una-moratoria-per-la-5g-in-ticino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Museo di Verzasca e Parco del Piano, sboccia la collaborazione

Una lettera d’intenti per sviluppare nuove sinergie in diversi ambiti, permettendo ad entrambi di potenziare e arricchire le rispettive attività
Luganese
5 min

Lugano, nel 2022 l’acqua potabile sarà più cara

La tassa sarà incrementata di circa il 20%. L’aumento interesserà sia le tasse di base sia quelle di consumo.
Ticino
31 min

Altri due decessi per Covid in Ticino e 4 ricoveri in 72 ore

Nel corso del fine settimana, venerdi compreso, si registrano 344 contagi, quasi il 50% in più rispetto a lunedi scorso e il dato più alto da un anno
Ticino
1 ora

Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino

47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1°dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Locarnese
1 ora

Serata letteraria con Brunoni e Mancini ad Aurigeno

Due scrittori locarnesi emergenti dialogheranno con il professo massimo Frapolli e il pubblico
Locarnese
3 ore

Brissago, il Municipio ‘si tuffa dal trampolino’

Al Consiglio comunale il credito per rifare le due piattaforme a lago del Lido comunale, sistemare la zattera e sostituire le boe di demarcazione
Ticino
4 ore

Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri

Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Mendrisiotto
5 ore

Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare

Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Ticino
14.04.2019 - 09:320
Aggiornamento : 17:01

Una moratoria per la 5G in Ticino

Mozione di Fiorenzo Dadò, Giorgio Fonio e Maurizio Agustoni chiede al Consiglio di Stato studi scientifici indipendenti prima di introdurre la tecnologia

a cura de laRegione

 

Decretare subito una moratoria concernente l’installazione del 5G su tutto il territorio del Canton Ticino fintanto che studi scientifici indipendenti non siano stati in grado di dimostrare la non nocività della tecnologia 5G sul corpo umano e prendere contatto con gli altri Cantoni che hanno già decretato la moratoria affinché siano promossi degli studi scientifici congiunti.

È quanto chiedono Fiorenzo Dadò, Giorgio Fonio e Maurizio Agustoni tramite una mozione presentata al Consiglio di Stato. Una mozione che riprende le sempre "più insistenti voci di un imminente arrivo, anche su suolo ticinese, delle antenne 5G per la telefonia mobile. Lo scorso mese di febbraio 3 operatori di telefonia (Swisscom, Sunrise e Salt) si sono infatti aggiudicati all’asta, per un totale di 380 milioni di franchi, le licenze per installare le suddette antenne".

Questa nuova tecnologia, la 5G appunto,  scrivono i mozionanti, non avrà quale unico scopo quello di velocizzare l’accesso a internet o le telecomunicazioni bensì anche di far dialogare macchine, apparecchi e elettrodomestici di uso quotidiano. Si parlerà così di “internet degli oggetti” visto che il 5G genererà tra 10 e 20 miliardi di connessioni (frigoriferi, macchine da lavare, telecamere di sorveglianza, ecc...).

I rischi concernenti questa tecnologia non sono purtroppo ancora completamente conosciuti, si legge nella mozione. Quello che per il momento si sa è che oltre 230 rappresentanti del mondo scientifico – di 40 paesi – hanno espresso una seria preoccupazione per l’esposizione permanente ai campi elettromagnetici. Campi elettromagnetici che provocano danni agli organismi viventi (uomini, animali e vegetali) anche rimanendo sotto le soglie limite imposte – oggi – a livello internazionale.

L’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) nel 2018 ha istituito un gruppo di lavoro per discutere e analizzare le esigenze e i rischi legati al potenziamento delle reti 5G. È prevista la pubblicazione, entro la metà di quest’anno, di un rapporto con delle raccomandazioni. In contemporanea l’Ufam è però all’opera per rivedere l’Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (Orni) così da eventualmente colmare tutte quelle lacune che potrebbero ostacolare il potenziamento delle reti 5G.

Questa Ordinanza, come si legge in un comunicato Ufam datato settembre 2018, riportato nell'atto parlamentare, “dovrebbe essere adottata dal Consiglio federale nella primavera 2019”. Non è dunque ammissibile che la modifica dell’ordinanza Orni, con verosimilmente degli adattamenti a riguardo dei valori limite per le radiazioni non ionizzanti, avvenga prima di conoscere i risultati del rapporto ordinato dallo stesso Ufam. I Cantoni Vaud e Ginevra hanno nel frattempo già decretato una moratoria riguardante la costruzioni di nuove antenne 5G. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved