laRegione
Nuovo abbonamento
locarno-festival-estival-jazz-grandi-eventi-timori-enormi
In gabbia (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 ore

‘Prima i nostri’ non sfonda a Bellinzona: no del Cc

Bocciata di misura la mozione Lega/Udc/Ind. che chiedeva l'applicazione del principio nell'assunzione dei dipendenti comunali
Bellinzonese
5 ore

Casa Marta incassa l'ulteriore aiuto di Bellinzona

Struttura per senzatetto: sì del Cc al nuovo credito di 450mila franchi che si aggiunge al precedente di 200mila e al diritto di superficie
Mendrisiotto
6 ore

Treni InterCity: per il Mendrisiotto se ne riparla nel 2023

Nessuna soluzione a breve per il Distretto, faccia a faccia con le Ffs. Che assicurano: 'Per noi non è una regione di serie B'
Locarnese
6 ore

Cittadinanza a mamma Tomic, Losone dice ‘no’ per la terza volta

Bocciata dal Consiglio comunale (con voto segreto) la richiesta di attinenza
Locarnese
6 ore

Iva sul Palacinema, un tarlo da 1,3 milioni di franchi

Dall'Amministrazione federale delle contribuzioni una pre-decisione sull'entità dell'imposta sull'investimento. Cda e Città valutano come reagire
Bellinzonese
6 ore

Ex Petrolchimica di Preonzo, primo milione per lo sgombero

Luce verde del Cc di Bellinzona al credito chiesto dal Municipio per eliminare le strutture ancora presenti
Ticino
8 ore

L'Ocst: ‘Più Contratti collettivi di obbligatorietà generale’

Il sindacato cristiano-sociale scrive alla Seco chiedendo più diffusione per questo ‘strumento fondamentale per regolare il mercato del lavoro ticinese’
Ticino
8 ore

Abusi sul posto di lavoro, la ricetta del Ps

Una mozione di Ivo Durisch chiede di 'prevenire, gestire e sanzionare atti contro l'integrità della persona' in ambito lavorativo
Bellinzonese
8 ore

Mercatino di Chironico annullato

A causa delle incertezze legate al Covid-19 quest'anno l'evento non si terrà
gallery
Ticino
9 ore

Novanta nuovi pompieri per il Ticino

3 donne e 87 uomini hanno concluso ieri il corso di formazione per nuovi pompieri organizzato dal Corpo di Lugano su incarico della Federazione Pompieri Ticino
Bellinzonese
9 ore

Madonna della neve, il progetto è della parrocchia

Il restauro della chiesa è promosso dalla parrocchia di Bellinzona
Luganese
9 ore

Lugano, presunto buco da dieci milioni: due arresti

In manette sarebbero finiti il dirigente e l'amministratore unico di una società attiva nel settore immobiliare
Ticino
9 ore

Contratto collettivo dipendenti Eoc, chiesti aumenti salariali

Per il prossimo rinnovo le rappresentanze sindacali chiedono ‘una significativa rivalutazione degli stipendi fermi ormai dal 2001’ e altri interventi
Ticino
9 ore

I Verdi: 'È ora dello statuto speciale per il Ticino'

Permetterebbe di mettere in atto ‘contromisure specifiche alle conseguenze negative’ della libera circolazione sul mercato del lavoro ticinese
Luganese
9 ore

Lugano-Ginevra, si prova con un jet da 18 posti

Sarebbe in fase di valutazione il ripristino del collegamento con la capitale romanda tramite un velivolo comparso all'aeroporto
Ticino
17.04.2020 - 06:100

Locarno Festival, Estival Jazz: grandi eventi, timori enormi

Aspettando Berna, il turismo trattiene il fiato. Brunschwig: 'Forse un Festival inedito'; Jacky Marti fa i nomi degli artisti (ma potremmo vederli in inverno).

«Di fatto, nulla cambia rispetto a ieri» commenta Raphael Brunschwig. Anche il Direttore operativo del Locarno Festival, così come le altre manifestazioni svizzere di spicco, era in attesa delle nuove disposizioni del Consiglio federale, che ieri ha annunciato una ripartenza scaglionata all’interno della quale i cosiddetti ‘grandi eventi’ non sono per ora contemplati. Tecnicamente: “Il Consiglio federale non ha ancora preso decisioni in merito a ulteriori fasi. A partire da quando potranno nuovamente svolgersi manifestazioni con un grande afflusso di pubblico sarà oggetto di una prossima seduta”. Tradotto in giorno, mese e anno, indicativamente parlando, l’8 giugno, data di avvio della terza fase, il momento nel quale capire se la ripartenza prevista per il 27 aprile ci dirà di più su quale effetto avrà, in termini di sicurezza, la ‘nuova’ distanza sociale. Le parole di Alain Berset in questo senso non sono incoraggianti: “Le misure restrittive per le manifestazioni con grande afflusso di persone saranno le ultime ad essere allentate, perché i rischi sono maggiori. Non siamo così estremi, ma nemmeno troppo ottimisti”.

Nelle ore in cui si registrano la rinuncia del Blue Balls Festival Lucerna, del Paléo Festival di Nyon e di chi vi si accoderà, il Locarno Festival prende atto delle decisioni del Cf e resta possibilista. «Stiamo continuando a lavorare su diversi scenari. Finché non sapremo come si delineeranno le disposizioni cantonali nel settore che ci riguarda direttamente, restano aperte le molte ipotesi formulate negli ultimi tempi, di comune accordo con i nostri partner». Chiediamo a Brunschwig se quell’8 giugno non vada oltre la data limite immaginabile per muovere in tempo una macchina operativa come quella del Festival, che ha da poco riabbracciato il suo presidente Marco Solari (cfr. laRegione del 24.3.2020): «Posso dire in questo momento che nelle prossime settimane saranno prese delle decisioni, di concerto con la direzione artistica e il Consiglio di amministrazione. Ci muoviamo adattandoci al contesto». Adattamento che potrebbe portare a un Locarno Festival inedito? «Fa parte delle opzioni».

Il sindaco Scherrer: ‘Scenario allarmante’

L’ipotesi che Piazza Grande a Locarno resti vuota per tutta l’estate non è campata in aria. Il rischio c’è. Moon&Stars, con i cantanti di mezzo mondo che hanno già annunciato il rinvio di un anno delle loro tournée, potrebbe slittare. Per Alain Scherrer, sindaco di Locarno, l’incertezza sulle riaperture al turismo e sulle possibilità di organizzare grandi eventi è «uno scenario allarmante». E ancora: «Attendiamo gli sviluppi della situazione, ma ho il timore che finché non sarà disponibile un vaccino, difficilmente potremo attenderci il nullaosta per organizzare eventi capaci di attirare migliaia di persone. Quali misure di sicurezza sanitarie verrebbero imposte? Chi sarà disposto a promuovere manifestazioni a quelle condizioni?». Più in generale, Scherrer teme che gli effetti di una stagione turistica mancata (o dimezzata) potranno ricadere a domino su tutta l’economia della regione. «In questa situazione – conclude – ritengo che diventi essenziale il ruolo dello Stato, inteso come Confederazione, Cantoni e Comuni, nel sostenere i privati non solo con prestiti. A Locarno stiamo già ragionando in questo senso».

Al sindaco della Città, fa eco Fabio Bonetti, direttore dell’Organizzazione turistica regionale Lago Maggiore e Valli: «Sono più che preoccupato per l’incertezza attorno alle manifestazioni estive del Locarnese. Questi eventi, e penso in particolare a Moon&Stars e al Festival del film, segnano il ritmo della stagione e sono i principali generatori di afflusso turistico. Sono insostituibili per quello che è il principale settore economico della regione». L’incertezza si allarga anche ad albergheria e ristorazione: «Le conseguenze ricadono su tutta l’economia. Un dato per tutti: il turismo, nel Locarnese, dà lavoro a 7’100 persone, e quindi garantisce entrate a circa 5mila famiglie. Speriamo che nelle prossime settimane arrivino notizie positive e nuove aperture per il turismo da parte di Berna».

Mister Estival Jazz: ‘Sarebbe tutto pronto’

«Siamo consci del fatto che le chance che l’Efg Lugano Estival Jazz si possa tenere quest’estate siano molto basse». Soprattutto alla luce delle più recenti parole di Manuele Bertoli, ovvero la limitazione imposta ai grandi eventi da Berna che al momento rimane tale sino al 31 luglio. Jacky Marti comunica a laRegione che «tutto sarebbe pronto».

Specificando che una decisione «entro maggio» del Consiglio federale renderebbe l’evento pienamente fattibile, Mister Estival ci concede una gustosa e a suo modo dolorosa anticipazione di chi avremmo visto quest’anno in Piazza Riforma: «La pianista Hiromi con l’Osi, Dee Dee Bridgewater, Djavan, Snarky Puppy, Carlinhos Brown, Al Di Meola, Edoardo Bennato e molti altri». Artisti che forse potremmo non esserci persi del tutto: «Abbiamo riflettuto con Città di Lugano e sponsor, considerando una prima alternativa a fine agosto, affiancati a Blues to Bop, e una seconda in inverno, in dicembre o in gennaio, al coperto». Come il grande cinema, anche l’estate della grande musica resta appesa a un filo.

© Regiopress, All rights reserved