laRegione
una-domenica-ticinese-a-stelle-e-strisce
Il Segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo (foto Keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
4 ore

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
8 ore

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
8 ore

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
8 ore

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
8 ore

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
18 ore

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Ticino
27.05.2019 - 21:560
Aggiornamento : 22:12

Una domenica ticinese a stelle e strisce

Il Segretario di Stato Usa Michael Pompeo sarà accolto in Ticino dal consigliere federale Ignazio Cassis. Sul tavolo delle discussioni, le relazioni bilaterali tra i due paesi

La diplomazia sull’asse Svizzera-Stati Uniti d’America si andrà costruendo anche fra le mura di Castelgrande. E questo grazie alla confermata visita del Segretario di Stato statunitense il prossimo weekend: Michael ‘Mike’ Richard Pompeo è atteso in Ticino, e più precisamente sulla pista dell’aereoporto di Agno, domenica 2 giugno alle 10. Il numero 2 americano – voluto e nominato dal presidente Donald Trump – sarà accolto dal consigliere federale Ignazio Cassis e dalla sua delegazione in Ticino, a conferma dunque delle indiscrezioni pubblicate dal ‘CdT’. Sì, Pompeo contraccambierà la visita di febbraio del ministro degli esteri svizzero a Washington, nell’ambito del suo ‘tour’ europeo che lo vedrà impegnato in diversi Paesi dal 30 di maggio al 5 giugno. Il capo della diplomazia americana raggiungerà la Svizzera dopo essersi recato in Germania, per un colloquio con la Cancelliera Angela Merkel. 

Prima Agno e poi Bellinzona 

Quanto alla visita nella Confederazione, per ragioni di sicurezza le informazioni che trapelano dal Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), responsabile dell’incontro bilaterale e della relativa comunicazione, sono a oggi piuttosto centellinate. A quanto ci risulta, per ora i programmi prevedono l’arrivo in Ticino di Pompeo ad Agno (probabilmente in aereoplano), con un momento di benvenuto di cui si occuperà direttamente Cassis. Dopo l’accoglienza e le fotografie di rito, le delegazioni si sposteranno al Castelgrande di Bellinzona (in automobile o più verosimilmente in elicottero, visto che il primo castello si presta ad essere raggiunto dal cielo). Anche una delegazione del Consiglio di Stato, fra cui il presidente Christian Vitta, saluterà l’illustre ospite.

Si discuterà delle relazioni tra Svizzera ed Usa 

Fra le mura del castello si svolgerà poi il colloquio bilateriale fra il segretario di Stato e il consigliere federale, cui farà seguito una conferenza stampa prevista a mezzogiorno in due lingue, italiano e inglese. Al centro dell’incontro le relazioni fra i due Paesi, che riprenderanno là dove si erano fermate a Washington. Cassis si era detto convinto che un accordo di libero scambio tra Svizzera e Stati Uniti poteva essere presto negoziato. Dopo la sua visita a Washington si era recato pure il ministro dell’economia Guy Parmelin ad aprile, e in seguito a maggio Ueli Maurer aveva incontrato direttamente il presidente. Ancora una volta l’auspicio di un’intesa commerciale fra i due Paesi era stata giudicata positivamente.

© Regiopress, All rights reserved