l-energia-non-si-spreca-c-e-chi-spegne-le-luci-pubbliche
Ti-Press
Prima che sia troppo tardi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
2 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
Ticino
12 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
12 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
12 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
12 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
12 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
12 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
13 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
13 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
13 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
13 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
13 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
13 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
laR
 
02.03.2022 - 05:25

L’energia non si spreca. C’è chi spegne le luci pubbliche

Giro d’orizzonte nelle Città dell’energia. Mendrisio e Chiasso aderiscono il 26 marzo all’iniziativa mondiale per il clima, Earth Hour: un’ora di buio

L’ultimo spenga la luce. La sera del 26 marzo oltre 7mila città sparse in più di 192 Paesi e territori del pianeta porranno al buio i propri edifici pubblici e monumenti. Per un’ora: dalle 20.30 alle 21.30. Una goccia nel mare? Meglio di niente. Nobili gli intenti: l’iniziativa, denominata Earth Hour, l’Ora della Terra, si prefigge di lanciare un segnale a favore di una maggiore tutela del clima e della natura. Nata nel 2007 quale azione locale del Wwf australiano e della città di Sidney, sta contagiando un crescente numero di enti pubblici. E questa edizione si carica di un’urgenza ancora più impellente: la drammatica invasione dell’Ucraina da parte della Russia di Putin rappresenta un’accresciuta minaccia per l’Occidente in tema di approvvigionamenti energetici.

Cala l’inquinamento luminoso

Che le fonti di energia vadano conservate al meglio e che esse rappresentino sempre di più un bene da non sprecare è sotto gli occhi di governi e amministratori locali. Una sensibilità particolare la mostrano le principali città dell’energia. Un nostro giro d’orizzonte conferma questa tendenza. A cominciare da Mendrisio che aderirà nuovamente – ne aveva già dato prova negli anni scorsi – all’iniziativa partita dal continente australiano e diffusasi in un numero non trascurabile di località. Così, sabato 26 marzo sera, a diversi edifici pubblici sarà "staccata la spina": l’illuminazione esterna del Municipio, della Palazzina, attuale sede delle Aziende industriali di Mendrisio (Aim), della Chiesa parrocchiale e della torre del Centro di pronto intervento. Lo scopo principale è chiaro: "Rendere visibile la chiamata d’aiuto dell’ambiente e di aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica". Oggi Earth Hour rappresenta un’azione collettiva di Città e Comuni, aziende e privati. Sono in molti a parteciparvi e a invitare le persone a fare altrettanto, così da amplificare il segnale d’allarme a favore del clima", sottolinea il Comune. Ma per Mendrisio questa iniziativa non è la sola azione a favore della protezione del clima. Il suo impegno si estende, per esempio, nel campo dell’illuminazione pubblica. I dati indicano come dal 2009 al 2021 la città abbia "praticamente dimezzato il consumo energetico e ridotto l’inquinamento luminoso, nonostante l’aumento del numero di corpi illuminanti sulle strade dei suoi quartieri (passati da 2’491 a 2’904) e nonostante l’adeguamento alle nuove norme di sicurezza in campo illuminotecnico in rispetto del Piano della illuminazione pubblica, adottato dal Municipio nel 2017 e messo in opera a cura delle Aim".

Anche Chiasso, città dell’energia che proprio di recente ha ottenuto per il terzo anno consecutivo il prestigioso "Label", parteciperà all’iniziativa del 26 marzo e spegnerà alcuni edifici, tra cui il m.a.x. Museo e lo Spazio Officina. «Aderiamo all’Ora della Terra sin dall’inizio in cui è stata creata», evidenzia il capodicastero Sport e tempo libero, Pianificazione, Trasporti pubblici e Ambiente, Davide Lurati. Che ricorda, in particolare, come durante la pandemia, nell’ambito della crisi dovuta al Covid, sia stato creato un credito quadro con incentivi a favore della popolazione in campo energetico, come per esempio per l’installazione di pannelli solari. E all’ora di buio e di risparmio energetico previsto a fine mese potrebbe prendere parte per la prima volta anche il Comune di Stabio, guidato da Simone Castelletti. Ci confermano in cancelleria che il tema sarà all’ordine del giorno lunedì 7 marzo. L’idea in campo è quella di spegnere l’illuminazione del municipio e del Museo della civiltà contadina. A Novazzano, città dell’energia dal 2017, la decisione di adesione alla Earth Hour potrebbe pure approdare all’ordine del giorno della seduta del Municipio in agenda la settimana prossima. Intanto, l’impegno a favore dell’energia pulita non solo continua, ma si intensifica. La relativa nuova Ordinanza sarà pubblicata a breve e prevede maggiori aiuti a favore della popolazione. Con la possibilità di elargire sussidi per i "tetti verdi", vale a dire per i giardini edificati alle sommità delle abitazioni, capaci fra l’altro di garantire una maggiore biodiversità, e per chi intende dotarsi di attrezzi per il giardinaggio "green", fra cui motoseghe elettriche. Novazzano sta pure rinnovando il relativo Regolamento sempre in campo energetico, documento che dovrà essere approvato dal Consiglio comunale. Coldrerio, infine, che vanta il prestigioso marchio di città dell’energia dal 2008, per ora non si accoda allo spegnimento delle luci degli edifici pubblici, ma ha appena licenziato il nuovo Regolamento per gli incentivi energetici, che ha già ottenuto, all’unanimità, luce verde dal Consiglio comunale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso clima earth hour energia illuminazione mendrisio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved