finanze-a-mendrisio-divisi-sull-aumento-del-moltiplicatore
Ti-Press
Il confronto tra i gruppi politici si consumerà stasera in Consiglio comunale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
18 min

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
Luganese
45 min

Al Liceo di Lugano 1 è tempo di premiati

L’elenco degli studenti dell’ultimo anno più meritevoli fra alte medie e scelta opzionale di materie
Luganese
50 min

Liceo 1, nel 170° della fondazione sono 249 i neo maturati

Riportiamo tutti i nomi dei giovani studenti che hanno ottenuto a Lugano la licenza di scuola media superiore per l’anno 2021/2022
Locarnese
1 ora

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
5 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
9 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
20 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
21 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
22 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
23 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
laR
 
09.05.2022 - 05:20
Aggiornamento : 15:34

Finanze a Mendrisio, divisi sull’aumento del moltiplicatore

A rompere le file sono i commissari del Ppd. La maggioranza della Gestione attira l’attenzione sugli immobili. Caverzasio riflette sul debito

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Questa volta a Mendrisio il patto di ‘neutralità’ stretto in questi ultimi anni all’interno della Commissione della gestione davanti al Piano finanziario 2020-2027 della Città non ha retto. C’è da credere, insomma, che il dibattito che accompagna d’abitudine il dossier – non messo alla prova del voto – questa sera, lunedì, sarà più vivace del solito. A rompere le file e a firmare un rapporto di minoranza sono stati, infatti, i rappresentanti del Ppd, gruppo che con il cambio di sindacato (passato al Plr) in questa legislatura breve ha perso il controllo delle finanze, affidate al municipale Daniele Caverzasio (Lega-Udc-Udf). Basta questo per spiegare la presa di distanza di Gianluca Padlina (relatore), Fabrizio Poma e Davide Rossi dai colleghi-commissari? Il vero punto di rottura appare la previsione di aumentare il moltiplicatore – dal 75 al 77 per cento – a partire dall’anno prossimo. Mentre il rimprovero mosso al Municipio è quello di pensare troppo... positivo. Che questo sia il tempo delle incertezze dentro e fuori i confini cittadini, d‘altra parte, è chiaro a tutti. Restando sui fattori ’governabili’, il confronto politico si giocherà quindi su pressione fiscale, erosione delle riserve (il capitale proprio) e la strategia di risparmio (sulla quale si è interpellato anche un esperto esterno). Il resto? Visioni che, come sempre capita con i Piani finanziari, finiranno poi col fare i conti con la realtà dei fatti e dei dati economici.

I punti critici da discutere

Sta di fatto che i commissari del Ppd hanno, comunque, un obiettivo a breve termine. Non lasciare la seduta di legislativo senza aver messo nero su bianco almeno due indicazioni ("chiare") all’indirizzo dell’esecutivo. La prima intende dare un altolà al ritocco verso l’alto di 2 punti del moltiplicatore e la seconda si prefigge di esortare ad adeguare subito il documento finanziario al "mutato quadro congiunturale". I popolari democratici si aspettano poi di conoscere già per l’ottobre prossimo "le misure di riorganizzazione e risparmio in corso di elaborazione".

Nella maggioranza della Gestione si è preferito, per contro, fermarsi – in sede di rapporto, relatrice Claudia Crivelli Barella (AlternativA), a firmarlo con Sinistra e Verdi, Plr e Lega-Udc-Udf – a una analisi del dossier. Il Piano finanziario, si annota nelle conclusioni, è una "mappa di navigazione" che va corretta lungo la rotta. In ogni caso si sa che la Città intende mantenere un servizio alla popolazione di "buona qualità", che eventuali tagli dovranno essere frutto di scelte da condividere con il Consiglio comunale e che si è concordi nel non decurtare gli investimenti.

Le ricette possibili e gli aggravi del Cantone

Se vi sono dei nodi critici, comunque, servono anche dei rimedi. Quali sono, allora, le contromisure del Ppd? Stando a Padlina e ai suoi compagni di cordata sin qui si è effettuato un processo tutto tecnico e poco politico. Detto altrimenti, non basta rivedere la fiscalità per "risolvere tutti i problemi della Città". Ai loro occhi esiste un’altra via. "Il disavanzo strutturale –scrivono nel rapporto di minoranza – deve essere affrontato attraverso l’implementazione delle misure di riorganizzazione suggerite dal consulente esterno incaricato dal Municipio, rispettivamente attraverso misure di riduzione strutturale della spesa e non già attraverso l’aumento della pressione fiscale. Misura quest’ultima che, in una situazione come quella che stiamo attraversando – ribadiscono –, nella quale i privati già si vedono confrontati con l’inflazione, tutte le conseguenze legate all’aumento dei prezzi delle materie prime e i prospettati aumenti dei premi delle casse malati, deve essere assolutamente l’ultimissima ratio".

Quanto a spesa pubblica, si fa capire ancora, Mendrisio dovrebbe evitare di fare come Il Cantone. Visti poi gli effetti sugli enti locali. "Il caso del nostro Comune - attira l’attenzione il Ppd - è emblematico: nell’ultimo decennio, annualmente il Cantone ha (s)caricato sul Comune, direttamente o indirettamente, facendo capo a meccanismi perequativi, almeno 1 milione di franchi di oneri supplementari (ogni anno!). Importi che sono andati a caricare la gestione corrente e a erodere il già limitato margine di risorse di cui il Comune può disporre per interventi veramente strategici".

La politica degli stabili comunali

È invece la maggioranza della gestione a riaprire un tema già al centro delle riflessioni di un altro Piano finanziario (quello del 2014-2020): il destino degli stabili comunali. All’epoca ci si interrogava su due vie possibili: ristrutturazione o alienazione. Oggi dopo una vendita - quella di Casa Sonvico –, una riconversione – con l’ex casa comunale e asilo di Salorino - e un terreno in affitto, il processo si è un po’ fermato. D’altro canto, come ci fa notare il capo dicastero Finanze Daniele Caverzasio, il margine di manovra non è molto - in particolare per le casse comunali –, sebbene quello del riuso delle vecchie case comunali degli attuali Quartieri continui a rappresentare di sicuro un tema.

"Ci si chiede – si domandano i commissari della maggioranza – se non sia più riqualificabile fare una scelta degli stabili comunali da dare da vendere ai privati, con la clausola che dovranno essere riqualificati entro un paio d’anni, e con questi soldi sistemare gli stabili che necessitano interventi. Sarebbe un beneficio perché tutti gli stabili comunali andranno a essere sistemati e il territorio ne guadagnerebbe parecchio. Questo permetterebbe anche di avere un debito non così grande ma un autofinanziamento".

Per cominciare a Mendrisio ci si è concentrati sull’intuizione di trasformare la vecchia casa comunale e asilo di Salorino, destinando gli spazi interni a postazioni per i cittadini, le associazioni ed eventualmente per il telelavoro. Mentre è ancora in fase di elaborazione il progetto di recupero che ruota attorno all’ex Coop di Arzo e prende le mosse da una iniziativa privata (collaborazione ben vista): al momento, fa sapere il capo dicastero, si è in attesa della domanda di costruzione.

Su un aspetto non c’è discussione, comunque: non si vogliono far crescere ulteriormente gli spazi abitativi viste le attuali eccedenze di mercato presenti sul territorio.

‘La mia preoccupazione? Il debito pubblico’

Certo è che di incognite ne rimangono, sullo sfondo la guerra in Ucraina. «La situazione, in ogni caso – fa notare Caverzasio – è abbastanza sana. E d’altro canto, anche il governo cantonale fatica a dare una programmazione a lungo termine». Se dovesse evidenziare un aspetto sensibile del Piano finanziario? «C’è un punto che mi preoccupa un po’ – ci risponde il municipale –, è il debito pubblico che prospetta un aumento troppo marcato». A fare un certo effetto vi è l’ascesa di questa voce che, in proiezione, tra il 2020 e il 2027 passa da 81 a oltre 150 milioni di franchi. «Ci si dovrà fermare a riflettere su questo indicatore. Mi chiedo se non ci si debba interrogare sulla possibilità di sospendere per un momento gli investimenti».

Leggi anche:

‘Orgogliosamente Mendrisio’. La Città si mette sul mercato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved