quei-racconti-che-inguaiano-il-fogazzaro
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
6 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
6 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
7 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
7 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
8 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
9 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
9 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
9 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
10 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
10 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
08.02.2019 - 18:53
di Leonardo Terzi

Quei 'racconti' che inguaiano il Fogazzaro

Maturità facili: il Governo spiega il suo intervento a scoppio ritardato contro il Liceo luganese

Le prime notizie riguardanti le maturità "facili" assicurate agli studenti del Liceo Fogazzaro di Lugano risalgono alla scorsa estate, ma il Governo ha esitato a lungo prima di sospendere l'autorizzazione all'esercizio a questo istituto privato.
Solo tre mesi fa il Governo si dichiarò in pratica impotente, rispetto al denunciato fenomeno delle maturità italiane ‘facilitate’ per gli allievi del Liceo Fogazzaro di Lugano, esame sostenuto presso un istituto napoletano, il ‘Giuseppe Papi’ di Pomigliano d’arco, un titolo di studio equiparato alla maturità svizzera come da accordo internazionale. L’accusa è che queste maturità fossero in pratica ‘comprate’ e poi ottenute grazie a esaminatori compiacenti. Cosi, rispose il Governo a una interpellanza depositata a inizio ottobre dall’Udc Tiziano Galeazzi ed altri cinque parlamentari: “nel caso in cui le presunte pratiche scorrette messe in luce dalla stampa e riprese dall’atto parlamentare dovessero rivelarsi reali e avvenute, lo scrivente Consiglio non può che deplorarle, ritenuto che la responsabilità dell’esame finale e del titolo è propria delle competenti autorità italiane”.
Ora la situazione sembrerebbe decisamente cambiata. Rispondendo a una seconda interrogazione, dello stesso Galeazzi, il Governo afferma che, pur non potendo “agire direttamente in luogo dell’autorità italiana” “può invece revocare l’autorizzazione all’esercizio all’istituto Fogazzaro qualora venga comprovato che esso agisce direttamente affinché gli allievi ottengano una maturità italiana sulla base di esami ‘facilitati’ ma per esso necessita di potersi appoggiare a prove che nel corso del 2018 non erano disponibili”. “Grazie a un lungo lavoro d’inchiesta che ha portato al servizio giornalistico andato in onda alla Rsi il 24 gennaio 2019 alcune persone hanno iniziato a raccontare la propria esperienza, per cui una procedura ha potuto essere avviata”.

'Non abbiamo strutture di verifica come quelle della Rsi

Ma perché non procedere a propri accertamenti, anziché attendere un reportage giornalistico? “nè il Consiglio di Stato nè il Decs dispongono di una struttura atta a compiere verifiche simili a quelle portate alla luce dalla Rsi”.
Così si taglia la testa al toro: come annunciato mercoledì dal consigliere di Stato Manuele Bertoli, il Dipartimento educazione cultura e sport ha presentato una modifica di legge volta a non più concedere le autorizzazioni all’esercizio, agli istituti ticinesi come il Fogazzaro che preparano gli allievi alla maturità italiana. Per la scuola luganese la serrata potrebbe arrivare prima, senza aspettare l’entrata in vigore della modifica di legge, che peraltro ha appena iniziato il suo cammino parlamentare. Infatti, si legge sempre nella risposta governativa, “a dipendenza dell’esito dell’inchiesta amministrativa si potrebbe giungere fino al ritiro definitivo della autorizzazione, il cui effetto sarebbe la cessazione dell’esercizio come scuola superiore privata”. e questo, appunto, a prescindere dalla eventuale futura normativa sui licei privati con preparazione alla maturità italiana. In Ticino solo solamente due. L’altra scuola non risulta implicata in sospetti di esami ‘facilitati’. La vicenda degli esami sospetti per gli allievi del Fogazzaro, ricordiamo, venne sollevata già la scorsa esiste dal portale tio.ch, che pubblicò il racconto di ragazzi del Fogazzaro sugli insoliti esami di maturità sostenuti in terra partenopea: “I professori passavano le risposte sottobanco”. Da questa notizia è partita la prima interrogazione, e poi l’inchiesta di ‘Falò e infine la sospensione dell’autorizzazione al’esercizio scolastico da parte del Decs. Negli scorsi giorni, peraltro, i vertici dell’Istituto luganese si sono ribellati ala decisione, parlando di un ‘abbaglio governativo’ e chiedendo la revoca del provvedimento tramite il loro legale, l’avvocato Paolo Bernasconi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved