ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
19 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
19 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
21 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
11.07.2022 - 05:30

‘inComune’, nuove geometrie a Castel San Pietro

Aperto il concorso di progettazione per riqualificare l’ingresso del nucleo. Ne parliamo con il sindaco Alessia Ponti

di Teresa Bisignani
incomune-nuove-geometrie-a-castel-san-pietro
archivio Ti-Press
L’area dell’ex Diantus

Ridisegnare il centro del comune. È questo l’obiettivo del concorso di progettazione per il nuovo comparto ‘inComune – nuove geometrie Castel San Pietro’, di cui sono aperte da ormai qualche giorno le iscrizioni. Committente e promotore dell’iniziativa è il comune stesso, il quale funge da ente banditore per tramite del suo Municipio. Portavoce dell’iniziativa è Alessia Ponti, sindaco del comune che ci spiega essere «il primo concorso di pianificazione architettonica del comune di Castel San Pietro». A coordinare il concorso è invece l’atelier Ribo SA di Cadenazzo con cui «è stato fatto uno studio di fattibilità e da esso abbiamo deciso di aprire questo concorso di architettura – aggiunge Ponti –. L’obiettivo è quello di coinvolgere la maggior parte dei professionisti del settore, architetti, urbanisti, ingegneri del traffico, in modo che ci si occupi di tutto quello che è il tema del centro paese. Tra i temi viabilità, luoghi di incontro, piazza, eventuali appartamenti a pigione moderata e autosilo. Insomma, una riqualifica del centro paese sulla base delle nostre attuali esigenze e necessità».

Riqualificare l’ingresso al nucleo

L’obiettivo è, dunque, quello di riqualificare l’ingresso al nucleo e dotarlo dei servizi che possono essere accolti all’interno dello stesso, nell’area occupata attualmente dall’ormai dismessa Diantus Watch. Il nuovo comparto sorgerebbe in prossimità del nucleo storico di Castel San Pietro e sulla via di comunicazione principale che collega alla Città di Mendrisio. Sull’importanza del nome, Alessia Ponti dice che «‘inComune’, è un progetto condiviso con tutti gli attori in gioco» e tiene a sottolineare che «non è un progetto imposto dall’alto, calato dal nostro esecutivo, bensì si è sviluppato pian piano sulla base d’incontri, gruppi di lavoro, condivisione tra le varie forze politiche e le varie persone presenti e attive nel nostro comune». Ponti continua aggiungendo che «l’obiettivo è proprio quello del coinvolgimento della popolazione», come già avvenuto con il sondaggio in cui è stato chiesto «cosa ci si aspettasse da un centro paese, cosa secondo la popolazione manca a Castel San Pietro, come si immaginano il centro», insomma, «un qualcosa di condiviso». All’interno di questa futura nuova area «si intende creare un’atmosfera di accoglienza e benvenuto, favorita dagli spazi d’incontro fruibili per diverse manifestazioni comunali» quali, per esempio, il ben noto Carnevale di Castello. Viene anche evidenziata la mancanza di una piazza comune per i cittadini e che grazie a questo progetto verrebbe a crearsi ovviando al problema. Inoltre, l’area a disposizione dei cittadini castellani è da considerarsi un’estensione del nucleo del paese che prevederà la riorganizzazione della viabilità e dei parcheggi, l’inserimento di nuove abitazioni intergenerazionali, l’integrazione di servizi di prossimità quali negozi, farmacia, studio medico, ufficio postale, spazi a uso delle associazioni locali e laboratori protetti e infine l’armonizzazione degli spazi liberi, verdi e minerali.

‘Nuova immagine per un comune già bello’

Le aspettative riguardo a questo progetto sono dunque alte. «Ci aspettiamo una nuova immagine di un comune che è già molto bello, ma che sarà ancora più vivibile, ancora più condiviso e che veda risolti i problemi attuali quale la mancanza di una piazza come luogo di ritrovo», ci racconta il sindaco. A sostegno di questo progetto vi è inoltre il consenso positivo da parte della popolazione di Castel San Pietro. Come continua a raccontare il sindaco, «probabilmente essere arrivati a questo punto dopo lo studio di fattibilità, aver proposto un concorso di architettura, aver fatto un lavoro preliminare con tutti i partiti politici e le varie forze politiche che ci sono nel nostro comune, ha aiutato a condividere il progetto già a partire dai suoi inizi. Diciamo quindi che l’arrivo qui è stata un po’ una conseguenza logica a tutto il lavoro propedeutico fatto prima». Interessante è anche il fatto che, durante un concorso di pianificazione e architettura, «arrivano tantissime idee anche tra le più fantasiose e disparate e da ogni dove perché non c’è un vincolo geografico alle proposte. Quindi ci aspettiamo proposte anche da architetti residenti al di fuori del nostro Cantone, magari anche fuori dalla Confederazione – conclude il sindaco –. Questa è sicuramente una grande opportunità che ci permette di vedere dettagli che magari non avremmo avuto modo di vedere e come gli altri percepiscono e immaginano il nostro territorio. Uno sguardo esterno ci permetterà sicuramente di rivalutare qualcosa che noi abbiamo sottovalutato o di mettere in luce e dare risalto ad aspetti che per noi non riteniamo più così importanti, ma che magari lo sono».

A dicembre comincia la discussione

L’importanza del progetto porta con sé molteplici benefici per il comune stesso. Grazie alla posizione strategica e geografica in cui sorgerà la nuova area comunale, il comune di Castel San Pietro garantirà ai propri cittadini attuali e futuri una posizione di pregio estremante attrattiva. Del progetto, previsto a tappe per i prossimi 10-15 anni con un costo stimato di circa 22 milioni, si comincerà a discutere a partire da dicembre. Al concorso è ammessa la partecipazione di studi di architettura che rispettano non solo le condizioni d’idoneità, ma anche quelle d’ammissione indicate sul bando. Per ulteriori informazioni su dettagli e tempistiche si possono consultare il sito www.castelsanpietro.ch o www.simap.ch. Il termine ultimo per iscriversi è venerdì 15 luglio alle 16.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved