ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
11 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
14 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
14 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
15 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
18 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
30.01.2022 - 18:36
Aggiornamento: 31.01.2022 - 11:59

‘Chiedo scusa per il mio comportamento poco corretto’

È tornato in servizio il parroco del Basso Mendrisiotto denunciato per presunte molestie in discoteca. Ai fedeli ha parlato di limiti umani e redenzione

chiedo-scusa-per-il-mio-comportamento-poco-corretto
Ti-Press/Archivio
Il sacerdote è tornato a dire messa sabato e domenica scorsi

«Chiedo scusa a tutti per il mio comportamento poco corretto, che può aver offeso qualcuno». È stato un ritorno in scena all’insegna delle scuse e dei ringraziamenti, quello del sacerdote denunciato a dicembre per presunte molestie nei confronti di una giovane donna. Come preannunciato nell’edizione del 29 gennaio, il vescovo Valerio Lazzeri ha infatti posto fine al periodo di ‘sospensione’ del prete, che durante questo fine settimana è tornato pertanto a dire messa nella propria Parrocchia del Basso Mendrisiotto. E proprio con la lettera inviata dal vescovo ai parrocchiani sono iniziate le funzioni di sabato e domenica. A leggerne il contenuto, un ospite d’onore: il vicario generale don Nicola Zanini. Una presenza, la sua, da leggersi verosimilmente come atto di vicinanza della Curia alla Parrocchia in questo «momento particolare», come detto da Zanini stesso.

‘Egli ha ammesso le sue responsabilità’

Nella lettera il vescovo ha evidenziato che il periodo di lontananza dalla Parrocchia ha permesso al sacerdote di approfondire l’accaduto, «anche tramite la preghiera». «Egli ha ammesso le sue responsabilità. Ha preso coscienza delle condizioni necessarie alla ripresa del ministero» ha aggiunto Zanini per conto di Lazzeri, spiegando che al sacerdote saranno forniti tutti gli «aiuti necessari affinché possa affrontare in maniera decisa quelle fragilità del suo carattere e della sua storia che gli hanno impedito di affrontare con il dovuto discernimento le particolari circostanze nelle quali si è trovato». Il vescovo ha poi precisato che non si intende far finta che nulla sia accaduto e che effettivamente il parroco non ha tenuto un comportamento irreprensibile, ma che d’altra parte – seppur le indagini siano ancora in corso – l’accaduto non sembra essere tale da precludere il rientro del don nelle sue funzioni. «Mi auguro che possa fare tesoro dell’esperienza vissuta e che questa gli dia in futuro una nuova consapevolezza», il monito finale del vescovo.

Di limiti umani e di redenzione

Don Zanini dal canto suo durante i propri interventi ha parlato di «parole (quelle di don Lazzeri, ndr) che ci danno conforto e speranza», ha ringraziato il prete che ha sostituito il sacerdote sospeso in queste settimane, come anche i parrocchiani «per come avete vissuto questo momento di sofferenza e dolore, senza pettegolezzi inutili». Le redini della Parrocchia sono quindi tornate in mano al don sotto inchiesta che, come detto, si è scusato con i fedeli. «Voglio chiedere scusa a tutti voi, per il dispiacere che vi ho provocato» ha detto il parroco, precisando però: «Non tutto ciò che si scrive sui giornali e su internet è la verità. Non possiamo considerare i mass-media quali fonti sicure di informazione. Ma allo stesso tempo voglio chiedere scusa personalmente per il mio comportamento poco corretto che può aver offeso qualcuno». Il sacerdote ha quindi ammesso delle mancanze, in particolare relative ai propri limiti. E quest’esperienza lo aiuterà a meglio riconoscere proprio i limiti umani che ha, ha aggiunto parlando della necessità di proseguire sulla «strada della redenzione alla quale siamo tutti chiamati» e sul cammino della salvezza eterna.

I fatti risalgono a dicembre

I fatti che hanno portato al centro delle cronache il prete risalgono, ricordiamo, allo scorso dicembre quando l’uomo si è recato in una discoteca del distretto assieme a un gruppo di amici. Lì, secondo delle testimonianze, avrebbe ecceduto con l’alcol arrivando a toccare il fondoschiena di una donna. Sul posto è intervenuta la polizia e la presunta vittima di palpeggiamenti in seguito lo ha denunciato appunto per molestie e l’inchiesta, ci hanno confermato ancora ieri dal Ministero pubblico, è tuttora in corso. L’episodio è avvenuto nella notte fra sabato e domenica e la messa domenicale non è stata celebrata dal parroco a causa, si sarebbe detto, di un incidente. Sempre secondo testimonianze raccolte dai presenti nel locale notturno, il don sarebbe stato colpito al volto e sarebbe stato accompagnato al pronto soccorso a causa della probabile rottura del setto nasale.

Sul reintegro ha pesato anche la stima dei parrocchiani

A un mese e mezzo dai fatti il sacerdote è apparso invece in forma nella Parrocchia che guida da circa due anni, «felice di riprendere il cammino iniziato assieme». Contento, e grato. Per le preghiere, per la stima espressagli dai parrocchiani in questo difficile periodo e «per la vicinanza fraterna e comprensione paterna» dimostrata dal vescovo. E proprio don Lazzeri, infine, ha sottolineato che a favore del reintegro del sacerdote sono apparse «non prive di rilevanza le numerose espressioni di sostegno e di apprezzamento (nei confronti del parroco, ndr) giunte nelle scorse settimane».

Leggi anche:

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved