scuole-private-arriva-il-si-alle-modifiche
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
28 min

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
1 ora

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
1 ora

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
1 ora

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
1 ora

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
1 ora

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
1 ora

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
1 ora

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
1 ora

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
2 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
2 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
2 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
2 ore

Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso

Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
Ticino
2 ore

Imposte di circolazione: Ppd, Lega e Udc tirano dritto e firmano

In Gestione accelerata sulla riduzione del balzello chiesta dai popolari democratici. Gli altri partiti: una forzatura, mancano le risposte del governo
Luganese
2 ore

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni
Ticino
3 ore

Gli industriali ripensano il futuro del Ticino

Aiti ha stilato un documento di lavoro all’indirizzo di istituzioni e politica per lanciare un dibattito a largo spettro nella società
09.03.2020 - 17:59
Aggiornamento : 18:34

Scuole private, arriva il sì alle modifiche

Autorizzazione quadriennale dietro presentazione di un piano finanziario e un progetto pedagogico. Il Gran Consiglio trova il compromesso e dà luce verde

Le scuole private in Ticino che non beneficiano di un accordo internazionale tra Italia e Svizzera, per avere l'autorizzazione quadriennale a esercitare dovranno presentare un progetto pedagogico, un piano finanziario e documenti relativi a direzione e docenti. Tanto tuonò che non piovve, insomma. Dopo le polemiche e il conseguente rinvio della trattanda nella sessione di febbraio, il Gran Consiglio ha dato il proprio via libera. "Vogliamo che ci siano scuole di qualità, che garantiscano la buona reputazione del sistema formativo in Ticino" dice il socialista Raoul Ghisletta, relatore del rapporto di maggioranza che avalla la proposta del Consiglio di Stato. "Evitiamo che il caso che abbiamo avuto recentemente (quello che ha coinvolto l'Istituto Fogazzaro, ndr.) possa ripetersi, usciamo da questo ginepraio nell'interesse della scuola ticinese".

Guerra (Lega): 'Un riconoscimento al pluralismo della qualità'

"È un testo migliorato rispetto alla scorsa sessione", rileva il correlatore Michele Guerra (Lega). Nel senso che "ci sono scuole private che sono radicate nel nostro territorio, devono essere tutelate da quei nuovi istituti privati che hanno operato male. Nella versione precedente, il provvedimento seppur di striscio colpiva anche l'operatività delle scuole private di qualità". Con la mediazione e il confronto, "oggi riusciamo a decidere che i furbi paghino le conseguenze, e gli istituti validi possano continuare a operare senza intoppi e controlli ridondanti. Un riconoscimento al pluralismo della qualità".

Käppeli (Plr): 'Le scuole serie non devono temere nulla'. Bocciato l'emendamento del Ppd sulle tasse 

Gli fa eco il liberale radicale Fabio Käppeli: "Con il tristemente noto caso Fogazzaro abbiamo compreso dell'esistenza di un diplomificio di dimensioni notevoli. I furbi esistono, lo sapevamo, ma non sapevamo in queste dimensioni. Con le modifiche proposte si vuole evitare che determinate scuole continuino a operare in Ticino: le scuole private non parificate che preparano alla maturità non sono autorizzate se non fanno svolgere la maturità da noi". Insomma, per il deputato del Plr "le scuole serie non devono temere nulla, sono altre quelle che non vogliamo sul nostro territorio". La questione del piano finanziario, aggiunge, "potrebbe sembrare non necessaria. Ma è fondamentale, perché garantisce la solidità dell'istituto negli anni". E poi c'è il tema del rinnovo, "che sarà ancor più facilitato, con la richiesta di una tassa minima commisurata alla prestazione richiesta". E il rinnovo, conclude Käppeli, "si motiva con il fatto che una scuola potrebbe cambiare gestione, e di conseguenza programmi e obiettivi. Un controllo serve". Serve? Sì, anche per il Ppd. Però la firma sul rapporto di maggioranza non la mette: "Ho l'impressione che il Dipartimento educazione, cultura e sport abbia qualche preconcetto sulle scuole private", spiega Maddalena Ermotti-Lepori. Che pur mantenendo le sue riserve sul testo ritira il rapporto di minoranza fatta eccezione per un emendamento, che riguarda proprio i rinnovi. Le tasse per questa procedura, chiedeva il Ppd, "sono percepite solo se sono riscontrate irregolarità e anomalie". Insomma, solo se quella autorizzazione non viene rinnovata. Emendamento bocciato sul filo di lana: 36 contrari, 35 favorevoli e un astenuto.

Morisoli (Udc): 'Rispetto a prima maggior considerazione dei licei privati e un controllo proporzionato, bene'

Ma tornando al testo, è con le parole del capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli che si capisce il cambio di passo in seno alla Commissione parlamentare formazione e cultura dopo il brusco stop del mese scorso. "Quando io e Bertoli ci incontriamo sono sempre fulmini e saette, ma stavolta si è generata un'energia positiva che ha portato a una soluzione", esordisce. L'adesione dei democentristi è dettata dal fatto che "rispetto al primo rapporto di maggioranza vi è una differente considerazione dei licei privati, un controllo proporzionato e una garanzia di libertà: tutto quanto auspicavamo". Evidentemente lo scrivere nel rapporto che "l'adeguatezza dell’iter formativo è verificata unicamente per le scuole preparatorie alla maturità il cui esame non si tiene in Svizzera" ha avuto il suo effetto.

C'è amarezza nelle parole della socialista Daniela Pugno Ghirlanda, che sostiene il rapporto di Ghisletta e Guerra: "Non si è tenuto conto degli allievi rinviando a oggi la trattanda. Verrebbe da pensare che il marketing politico e gli interessi di bottega siano più importanti di avere una formazione di qualità nelle scuole private".

Bertoli: 'La maturità non può diventare un bene di consumo acquistabile'

"La libertà è una gran bella cosa ma se ne può abusare, e in questo caso può portare a rendere la maturità invece che una conquista un bene di consumo acquistabile" commenta dal canto suo il direttore del Decs Manuele Bertoli. E sul tema del giorno, vale a dire il rinnovo quadriennale, assicura: "Diventa un automatismo per chi non ha niente da nascondere, va solo verificato. E per un atto pubblico si paga una tassa causale, non è andare a pesare finanziariamente sulle scuole private. Ma far pagare un minimo che comunque entra nel principio della corresponsione". Insomma, "per il rinnovo quadriennale la tassa sarà di massimo 1'250 franchi per ordine scolastico".

Leggi anche:

Scuole private, le modifiche tornano in Commissione

Quei 'racconti' che inguaiano il Fogazzaro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved