Yverdon-sport Fc
0
Sciaffusa
0
1. tempo
(0-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Winterthur
0
1. tempo
(0-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
0
CACIC N./DJOKOVIC N.
0
fine
CILIC M. (CRO)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
2
fine
(4-6 : 2-6)
Zurigo
2
Bienne
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Friborgo
2
Berna
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Ginevra
1
Lakers
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Losanna
1
Davos
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Olten
2
Langenthal
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
0
2. tempo
(2-0 : 0-0)
Sierre
0
Visp
2
1. tempo
(0-2)
Ticino Rockets
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
Winterthur
0
Zugo Academy
0
1. tempo
(0-0)
voto-che-va-voto-che-viene-i-flussi-elettorali-di-aprile
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 min

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
32 min

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
1 ora

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
1 ora

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
1 ora

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
1 ora

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
2 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
2 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
2 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
2 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
2 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
2 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
3 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
3 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
3 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
3 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
3 ore

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Locarnese
3 ore

Brione Verzasca, mercatino in piazza

Bancarelle e San Nicolao
Locarnese
4 ore

Musica di Minusio, Concerto di gala

Ad aprire la manifestazione sarà la minibanda Lago Maggiore
Mendrisiotto
4 ore

Stabio fa gli auguri a Dolores Keller

Il sindaco Simone Castelletti ha fatto visita alla concittadina per le sue cento candeline
Ticino
4 ore

Angelo Piritore e Alessandro Recalcati alla testa di Atio

Rinnovati la presidenza e il comitato dell’Associazione ticinese industria orologiera che raggruppa una quarantina di aziende
L'INTERVISTA
18.01.2020 - 06:100

Voto che va, voto che viene: i flussi elettorali di aprile

Andrea Pilotti ci spiega come si è spostato il voto alle Cantonali: vincono Udc e Verdi, perdono Plr e Ps

Il Plr cede consensi all’Udc, che insieme ai Verdi riesce a cooptare i voti di neoelettori ed ex astensionisti. Il tutto in un panorama sempre più fluido e polarizzato, nel quale la fedeltà ai partiti storici si sfilaccia costantemente e le forze di governo scontano una fase prolungata di stanchezza. Ce lo racconta l’analisi dei flussi elettorali alle elezioni per il Gran Consiglio 2019, appena pubblicata dall’Osservatorio della vita politica regionale dell’Università di Losanna. Uno spunto per parlare con Andrea Pilotti, politologo, docente e responsabile di ricerca dell’Osservatorio.

Dottor Pilotti, qual è il segnale più forte che ci restituisce la vostra analisi?

Anzitutto il grande flusso di elettori che hanno lasciato il Plr per l’Udc, una migrazione triplicata rispetto al 2015, che ha portato dall’8% al 26% la quota di ex Plr nell’elettorato Udc.

Come si spiega?

Si può ipotizzare che un elettorato più vicino al liberismo sia stato attratto dalle politiche dell’Udc in materia economica. Un ruolo minore possono averlo giocato anche le posizioni in tema di politica migratoria.

Si potrebbe pensare che il Plr perda anche il voto dei radicali a favore del Ps. Invece fra i due partiti non si registra uno spostamento significativo.

Ma già nel 2011, solo l’1,8% dell’elettorato socialista era composto da ex elettori ed elettrici liberali radicali. La percentuale è dell’1,4% nel 2015 e del 2,9% nel 2019. Quindi un leggero aumento c’è, ma le proporzioni rimangono molto contenute. Per contro l’elettorato dei Verdi nel 2019 è composto nella misura del 10% da ex Plr, la stessa percentuale del 2015.

È interessante anche lo spostamento di voti dalla Lega all’Udc.

Si tratta di una traslazione costante, che rimane importante, ma la cui intensità rallenta un po’: stavolta gli elettori ex leghisti costituiscono un quarto della forza Udc, contro un terzo alle elezioni precedenti.

A sinistra, invece, perde il Ps e guadagnano i Verdi.

Sì, ora gli ex socialisti costituiscono il 30% dell’elettorato verde, contro il 16% del 2015. È uno degli spostamenti che ha trainato la crescita del partito, agevolato anche dalla ‘congiuntura’ di maggiore sensibilità per le tematiche ambientali.

In generale, quindi, si può dire che tutti i partiti al governo scontino una certa stanchezza dell’elettorato a favore delle forze ‘d’opposizione’?

Questa interpretazione può spiegare una crescente polarizzazione. Così come testimonia un elettorato sempre più d’opinione, meno legato ai partiti da fedeltà storiche e famigliari.

In questo senso, è importante notare come Verdi e Udc siano riusciti anche a mobili­tare i neoelettori e gli ex astensionisti. La sensibilità ambientale spiega il vantaggio verde, ma come mai ci riesce anche l’Udc?

In generale, alle difficoltà talvolta dei partiti storici nel mobilitare l’elettorato su temi forti si uniscono i messaggi profilati dell’Udc come dei Verdi, capaci di attrarre la parte di popolazione normalmente meno coinvolta: quella appunto di chi si asteneva, oltre a chi ha appena ottenuto il diritto di voto.

L’astensione riguarda ancora il 40% degli aventi diritto al voto. A volte si legge la politica come un gioco a somma zero, dove i voti si possono solo rubare agli avversari. Invece c’è tutto un mondo, ‘là fuori’, e alcuni lo stanno imparando. C’entra anche la capacità di usare meglio canali di propaganda relativamente giovani, come i social?

Questo può costituire un fattore di vantaggio, anche se quando chiediamo agli elettori come si informano, menzionano anzitutto canali tradizionali: la televisione, la radio, i giornali. Però è vero che loro stessi potrebbero non accorgersi di quanto siano esposti a messaggi politici attraverso l’utilizzo dei social, e sottostimarne l’influsso.
D’altronde, anche prima dei social, nell’‘era Blocher’ l’Udc si è distinta per una comunicazione particolarmente originale e inconsueta, lontana dai veicoli classici.

Guardando al livello d’istruzione, si conferma la preferenza leghista di chi ha un apprendistato o una maturità professionale, mentre i Verdi hanno più appoggio dai laureati. Segno che la polarizzazione fra destra e sinistra è anche una questione di estrazione culturale (e di conseguenza, almeno in parte, socioeconomica)?

Questa è una lettura confermata da numerose elezioni recenti. Va però detto che non si tratta sempre di una tendenza univoca. Il Ps, ad esempio, non mostra più una sovrarappresentazione dei laureati rispetto alle elezioni precedenti. Segno che in qualche misura ha saputo calamitare anche il consenso di altre fasce.

La classe operaia torna all’ovile, insomma, almeno quando non si butta a destra? Oppure si tratta soprattutto di una fascia anziana, che rispolvera le vecchie appar­tenenze ora che percepisce minacce per la sua situazione economica e pensionistica?

In effetti si vede che il Ps – insieme all’Udc – beneficia più di altri anche del voto di chi ha dai 66 anni in su. Quindi è possibile che le due tendenze – quella a recuperare chi ha un apprendistato e a ottenere un sostegno relativamente anziano – si congiungano in questo modo, anche se servirebbero ulteriori analisi per confermarlo.

In ogni caso, è chiaro che l’invecchiamento della popolazione rende sempre più rilevante la capacità di parlare agli elettori più anziani.

Che però vanno anche verso l’Udc. In questo caso si tratta di un bisogno di sicurezza sociale più che economica?

Nel caso dell’elettorato più anziano che vota Udc, a prevalere è spesso un bisogno di difesa dell’identità nazionale, percepita come garante di quel benessere della Svizzera del quale essi stessi hanno beneficiato.

In tutto questo diagramma di flussi resta un isolotto solitario, ma che non affonda: il Ppd.

Il Ppd ha saputo tenere la sua base, pur senza avvantaggiarsi particolarmente dei voti altrui. Con un’eccezione: a differenza del Plr, che vede invariata la composizione di genere del suo elettorato, le donne hanno relativamente aiutato proprio il Ppd, oltre al Ps.

Come si spiegano le dinamiche del voto femminile?

Storicamente i socialisti ticinesi – e non solo – hanno beneficiato spesso in misura più importante del voto femminile, ‘capitalizzando’ in qualche modo il loro impegno di lungo corso per le questioni correlate: suffragio femminile, assicurazione maternità, parità salariale, eccetera.

Per il Ppd al momento è prematuro avanzare delle spiegazioni, non avendo ancora realizzato tutte le analisi.

Il fatto che comunque la composizione del Ppd resti stabile suggerisce che si tratti ancora di un partito più d’identità che d’opinione: un anacronismo?

Naturalmente il passaggio a un elettorato sempre più fluido e d’opinione ne minaccia la base. Che però, come detto, anche questa volta si è rivelata piuttosto stabile. D’altra parte, il partito stesso si sta mobilitando verso campagne tematiche per raggiungere anche altri cittadini: lo si vede da alcune scelte programmatiche, come quelle riguardanti le politiche fiscali e le casse malati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved