ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Bellinzona omaggia le associazioni locali

La Città ha ricevuto giovedì scorso circa 80 volontari attivi in varie realtà che si impegnano per la collettività
Luganese
31 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
4 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
13 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
16 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
17 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
18 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
25.09.2022 - 18:11
Aggiornamento: 19:02

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica

chiasso-natura-e-paesaggio-per-il-nuovo-faloppia
archivio Ti-Press
Oggi si presenta così

Chiasso avrà una nuova area paesaggistica e naturalistica grazie a un Faloppia dove la popolazione potrà trascorrere delle ore di svago. Oltre a essere l’intervento di maggiore rilevanza contenuto nel Piano d’azione comunale (Pac), la riqualifica del torrente Faloppia ha già incontrato i favori dell’Ufficio cantonale dei corsi d’acqua. Ora il Consiglio comunale è chiamato a stanziare un credito di 300mila franchi necessari all’elaborazione del progetto definitivo. Nel complesso, gli interventi costeranno 7’745’250 franchi – si tratta di una stima dei costi elaborata nell’ambito del progetto di massima – e saranno sussidiati con un tasso pari all’80 per cento da Cantone e Confederazione. Come spiega il Municipio nel messaggio, "i sussidi federali e cantonali relativi al progetto sono stati allocati nel quadriennio 2024-2028, per cui è fondamentale approntare nel frattempo le basi progettuali per concretizzare il progetto in questo arco temporale". La durata della fase progettuale è stimata in un anno e mezzo.

Il primo passo nel 2017

Quello che il Municipio di Chiasso intende ora concretizzare è un progetto di cui si parla dal novembre 2017 quando, su mandato dell’esecutivo, un gruppo di progettazione multidisciplinare "ha consegnato uno studio di fattibilità relativo alla riqualifica paesaggistica e naturalistica del fiume Faloppia". Nel maggio 2018 l’Ufficio dei corsi d’acqua ha condiviso l’approccio dello studio, chiedendo alcuni approfondimenti relativi all’idraulica del fiume. Un complemento trasmesso nel febbraio dell’anno scorso e che è stato approvato nell’agosto 2021. "Nel riscontro scritto, l’autorità cantonale ha invitato il Comune ad attivare la fase di progettazione definitiva, in modo tale d’allestire le basi, in vista di una possibile cantierizzazione del progetto nel quadriennio 2024-2028". Gli interventi, come si legge nel messaggio, sono suddivisi in due parti: la tratta urbana (dal ponte di via I° Agosto al ponte su via ai Crotti) e la tratta del Sottopenz (dal ponte lungo la strada che porta a Seseglio, nei pressi della dogana di Ponte Faloppia, fino al ponte di via I° Agosto).

Tre obiettivi per la tratta urbana

Sono tre gli obiettivi che verranno raggiunti con i lavori lungo la tratta urbana. Il progetto di rivitalizzazione del torrente permetterà di "ridare spazio vitale al corso d’acqua, favorendo uno sviluppo naturale della flora e della fauna; eliminare i deficit idraulici mettendo in sicurezza le aree adiacenti al fiume, proteggendole dalle esondazioni, e favorire la fruibilità del corso d’acqua, permettendo alla popolazione di accedere a spazi naturali e a contatto con l’acqua". Tra gli interventi previsti per questa zona spicca la "demolizione del muro esistente in sponda sinistra e ampliamento dell’alveo con la creazione di un percorso d’argine fruibile". Allo stesso modo "verrà riutilizzata la testa d’argine per la realizzazione sia del cordolo divisorio su via Chiesa, sia di gradini per consentire l’accesso all’alveo". La sponda sinistra "risulterà naturale grazie al rinverdimento con arbusti autoctoni". Via Chiesa diventerà "strada a zona pedonale con accesso veicolare limitato e senso unico di marcia". Per dare maggiore spazio al fiume, "i 53 posteggi esistenti vengono traslati interamente lungo via Milano" e verranno realizzate tre passerelle ciclopedonali che collegano via Milano e via Chiesa.

Lungo via Sottopenz

Passando al Sottopenz, "questo tronco del Faloppia è caratterizzato dalla presenza di sei soglie di varie altezze che ostacolano la libera migrazione della fauna ittica". Nel tratto sono presenti anche le confluenze con i torrenti Roncaglia e Raggio. I principali obiettivi naturalistici riguardano la rivitalizzazione degli ambienti fluviali e perifluviali, la valorizzazione delle comunità biologiche acquatiche e terrestri, il recupero della connessione con il bosco del Penz e la rivitalizzazione della confluenza con il torrente Raggio. Il progetto crea quindi "le premesse per ripristinare i corridoi ecologici". Grazie agli interventi sarà tra gli altri possibile "ripristinare una sinuosità del corso d’acqua, diversificando gli ambienti acquatici e inserendo ripari per la fauna (siepi e boschetti golenali)". I lavori in questo tratto di circa 1,6 chilometri sono stimati in 2,5 milioni e coinvolgono anche Balerna e Novazzano. "La proposta di suddivisione dei costi, avallata dai rispettivi esecutivi, fonda su una suddivisione proporzionale ai metri quadrati di sponda: 1’590 metri Chiasso, 1’290 Balerna e 300 Novazzano".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved