NY Rangers
3
PHI Flyers
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
Detroit Red Wings
0
Seattle Kraken
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
3
COL Avalanche
1
1. tempo
(3-1)
OTT Senators
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
moratoria-5g-c-e-soddisfazione-per-le-firme-raccolte
Firme depositate oggi a Bellinzona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
5 ore

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
5 ore

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
6 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
6 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
7 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
7 ore

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
8 ore

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
8 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
8 ore

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
8 ore

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
8 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
8 ore

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Ticino
 
17.06.2020 - 20:270
Aggiornamento : 20:54

Moratoria 5G, c'è soddisfazione per le firme raccolte

Per Annamaria Dadò (Stop5G Svizzera italiana) è 'un segnale che viene dal basso'. Tuttavia, ha anche notato 'rassegnazione e amarezza' nei cittadini.

Sono 7'128 le firme raccolte a favore dell'introduzione di una moratoria sull'installazione del 5G in Ticino. La petizione chiede al Gran Consiglio di bloccare l'introduzione di questa tecnologia – in particolare con la costruzione di nuove antenne – "fintanto che studi scientifici indipendenti dimostrino la non-nocività sul corpo umano e l'ambiente". «Siamo soddisfatti» del risultato raggiunto, afferma a 'laRegione' Annamaria Dadò – membro del gruppo Stop5G Svizzera italiana che ha promosso la petizione –, aggiungendo che si tratta «un segnale che viene dal basso».

Tuttavia, durante la raccolta delle sottoscrizioni, Dadò ha notato molta «rassegnazione e amarezza» fra i cittadini: «molte persone non volevano firmare la petizione, non perché erano in disaccordo con noi, ma perché sostenevano che non sarebbe servita a niente, visto che le autorità e l'industria fanno comunque quello che vogliono». Le opposizioni alla costruzione di nuove antenne, le proteste in piazza e lo scetticismo espresso da alcuni politici hanno però frenato lo sviluppo del 5G in Svizzera, generando disappunto tra le cerchie economiche e tra gli operatori di telefonia mobile che vorrebbero un'implementazione più rapida di questa tecnologia. Recentemente l'Associazione svizzera delle telecomunicazioni (Asut) ha chiesto alle autorità e alla politica di porre fine a questa situazione di stallo: stando a uno studio, rallentando gli investimenti in questo settore, tra tre anni il 60% del traffico internet mobile non potrà più essere gestito.

Il Consiglio federale: nessun allentamento dei valori limite

Lo scorso aprile il Consiglio federale, pur affermando che il 5G può "svolgere un ruolo importante nella digitalizzazione", ha deciso di procedere in modo piuttosto prudente in quest'ambito. Ha innanzitutto stabilito di non allentare i valori limite relativi alle emissioni di radiazioni. Inoltre, per generare trasparenza sull'impatto sulla popolazione delle nuove antenne adattive (che inviano segali in modo mirato in direzione degli utenti) saranno dapprima necessarie delle misurazioni di prova per capire se vi sono differenze con le antenne 'classiche' in merito all'emissione di radiazioni. Il governo attende poi entro la fine del 2021 un rapporto sulle possibilità di istituire una "rete di radiocomunicazione sostenibile".

Un ulteriore rapporto che andrà ad aggiungersi a quello presentato lo scorso novembre dal gruppo di lavoro 'Telefonia mobile e radiazioni'. Quest'ultimo era molto atteso, ma aveva deluso le aspettative: gli esperti non erano riusciti a trovare un'intesa su un'eventuale modifica dei valori limiti, i cui effetti sulla salute "non sono stati chiariti in modo definitivo". Il gruppo di lavoro aveva però formulato delle raccomandazioni (come l'ulteriore sviluppo del monitoraggio dell'esposizione alle radiazioni, una migliore informazione della popolazione e l'intensificazione della ricerca sulle ripercussione sulla salute) che il Consiglio federale metterà in pratica.

E questo anche per rispondere alle "resistenze" emerse nella popolazione: già lo scorso ottobre era stata depositata una petizione firmata da quasi 40mila persone per introdurre una moratoria sul 5G a livello nazionale. Moratorie decretate l'anno scorso nei cantoni Ginevra, Vaud e Jura (che poi ci ha ripensato). Anche a Neuchâtel si voleva andare nella stessa direzione, ma per finire il parlamento ha deciso a inizio gennaio di adottare un'iniziativa cantonale volta a istituire a livello nazionale una moratoria sul 5G millimetrico. La stessa decisione è poi stata presa a fine febbraio da Ginevra, anche se l'impiego di onde millimetriche (ancora poco studiate) è per ora vietato in Svizzera.

Per il Consiglio di Stato una moratoria non rientra nell'area di competenza del Cantone

Insomma, continua a regnare un po' di confusione, anche perché sembrerebbe che non sia legalmente concesso introdurre una moratoria sul 5G a livello cantonale. Infatti, il Consiglio di Stato ticinese – in un suo rapporto del novembre scorso su una mozione dei popolari democratici Fiorenzo Dadò, Giorgio Fonio e Maurizio Agustoni che ne chiedevano l'introduzione – affermava che "l'eventuale attuazione di una moratoria (...) si situerebbe indubbiamente al di fuori della ristretta area di competenza concessa dalla Confederazione all'autorità cantonale". In qualsiasi caso però "i rischi legati a possibili effetti negativi sulla salute e sull'ambiente in generale non possono essere sottovalutati", aveva scritto l'esecutivo.

E questi "effetti negativi" sono proprio quello che temono coloro che si oppongono al 5G. Per Annamaria Dadò, pur ritenendo che «la gente non ha bisogno di questa nuova tecnologia», ci sarebbero anche alternative meno dannose. Come la tecnologia sviluppata in Ticino da Alessandro Pasquali: si tratta del 'Li-Fi' ovvero la trasmissione di dati attraverso la luce invece che con onde radio. Tuttavia, questa tecnologia è ancora in fase di sviluppo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved