire quanti ticinesi sono entrati in contatti con il virus, si è iniziato in questi giorni con il personale sanitario con uno screening in tre tappe, mentre non è escluso un'estensione alla popolazione in seguito.

A scuola metà classe alla volta

Sul tavolo del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs) vi è invece il sensibile tema della riapertura delle scuole dell'obbligo a partire dall'11 maggio, così come previsto dal Consiglio federale. L'ipotesi è di farlo con metà classe alla volta fino al 19 giugno, «con la possibilità per i bimbi di 3 anni di andare o meno a scuola – ha commentato Mauele Bertoli, direttore del Decs – L'idea è di avere piccoli gruppi (9 o 10 allievi alla vosta), gestendo entrata e uscita in momenti diversi. La refezione alla scuola dell'infanzia sarà sospesa mentre per le altre mense, saranno aperte solo su necessario». Oggi «è iniziato il primo dialogo con i comuni. Un dialogo franco, dove le opinioni in parte divergono. Molti enti locali sono pronti a entrare in questa logica, pur con la richiesta di dettagliare e precisare alcuni punti critici. La consultazione continuerà anche con genitori e docenti». Il Cantone non attende quindi le linee direttive del Consiglio federale pre muoversi, che dovrebbero arrivare il 29 aprile. «Le nostre saranno comunicate subito dopo».

Docenti e allievi a rischio 'saranno protetti'

Il Cantone, «capendo le preoccupazioni di alcuni docenti ha deciso di fornire una mascherina facoltativa per chi insegna, sia nelle scuole comunali sia in quelle cantonali dell'obbligo», ha commentato Bertoli. I docenti («ma anche i dipendenti dell'amministraizone cantonale») che presentano situazioni che li mettono particolarmente a rischio «verosimilmente dovranno andare in malattia, con il rischio di rimanerci per molto tempo. In ogni caso sino a quando il problema legato alla diffusione del virus non sarà risolto. La protezione sarà garantita anche agli allievi a rischio: «Penso a chi ha un diabete forte. Questi giovani saranno seguiti con dei programmi individuali e particolari».

Diverso il discorso per quanto riguarda chi ha dei famigliari in casa che sono a rischio: «È un problema che non hanno solo i docenti: non lo possiamo risolvere sollevando dalle loro incombenze tutti quelli che si trovano in questa situazione. La soluzione deve qui essere individuata nelle case. Non sarà facile».

Un cambiamento che ha toccato tutti

«I risultati dell'impegno collettivo si stanno vedendo: siamo fieri e orgogliosi del vostro agire. Siamo riusciti a contenere la diffusione del virus – ha sottolineato Vitta –. Ma l'impegno deve continuare, con le misure igieniche che devono far parte della nostra nuova e diversa quotidianità». Una realtà cambiata: «Il cambiamento ha toccato nel profondo tutti noi, dovendo prenderci una pausa da una vita frenetica e fatta di ritmi. Ora siamo di fronte all'incertezza e siamo spaventati: le sicurezze e le certezze sono improvvisamente crollate mostrando la nostra debolezza, collettiva e condivisa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved