Ti-Press
Ticino
24.03.2019 - 18:290
Aggiornamento : 19:30

Sansonetti (ex Argo 1): i reati più gravi cadono

La pp Margherita Lanzillo ha annunciato la chiusura dell'inchiesta alle parti. Cadono le accuse di usura e truffa a carico dell'ex responsabile operativo

I reati più gravi sarebbero destinati a cadere. Per l’ex responsabile operativo dell’agenzia di sicurezza Argo 1, Marco Sansonetti, non si configurerebbero né le accuse di usura, né quelle di truffa e di falsità in documenti. Lo ha comunicato alle parti la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo – ne dà notizia il ‘Caffè’ – annunciando la chiusura dell’inchiesta a carico del responsabile della ditta incaricata dal Cantone per tre anni della sorveglianza dei centri per richiedenti l’asilo, come noto senza la necessaria autorizzazione da parte del Consiglio di Stato e per un mandato complessivo di quasi tre milioni e mezzo di franchi. Nell’ambito del pagamento in nero dei salari ai dipendenti, Lanzillo ipotizza un decreto d’accusa o un atto d’accusa soltanto per infrazione alla legge sull’Avs e la previdenza professionale.

Decreto d’accusa o promozione di accusa anche per la vicenda dell’ammanettamento ad una doccia di un giovane eritreo, episodio che risale al gennaio 2017 al centro di Camorino. Lanzillo ha preso in considerazione i reati di abuso di autorità e coazione, mentre cade il sequestro di persona, precisa ancora il domenicale. Ad ammanettare il giovane fu la Polizia cantonale (Sansonetti arrivò dopo), e a carico di tre poliziotti vi è ancora un’inchiesta aperta in mano al procuratore generale Andrea Pagani. Resta aperta anche l’inchiesta a carico dell’amministratore della Argo 1, Davide Grillo, che deve rispondere sulla questione dei salari in nero.

Decreto d’abbandono in vista – infine – per l’accusa a Sansonetti di aver messo in pericolo la salute di uno degli ex dipendenti, che al Centro di Peccia aveva contratto la tubercolosi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
accusa
sansonetti
inchiesta
carico
reati
lanzillo
argo
responsabile
decreto
© Regiopress, All rights reserved