laRegione
ecco-il-rapporto-sul-5g-ma-nessuna-novita-sui-valori-limite
Un antenna 5G (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Valanghe, sei morti in tre giorni in Svizzera

Le vittime stavano sciando fuori pista. Il pericolo resta ‘marcato’ in diverse zone del Paese.
Svizzera
3 ore

Direttori scolastici latini: 'Non chiudere scuole dell'obbligo'

La Conferenza latina dei responsabili degli istituti della scuola dell'obbligo (CLACESO) si allinea alla posizione della Svizzera tedesca
Svizzera
6 ore

Da Credit Suisse a Ubs, in Svizzera tutti al lavoro da casa

L'obbligo del telelavoro scattato oggi ha aumentato la percentuale dei dipendenti attivi da casa. Meno colonne sulle strade anche nelle ore di punta
Svizzera
7 ore

Gestione conflitti e violenza nei centri asilanti da migliorare

La Commissione nazionale per la prevenzione della tortura chiede di formare meglio gli addetti alla sicurezza, che spesso agiscono in modo sproporzionato
Svizzera
8 ore

Coronavirus, in Svizzera 4'703 casi nel weekend

Il tasso di positività si mantiene sostanzialmente stabile sotto il 10%. La cifra dei decessi totali supera quota 8'000
Svizzera
8 ore

Scuola reclute a distanza, si inizia con un problema tecnico

Impossibile per molti connettersi al sistema per un problema tecnico. Lo conferma Stefan Hofer, portavoce dell'esercito
Svizzera
9 ore

Vaccino, possibile risarcimento per effetti collaterali gravi

Per i vaccini anti-Covid valide le disposizioni in vigore sulle responsabilità del fabbricante, dei sanitari o, a titolo sussidiario, della Confederazione
Svizzera
10 ore

Trapianti, la pandemia non ferma le donazioni di organi

Solo 11 donazioni di organi in meno nel 2020 rispetto all'anno precedente. Lo comunica Swisstransplant. Lo scorso anno morte 72 persone in lista d'attesa
Svizzera
10 ore

Il digitale nell'amministrazione: per gli svizzeri è un 'nì'

Meno soddisfatti rispetto al 2018. Dice uno studio biennale: 'Svizzera non al passo col cambiamento'. Critiche in merito al rinnovo della carta d'identità
Svizzera
13 ore

St. Moritz, focolaio della nuova variante di Covid

Le autorità del Canton Grigioni hanno messo in quarantena due alberghi e chiuso le scuole. Ferme anche quelle di sci
Svizzera
28.11.2019 - 15:090

Ecco il rapporto sul 5G, ma nessuna novità sui valori limite

L'apposito gruppo di lavoro raccomanda di proseguire il monitoraggio sui rischi per la salute e intensificare la ricerca

Dopo un'attesa durata un anno è stato finalmente presentato oggi ai media il tanto agognato rapporto di esperti sul 5G, una tecnologia di telefonia mobile da alcuni considerata potenzialmente dannosa per la salute. Il gruppo di lavoro istituito dall'allora consigliera federale Doris Leuthard non è però riuscito a mettersi d'accordo su una eventuale modifica dei valori limite per le emissioni elettromagnetiche.

Tra le raccomandazioni formulate dal gruppo di lavoro vi sono il proseguimento del monitoraggio dei rischi per la salute e l'intensificazione della ricerca.

Effetti salute poco chiari

Per quanto riguarda gli effetti delle radiazioni sulla salute, il rapporto illustra l'attuale stato delle conoscenze in materia. Al di sotto degli attuali limiti di emissioni, non è stato possibile dimostrare alcun effetto sulla salute degli individui.

Nel rapporto si afferma che "gli effetti sulla salute delle radiazioni emessa di telefonia mobile e in particolare delle frequenze che si prevede di utilizzare in futuro per 5G non sono ancora stati chiariti in modo definitivo".

Il documento include anche proposte su come potrebbe essere modellato l'approvvigionamento futuro della popolazione e dell'economia e su come potrebbe essere gestita l'esposizione alle radiazioni.

Il gruppo di lavoro era stato istituito dall'ex consigliera federale Leuthard

Nel settembre 2018 l'allora 'ministra' delle comunicazioni Doris Leuthard, aveva istituito il gruppo di lavoro sulla radiocomunicazione mobile e le radiazioni. Il compito di questo gruppo di lavoro era quello di analizzare le esigenze e i rischi connessi alla creazione di reti 5G e di elaborare raccomandazioni.

Il gruppo di lavoro è composto da rappresentanti degli uffici federali coinvolti, da autorità cantonali, ma anche dagli operatori di telefonia mobile, da professionisti della salute e da esponenti di città e comuni. Paul Steffen, vicedirettore dell'Ufficio federale dell'ambiente (Ufam), ha presieduto il gruppo di lavoro.

Lo scorso aprile, per preparare lo sviluppo della rete 5G, il Consiglio federale aveva approvato una modifica tecnica nell'ordinanza sulla protezione delle radiazioni non ionizzanti (Orni). In febbraio erano state attribuite nuove frequenze (700 MHz, 1400 MHz e 3500 MHz) a Swisscom, Salt e Sunrise in vista dello sviluppo della rete 5G, acronimo di "5th Generation" (quinta generazione).

Popolazione preoccupata per il 5G

Benché i limiti delle radiazioni non siano stati allentati, secondo la consigliera federale Simonetta Sommaruga che ha sostituito Leuthard in questo dossier, diversi attori hanno scelto la prudenza sostenuti anche da un movimento popolare.

Lo scorso 10 maggio, oltre un migliaio di persone ha partecipato a Berna a una manifestazione contro il 5G. I manifestanti hanno chiesto una moratoria nazionale sul tema e si sono detti contrari a un aumento degli attuali valori limite per le radiazioni. Il comitato "Stop 5G" auspica che non si proceda con questa tecnologia fino a quando non sarà disponibile un numero sufficiente di studi scientifici indipendenti.

Lo scorso 18 ottobre, una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile 5G, corredata di quasi 40mila firme, è stata depositata presso il Dipartimento federale delle comunicazioni. Recentemente è poi stata lanciata un'iniziativa popolare, denominata "Per una telefonia mobile compatibile con la salute e a basso consumo energetico", che propone di proteggere meglio la popolazione dalla radiazioni elettromagnetiche. Ginevra e Vaud, hanno già dichiarato una moratoria sull'istallazione della tecnologia 5G.
 
 

© Regiopress, All rights reserved