ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
2 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
3 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
4 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
4 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
5 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
5 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
29.09.2022 - 11:56
Aggiornamento: 15:14

‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié

Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17

crassa-leggerezza-chiesta-l-assoluzione-del-principe-selassie
archivio Ti-Press
Si parla di 178 miliardi di dollari

Ha puntato sulla «crassa leggerezza» degli accusatori privati – tre conosciuti professionisti del Mendrisiotto – l’arringa dell’avvocato Andrea Minesso, legale del sedicente discendente del principe d’Etiopia a processo da ieri davanti alla Corte delle Assise Criminali di Mendrisio per rispondere di truffa per mestiere (13 i milioni che l’imputato avrebbe incassato con l’inganno) e ripetuta falsità in documenti. Al termine del suo intervento, il legale ha chiesto l’assoluzione per il 66enne Aklile Berhan Makkonen Hailè Selassié, «non essendoci inganno, visto che già la cifra risulta incredibile». In via subordinata, è stato richiesto il proscioglimento per i fatti successi dopo il 2015. Ieri l’accusa, rappresentata dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli, ha chiesto una condanna a 7 anni di detenzione. La Corte presieduta dal giudice Amos Pagnamenta pronuncerà la sentenza alle 17.

Il nodo dei 178 miliardi di dollari

La «bugia principale» costante del procedimento – i fatti contestati al sedicente principe risalgono al periodo tra il 2007 e il 2017 – «è sempre stata una – ha spiegato Minesso – ovvero la Germania che stava per pagare 178 miliardi di dollari americani, un numero a 9 zeri, a Makkonen». Una somma pari al «10 per cento del Pil nazionale della Germania, più del doppio delle entrate e delle uscite della Confederazione svizzera». Di fronte a questa somma «è evidente che occorra chinarsi sul comportamento delle vittime e chiedersi se abbiano dimostrato attenzione e prudenza o se ci sia stata imprudenza». Perché, si è chiesto il legale, gli accusatori privati «non si sono rivolti a un professionista per sapere se questi bond fossero incassabili?». I tre hanno continuato a prestare soldi a colui che credevano un principe, il quale «non ha mai nascosto la sua situazione economico-finanziaria», con la prospettiva di «rientrare e di ottenere guadagni stratosferici ma senza fare verifiche». Un aspetto che per Minesso «avrebbe dovuto indurre alla cautela: perché il mio cliente avrebbe dovuto rivolgersi a una fiduciaria di Chiasso per sbarcare il lunario?». I fatti, come visto, interessano un decennio. A fronte di uno stato «sempre lì lì per pagare ma non succede nulla», una delle domande da porsi «è come è possibile che la Germania stia per pagare cifre astronomiche a un privato, in assoluta segretezza e di nascosto». A essere mancato «è stato lo spirito critico». Vedendo certi documenti tedeschi, «bastava guardare su Wikipedia per capire che le firme erano false».

‘Esco con le ossa rotte’

Al termine della discussione, la parola è passata al 66enne. «Da questa situazione sono io che esco con le ossa rotte – ha detto in aula, in piedi davanti alla corte –. Le pubblicazioni relative a questa vicenda sono finite in tutto il mondo e hanno pesato sulla mia famiglia: nessun denaro potrà restituire la dignità che mi ha insegnato mio nonno». Riguardo ai fatti, «se ho causato danni a questi signori, chiedo scusa».

Leggi anche:

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Hailé Selassié, principe dell’inganno

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved