ma-il-5g-fa-male-ecco-cosa-dicono-gli-esperti
Foto Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Brissago, il Municipio ‘si tuffa dal trampolino’

Al Consiglio comunale il credito per rifare le due piattaforme a lago del Lido comunale, sistemare la zattera e sostituire le boe di demarcazione
Ticino
2 ore

Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri

Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
3 ore

Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi

Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
3 ore

Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare

Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
3 ore

‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’

Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
Grigioni
11 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
14 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
14 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
15 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
15 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
15 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
15 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
16 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
16 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
16 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
16 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
16 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Bellinzonese
16 ore

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
17 ore

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
17 ore

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
17 ore

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
17 ore

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
17 ore

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
17 ore

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
18 ore

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Ticino
18 ore

In Ticino 65,3% di Sì alla Legge Covid, solo 3 comuni per il No

Il 56,1% dei ticinesi ha inoltre approvato l’iniziativa sulle cure infermieristiche. No al 63,4% all’iniziativa Giustizia, con soli due comuni favorevoli
Luganese
18 ore

Lugano dice ‘sì’ al Polo sportivo e degli eventi (Pse)

A votare a favore della realizzazione dell’opera quasi il 57% degli elettori luganesi. Partecipazione del 62,52% degli elettori
Luganese
19 ore

Il pugilato tra suoni e parole

Incontro pubblico martedì nella Biblioteca cantonale di Lugano
Luganese
19 ore

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni
Locarnese
22 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo al docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Locarnese
22 ore

Brissago, famiglie patrizie riunite in assemblea

L’ente terrà una seduta martedì prossimo alle 20, nella sala del Consiglio comunale
Locarnese
22 ore

Locarno, pranzo Atte e tombola

Appuntamento giovedì prossimo al Centro diurno. Iscrizioni entro martedì
Ticino
1 gior

L’UDC non commenterà con la RSI i risultati delle votazioni

I democentristi: ‘Professionalità e imparzialità non sono garantite’. L’emittente respinge le accuse
Bellinzonese
1 gior

Nuovo Irb: ‘Sogno realizzato’ a favore delle scienze della vita

Oggi si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione del nuovo edificio a Bellinzona. Una giornata di festa che permette di guardare ‘al futuro con ottimismo’
Bellinzonese
1 gior

Morena Pedruzzi, la vita dopo l’attentato, diretta streaming

Sabato 27 novembre 2021 - dalle 17 presentazione del libro Risollevarsi
Locarnese
1 gior

Incendio a Cugnasco

In un’abitazione in via al Bosco si sono sviluppate delle fiamme dalla canna fumaria del camino
Locarnese
2 gior

‘L’unico consenso possibile è senza bus lungo viale Cattori’

Nodo intermodale all’impasse alla stazione di Muralto: la condizione-base di Gianluigi Varini, imprenditore, albergatore e rappresentante degli oppositori
Ticino
2 gior

‘Una rendita ponte cantonale per i disoccupati anziani’

È la proposta di Ps e Ppd. ‘Il Ticino si doti di una propria legge affinché la prestazione transitoria sia riconosciuta dai 55 anni di età’
Ticino
05.07.2019 - 06:000
Aggiornamento : 10.07.2019 - 17:27

Ma il 5G fa male? Ecco cosa dicono gli esperti

Le onde millimetriche che si vorrebbero impiegare penetrano meno nel corpo. I problemi potrebbero presentarsi sulla pelle. E dal punto di vista oncologico...

a cura de laRegione

Si trova tutto e il contrario di tutto, sui rischi per la salute dei vari gadget senza fili che ormai ci accompagnano da mattina a sera, che sia il Wi-Fi in salotto o il cellulare sul comodino, fino alla nuova antenna 5G a due passi da casa. Siamo immersi costantemente in campi elettromagnetici. Ci farà bene? Dobbiamo difenderci senza diventare paranoici? Che cosa sappiamo sul 5G?
Una risposta ci viene dall’Istituto IT’IS di Zurigo dove una cinquantina di ricercatori studia da anni l’impatto delle tecnologie informatiche sulla biologia umana. Abbiamo intervistato il vicepresidente della Fondazione IT’IS, l’ingegnere Quirino Balzano.
L’esperto ci spiega nell’intervista che la principale differenza del passaggio da 4G a 5G per il corpo umano è di assorbimento. Le onde a frequenze più basse, quelle delle prime generazioni (fino al 4G e oggi usate anche per il 5G) penetrano nel tessuto umano fino a un centimetro e mezzo e causano un riscaldamento degli organi più interni. Le future onde millimetriche del 5G invece penetreranno solo a livello della pelle. Quale effetto avrà sull’epidermide è tutto da studiare. L’istituto affiliato al Politecnico federale (Eth) di Zurigo è coinvolto nello studio voluto dalla Confederazione sui rischi per la salute del 5G.
Il prof. Balzano, docente all’Università del Maryland a Washington, si occupa da 40 anni di studi sull’impatto dell’energia elettromagnetica sulla biologia umana (ha diretto i laboratori di ricerca in Florida di Motorola che ha lasciato nel 2001).

Quale impatto hanno le onde elettromagnetiche sul corpo umano?

La ricerca ha appurato gli effetti termici di cellulari e Wi-Fi. Il principale effetto biologico dell’assorbimento delle onde elettromagnetiche nel corpo umano è il riscaldamento. Una cosa è certa, un eccessivo riscaldamento dei tessuti non fa bene. Lo sanno tutti, che con la febbre si sta male.

Dunque, le onde penetrano nel corpo e lo riscaldano. Quali le conseguenze? Quando ci fa male?

Il problema è il riscaldamento eccessivo. Il nostro corpo sa regolare piccole variazioni di temperatura dentro una certa fascia, senza avere problemi per la salute. Bisogna fare in modo che l’esposizione elettromagnetica non faccia aumentare oltre certi limiti la temperatura del corpo. Per questo motivo sono stati fissati limiti all’esposizione e istruzioni di uso per il telefonino. Sono norme definite da commissioni di esperti internazionali, se applicate in modo corretto la temperatura del corpo non dovrebbe crescere oltre un grado centigrado.

Ed è effettivamente così? 

Qualunque telefonino che viene messo in commercio passa vari test, per sperimentare che non esponga le persone oltre i valori limite. Nel nostro laboratorio di Zurigo facciamo anche questo lavoro, misuriamo come, dove e quanto penetrano le onde nel corpo umano e quali sono gli effetti per la salute.

Che cosa cambierà con la tecnologa del 5G?

Con il 5G cambia la frequenza. Le onde elettromagnetiche vanno da 0 fino a frequenze dei raggi X e di quelli cosmici. Se cambia la frequenza, cambia anche la lunghezza dell’onda. Fino ad ora, i telefonini hanno usato frequenze sotto i 6 GHz. Ora la gente vuole più dati, più divertimento e per trasmettere più informazioni bisogna salire di frequenza. È come passare dal carretto al Tir.

Cosa sappiamo sull’impatto del 5G sul corpo umano? Che cosa avete appurato nei vostri laboratori?  

Le onde a frequenze più basse, quelle delle prime generazioni (fino al 4G), penetrano meglio nel tessuto umano, entrano fino a un centimetro e mezzo e causano un riscaldamento degli organi più interni. Il 5G invece penetra solo a livello della pelle, entra per un paio di millimetri.

Quindi l’eventuale impatto non è sugli organi interni ma sulla pelle che è comunque un organo importante, che cosa sappiamo oggi? 

Sono stati fatti esperimenti, ma va tutto approfondito. Il problema è che non c’è una pelle sola, quella del volto è diversa da quella dei piedi, ci sono pelli vecchie, pelli giovani, pelli ammalate. Siamo agli inizi, bisognerà fare esperimenti, con l’aiuto dei dermatologi, anche su casi estremi, arruolando dei volontari per capire se c’è un effetto negativo causato dal riscaldamento della pelle. Ci vorrà tempo. Un aumento di un grado centigrado di temperatura non dovrebbe causare problemi. Ma è da verificare.

Cosa cambierà ancora con la tecnologia 5G, soprattutto pensando all’arrivo di microantenne?

Nelle tecnologie precedenti le antenne erano piuttosto grandi, la dimensione dell’antenna dipende dalla lunghezza d’onda del campo elettromagnetico. Le antenne del telefonino sono omnidirezionali, innaffiano energia ovunque per arrivare alla stazione di base e realizzare la comunicazione. Aumentando la frequenza, nel telefonino si possono impiegare delle antenne più direttive, che possono inviare il fascio di energia in determinate direzioni. Ciò farà diminuire l’esposizione, perché l’energia sarà convogliata in modo più mirato, invece di entrare nel corpo dell’utente. L’energia dovrebbe servire per la comunicazione, non per entrare nel corpo umano. In realtà si sta migliorando, ma tutte le volte che si va verso qualcosa di nuovo, c’è molta apprensione. 

Il rischio cancro tra prudenza e incertezze

«Tenere lontano il laptop dal corpo se state navigando. Attivare il Wi-Fi solo quando lo si usa e mettere l’access point a un metro di distanza da dove si dorme. Per ridurre il carico di radiazioni alla testa, fare telefonate brevi con il cellulare o preferire sms o usare auricolari o un dispositivo vivavoce senza filo con trasmettitore Bluetooth a bassa classe di potenza». E la lista delle raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica su come installare Wi-Fi e usare cellulari... è ancora lunga. Perché tante raccomandazioni, se continuano a dirci che i campi elettromagnetici generati da cellulari e reti senza fili non sono pericolosi per la salute?

Non ci sono prove scientifiche che dimostrano effetti dannosi sulla salute, ma non è certo, quindi si opta per la cautela. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) consiglia di applicare un ‘‘principio di precauzione”, il Consiglio d’Europa nel 2011 ha raccomandato di “adottare tutte le misure ragionevoli per ridurre l’esposizione ai campi elettromagnetici”). L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Oms (Iarc) ha classificato nel 2011 queste radiazioni tra i “possibili carcinogeni umani” seppur sulla base di prove ancora molto limitate. Che cosa dobbiamo capire di questa schizofrenia informativa, c’è un rischio o non c’è? Rispondono due oncologi.

Cavalli: ‘Si applica la precauzione’

Il prof. Franco Cavalli, abituato a muoversi tra ricerca ed enti oncologici internazionali spiega:  «L’Iarc segue il principio della precauzione. Se non è possibile dimostrare che non c’è una correlazione tra queste radiazioni e il tumore – ed esiste un dubbio seppur vago – vanno nella lista dei possibili carcinogeni». L’approccio è prudente: «Non si può escludere che ci siano effetti cancerogeni, ma se dovessero esserci, il loro impatto sarebbe molto ridotto rispetto ad altri fattori di rischio dimostrati come fumo, abuso di alcol, obesità, esposizione ad amianto, glifosati o radon», conclude.

Belpoggi: ‘Più studi’

«Non dico che le radiofrequenze siano cancerogene. Dico però che il nostro studio ha evidenziato un certo pericolo e che, seppur piccolo, coinvolge molte persone. Quindi sarebbe importante indagare ulteriormente». A parlare è la dottoressa Fiorella Belpoggi, direttrice del Centro di ricerca sul cancro Cesare Maltoni dell’Istituto Ramazzini di Bologna. Più di quarant’anni di esperienza alle spalle e autrice di una ricerca sulla correlazione fra tumori ed esposizione alle onde del 3G (vedi a sinistra), la dottoressa Belpoggi in questi mesi è stata spesso associata al dibattito sul 5G. «A volte c’è chi strumentalizza il mio nome», aggiunge. È stata ospite sabato scorso al pomeriggio organizzato a Mendrisio dal gruppo ticinese Stop 5G. «Vado a queste riunioni per portare la mia esperienza, ma anche per dire che non dobbiamo dire ‘stop 5G’, ma dobbiamo chiedere di saperne di più». E siccome «il nostro studio ha dato risultati preoccupanti, sarebbe importante iniziare ad abbassare l’esposizione, in particolare dei bambini». E farlo anche tramite una sana igiene del senza-fili: «Non bisogna essere sempre connessi: i film si possono scaricare e guardare offline, mentre il telefono andrebbe usato con gli auricolari». La questione «non è da prendere sottogamba – prosegue – e prima di aggiungere altre onde, bisogna conoscerle. Non capisco perché l’industria chimica debba produrre studi sulla sicurezza di un composto prima di poterlo mettere in commercio e ciò invece non accada per la telefonia mobile. Intendiamoci, il mio non è un preconcetto: non sono contro il 5G, che invece può servire a cose meravigliose. Ma se non sappiamo come le onde influiscono sul corpo umano e quali malattie possono causare, allora non possiamo nemmeno prendere contromisure adeguate».

'Occhio agli effetti su Dna e Fertilità'

L’esposizione prolungata a campi elettromagnetici potrebbe portare a mutazioni del Dna. Che cosa vuole dire, ce lo spiega meglio la dottoressa Ariane Giacobino, medico genetista agli ospedali universitari di Ginevra (Hug): «Alcuni studi scientifici evidenziano che l’esposizione prolungata a campi elettromagnetici potrebbe causare problemi alla fertilità maschile a livello di Dna. Si tratterebbe di modifiche ai geni dovute a cambiamenti chimici nel Dna», ci spiega la dottoressa Giacobino. La specialista precisa che le ricerche fatte fino ad ora non sono molte e sono state fatte su cellule staminali o su animali.

«I problemi evidenziati da alcune ricerche riguardano la qualità del tessuto testicolare e la mobilità degli spermatozoi, entrambe potrebbero venire compromesse da una esposizione prolungata a campi elettromagnetici». Che cosa significa un’esposizione prolungata non è chiaro, perché non è quantificabile in ore o un periodo di tempo perché gli studi fatti sono molto variabili.

Resta un fatto: la fertilità maschile è un cruccio per l’Ufficio federale della sanità pubblica, che dall’autunno studierà, perché la qualità dello sperma dei giovani elvetici è tra i più scadenti in Europa, come ha evidenziato un recente e allarmante studio dell’Università di Ginevra.

La genetista ci illustra una recente ricerca: «Gli spermatociti (precursori degli spermatozoi) sono stati esposti a campi elettromagnetici di bassa frequenza e i ricercatori hanno osservato che gli enzimi della metilazione (responsabili delle modificazioni epigenetiche) venivano più o meno toccati. Di conseguenza c’erano geni con modificazioni epigenetiche», precisa la genetista.

Insomma l’esposizione a campi elettromagnetici va studiata più a fondo. Per quanto riguarda invece eventuali effetti sulla gravidanza «ci sono alcune ricerche su topi esposti a campi elettromagnetici che hanno evidenziato una maggiore difficoltà di impianto degli embrioni», conclude la dottoressa Giacobino.

'Così misuriamo come il corpo assorbe le onde'

È scientificamente provato: i campi elettromagnetici interagiscono con i tessuti biologici e li riscaldano. I livelli ai quali siamo esposti, per esempio mentre usiamo computer o cellulare, sono molto inferiori ai valori richiesti per produrre un riscaldamento significativo. All’istituto IT’IS di Zurigo si usano umani simulati (si chiamano fantocci) che rappresentano l’assorbimento delle radiazioni dai tessuti umani. «Usiamo sonde elettromagnetiche che misurano nel corpo umano, in questi fantocci, la penetrazione dell’energia elettromagnetica che viene ben assorbita dall’acqua e da certe molecole che costituiscono il corpo umano.

I fantocci sono liquidi in analogia con il corpo umano, che è composto d’acqua per oltre il 70%. Così determiniamo, ad esempio, se un telefonino è a norma o meno. È fatto in modo molto rigoroso», spiega Quirino Balzano, vicepresidente della Fondazione. «Quando arriva l’onda le molecole del corpo ruotano e urtano una contro l’altra, generando calore e la temperatura cresce. Per causare una sufficiente quantità di calore servono campi forti come nelle immediate vicinanze di un cellulare o di stazioni di base dei telefonini». Per questo ci sono limiti per la potenza delle onde emesse da un cellulare. «Un operaio che ripara un tetto dove c’è un’antenna, va protetto perché l’energia elettromagnetica può avere valori molto elevati». Berna raccomanda di preferire sms a telefonate lunghe col cellulare. «Tante precauzioni per prudenza, quando si usa il cellulare si è al massimo dell’esposizione. Meglio evitarla quando non serve. Lo stesso vale per il Wi-Fi. Se non lo uso perché non spegnerlo? Quando non usiamo l’acqua, la chiudiamo, lo stesso dobbiamo fare con il Wi-Fi. Perché esporsi inutilmente?». Infine, ci spiega che con la versione futura del 5G che userà microcelle, «l’esposizione di media scende. In una stanza con molte zone d’ombra se uso una sola luce per illuminare tutta l’area ho bisogno di più potenza rispetto all’uso di luci più deboli opportunamente piazzate. Così per le microcelle del 5G».

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved