disturbi-dell-apprendimento-un-sostegno-per-allievi-e-docenti
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
5 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
16 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
17 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
18 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
19 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
23 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
21.01.2020 - 06:00

Disturbi dell'apprendimento, un sostegno per allievi e docenti

Si stima che circa il 10% della popolazione studentesca è affetta da Dsa. I deputati Fonio e Dadò (Ppd) chiedono al Consiglio di Stato un intervento

Circa il 5 per cento dei bambini e dei ragazzi in età scolare è affetto da Disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa) di origine neuro-evolutiva. Rimanendo ai casi diagnosticati. Già, perché che un altro 5 per cento non viene diagnosticato o riconosciuto. Si arriva così a un 10 per cento della popolazione studentesca che soffre di Dsa. A questi numeri, drammatici, sono giunti i granconsiglieri del Ppd Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò, che sul tema hanno inoltrato un’interrogazione al Consiglio di Stato. Con un obiettivo, fermo e fissato: andare incontro alle difficoltà di questi giovani. Le richieste sono, quindi, di verificare la possibilità di potenziare le risorse all’interno delle scuole “allo scopo di diagnosticare precocemente i bambini con Dsa e Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (Adhd), di cui soffre un altro 5 per cento di studenti”, ma non solo. È anche una richiesta di sostegno agli insegnanti, quella dei deputati popolari democratici. Nel senso di rilevare “in quali condizioni operano i docenti che hanno nelle proprie classi allievi con Dsa e Adhd, e come vengono sostenuti attualmente”. Di più. Al Consiglio di Stato Fonio e Dadò chiedono anche “se i docenti dispongono di una formazione in materia e se non ritiene possibile un potenziamento della formazione allo scopo di sostenere docenti e allievi con Dsa”.

I Disturbi specifici dell’apprendimento, si ricorda nell’atto parlamentare, “comprendono la dislessia, vale a dire la difficoltà di lettura; la disortografia e disgrafia, quindi difficoltà di scrittura; discalculia, la difficoltà di calcolo”. E questi casi, annotano dopo le loro ricerche, “raramente si manifestano da soli: spesso vi è una difficoltà principale e qualche altra difficoltà associata”. Dsa e Adhd “sono difficoltà specifiche: ciò sta a indicare che i ragazzi che li presentano hanno un’intelligenza perfettamente nella norma. Hanno le stesse potenzialità di tutti i coetanei. Possono avere una carriera di studio soddisfacente, andare all’università, svolgere la professione che desiderano e condurre una vita serena”. Questo, però, avvertono Fonio e Dadò, “può avvenire solo se le loro peculiarità vengono precocemente riconosciute, così da poterli sostenere a livello scolastico con misure e strumenti compensativi che consentono loro di apprendere con minore difficoltà e di esprimere al meglio ciò che hanno imparato”. E qui si torna al senso dell’interrogazione, e alla richiesta di fornire ai docenti i mezzi, non solo a livello di formazione, per sostenere questi allievi. Ad esempio “usando computer, iPad e specifici software per la lettura e la scrittura, così come dovrebbero beneficiare di tempi più lunghi per completare le verifiche in classe e non dovrebbero essere penalizzati per le loro difficoltà”. Se per i Dsa il Dipartimento educazione, cultura e sport nel 2014 ha emanato una nuova direttiva, “per gli Adhd non ve ne è una, mentre in altri cantoni sì”. E va fatto qualcosa per il Ppd. Anche perché i numeri parlano chiaro: “Presso il reparto specialistico dell’Ente ospedaliero cantonale le richieste di esami per Dsa e Adhd è in crescita costante, e ha raggiunto i 350-400 nuovi casi l’anno”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved