ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Da officina a postribolo: a Balerna fa discutere una richiesta

Alla domanda per cambio di destinazione d’uso, sono già state presentate delle opposizioni. Un residente: ‘Non è coerente con lo sviluppo del quartiere’
Mendrisiotto
9 ore

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
11 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
11 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
12 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
13 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
13 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
13 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
13 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
13 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
14 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
29.09.2018 - 06:05

Caso del 12enne malato. Chiesa (Udc): 'Serve un parere in più'

Tre interrogazioni al Consiglio federale. Nella procedura di valutazione sui farmaci non omologati: 'Va coinvolto un esperto indipendente'.

di Chiara Scapozza
caso-del-12enne-malato-chiesa-udc-serve-un-parere-in-piu
Ti-Press

Si può fare meglio. Su un punto, in particolare. E cioè nell’ambito della procedura di valutazione che determina se un farmaco non omologato in Svizzera dev’essere rimborsato della cassa malati o meno. Ne è convinto il consigliere nazionale Marco Chiesa (Udc), che ha inoltrato ben tre interrogazioni al Consiglio federale a seguito del caso – reso pubblico dalla ‘Regione’ lo scorso luglio – del 12enne malato di tumore a cui l’assicurazione aveva in un primo tempo negato il pagamento di un medicamento anti-recidiva (poi coperto dalla complementare, a seguito della pressione mediatica e dell’indignazione mista a solidarietà immediatamente palesatesi fra l’opinione pubblica). «Bisogna fare chiarezza a livello di Ordinanza sull’assicurazione malattie, in cui vengono elencate le regole per le quali l’assicuratore assume i costi nel caso dei medicamenti non omologati – spiega Chiesa alla ‘Regione’ –. Il sistema funziona, ma c’è un punto che può essere migliorato, ed è quello relativo a chi interviene nella decisione di rimborso o meno». L’assicurazione assume i costi del medicamento “soltanto previa garanzia speciale dell’assicuratore e previa consultazione del medico di fiducia”, ricorda il deputato nell’atto parlamentare. In questo modo, consultando il suo medico, l’assicuratore sui singoli casi “verifica dunque se i costi assunti dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie sono proporzionati al beneficio terapeutico”. Una procedura che, per Chiesa, “può essere tracciata di autoreferenzialità”. Da qui la proposta di far intervenire, su questa decisione, anche un esperto indipendente. «Nell’ambito della valutazione un elemento d’indipendenza scientifica potrebbe essere benvenuto nella dialettica fra il medico curante e il medico di fiducia dell’assicuratore malattia – spiega il consigliere nazionale democentrista –. Questa terza persona penso potrebbe facilitare il confronto». Sarà il Consiglio federale a esprimersi, rispondendo all’interrogazione. A cui verosimilmente farà seguito una proposta concreta, verosimilmente tramite iniziativa parlamentare che, auspica Chiesa, possa fare breccia nelle Commissioni dell’Assemblea federale. Intanto il governo risponderà anche alle altre domande contenute nelle tre interrogazioni depositate ieri, la prima delle quali concerne specificatamente il caso del 12enne ticinese. “Come mai il farmaco in questione non è mai stato omologato in Svizzera? Si tratta piuttosto di una questione economica oppure clinica? – chiede fra l’altro il deputato –. Vi sono difficoltà a registrare farmaci innovativi o adatti a malattie rare in Svizzera?”.

E la sicurezza dei farmaci non omologati?

Per Marco Chiesa, caso del 12enne a parte, c’è una «questione di fondo» su cui non si può prescindere. «Ed è quella della sicurezza dei farmaci che vengono somministrati, quando questi non risultano omologati in Svizzera», commenta il deputato. È questo il tema oggetto di una delle tre interrogazioni inoltrate ieri al Consiglio federale. «Tema altrettanto forte quanto quello della questione del rimborso del costo da parte dell’assicurazione di base». Risulta infatti che il numero di farmaci non omologati in Svizzera ma prescritti sia consistente. «Vorrei capire come siamo messi a livello di sicurezza, e come avviene il controllo di questo tipo di prescrizioni». Ecco perché il deputato chiede all’Esecutivo una valutazione della situazione attuale. “Come giudica l’approvvigionamento e la sicurezza dei medicamenti per le persone minorenni con medicamenti non omologati? Come giudica il ruolo degli assicuratori malattia in questo contesto? Come può un assicuratore malattia – si legge ancora nell’interrogazione – acquisire la necessaria certezza che in caso di impiego non venga privilegiata la ricerca sulle persone minori

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved