migranti-dall-italia-alla-germania-due-passatori-condannati
Ti-Press
Diversi degli ingressi illeciti sono avvenuti dal valico di Brusino Arsizio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
14 min

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
6 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
7 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
11 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
11 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
11 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
17 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
19 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
20 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
21 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
21 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
21.06.2022 - 17:34
Aggiornamento: 18:02

Migranti dall’Italia alla Germania, due passatori condannati

Pene sospese alla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio per un 48enne e un 46enne, colpevoli di aver fatto transitare clandestini dalla Svizzera

Migranti irregolari fatti transitare dall’Italia alla Germania, attraverso la Svizzera. Questa la colpa di un 48enne siriano e di un 46enne iracheno, condannati oggi alla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio a pene sospese condizionalmente e all’espulsione per il reato di incitazione all’entrata, alla partenza o al soggiorno illegale aggravata.

I fatti risalgono allo scorso autunno. Utilizzando come punti di partenza Porto Ceresio e Lavena Ponte Tresa e agendo in complicità con altri personaggi non ancora del tutto identificati, in una dozzina di occasioni i due hanno introdotto alcune decine di clandestini, migranti senza i necessari documenti per transitare dal Paese, perlopiù connazionali dei due. Destinazione: la Germania, dove peraltro risiedono anche i due imputati, giudicati in due processi disgiunti ma dalla stessa Corte presieduta da Marco Villa. Processi che avrebbero dovuto tenersi già un paio di mesi fa con la formula del rito abbreviato, rimandati e trasformati poi in procedimenti ordinari a causa dell’assenza degli imputati.

300 euro per ogni trasportato

I valichi ticinesi utilizzati sono stati quelli di Brusino Arsizio e di Ponte Tresa, mentre per entrare in Germania il confine è stato attraversato a Bözberg (Argovia), Hiltalingerstrasse (Basilea Città) o Stein (Argovia), a seconda dei casi. Il modus operandi, ricostruito dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti, era il seguente: a partire era il 48enne, che fungeva da ‘sentinella’, verificando in sostanza che le dogane non fossero presidiate. Se il via libera era dato, partiva la seconda macchina, guidata dal 46enne e con a bordo i migranti, almeno due per volta ma verosimilmente di più. Stesso schema alla frontiera fra Svizzera e Germania. La banda criminale che gestisce il traffico chiedeva, secondo la pp, 1’000 euro a testa a ogni migrante. Ai due passatori ne andavano invece 300 a testa per ogni persona trasportata. Il disagio economico sarebbe infatti alla base dei reati commessi dai due accusati.

Fermati dalle Guardie di confine

Lo schema ha funzionato per un paio di proficue settimane, finché un controllo effettuato dalle Guardie di confine a Riva San Vitale non ha smascherato il 46enne che a bordo di una Mercedes-Benz ML350 stava trasportando dodici persone. Lì è scattato il primo arresto per l’uomo, costatogli due giorni di carcere preventivo. Una lezione insufficiente: una volta scarcerato, l’imputato ha ripreso con il traffico, ma con una modalità un po’ più elaborata. Portando i migranti da Porto Ceresio a Lavena Ponte Tresa, indicava loro di salire sulla Ferrovia Lugano Ponte Tresa e dicendo loro di scendere ad Agno. Lì li aspettava con lo stesso veicolo e li portava fino al confine con la Germania, precedentemente ‘perlustrato’ dal 48enne, per attraversare la dogana e portare i passeggeri a destinazione. Ma anche questo piano B ha avuto vita breve: dopo un paio di settimane il 46enne è stato fermato nuovamente dalle Guardie di confine a Manno, che lo hanno scoperto con cinque clandestini a bordo stavolta. La carcerazione preventiva che n’è seguita è durata un mese e mezzo. Leggermente più lunga l’avventura del 48enne che, continuando a operare con un altro complice anch’esso fermato dalle Guardie di confine a Riva San Vitale alcune settimane più tardi, ha trascorso in carcere poco meno di un mese fino ai primi giorni del 2022.

I due come detto sono stati condannati a pene sospese condizionalmente (per due anni): diciassette mesi per il 46enne e quattordici per il 48enne, difesi rispettivamente dagli avvocati Marco Morelli e Michele Sisini. Altrettanto sospese le pene pecuniarie (900 franchi a testa), mentre sono effettive le espulsioni dalla Svizzera per cinque anni, per i due che sono comunque entrambi residenti in Germania.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved