il-sacerdote-denunciato-torna-a-dire-messa
archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputatIl si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
11 min

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
17 min

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
1 ora

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
2 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
2 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
2 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
4 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
4 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
4 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
6 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
laR
 
29.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 09:45

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dopo l’allontanamento voluto dal vescovo per tutelare la sua persona, il sacerdote del Basso Mendrisiotto denunciato per presunte molestie torna questo fine settimana a dire messa. La conferma arriva direttamente dalla Curia, sollecitata da ‘laRegione’. Voci in merito a questa decisione si rincorrono da tutta la settimana. L’ufficializzazione della decisione presa dal vescovo Valerio Lazzeri è stata comunicata giovedì sera al Consiglio parrocchiale. Insieme alla decisione del vescovo, i membri del Consiglio hanno ricevuto anche una lettera. La stessa verrà letta questa sera (in occasione della messa prefestiva) e durante le celebrazioni domenicali dal vicario generale don Nicola Zanini. Sarà proprio da questo scritto che i fedeli saranno informati nel dettaglio in merito alle motivazioni che hanno portato al reintegro del sacerdote, nonostante l’inchiesta avviata a seguito della denuncia non sia ancora terminata. Una conferma in merito ci è arrivata ancora ieri dal Ministero pubblico.

La serata in discoteca

I fatti, come forse si ricorderà, risalgono al mese di dicembre, quando il sacerdote si era recato in una discoteca del Distretto con una compagnia di amici con i quali aveva trascorso la serata, culminata con l’intervento della Polizia, sollecitata da alcuni avventori a seguito di presunti palpeggiamenti al fondoschiena di una donna. Quest’ultima ha presentato denuncia e l’inchiesta è come detto ancora in corso. Stando a quanto emerso dai racconti di quella sera – ancora oggetto di verifica da parte della Magistratura – intorno alle 3 del mattino alcuni clienti si sarebbero lamentati del prete, segnalando comportamenti disturbatori. L’uomo, sotto l’influsso di alcol, sarebbe stato quindi accompagnato alla porta dagli agenti di sicurezza. Alla polizia sono state segnalate presunte molestie, nella fattispecie palpeggiamenti al fondoschiena di una donna. Poche ore dopo i fatti il sacerdote non ha celebrato la messa della domenica. Un’assenza che sarebbe stata giustificata con un incidente. Dopo l’intervento della Polizia il parroco sarebbe stato accompagnato al pronto soccorso a causa di una probabile rottura del setto nasale. La testimonianza che avevamo raccolto a poche ore dai fatti parlava di un uomo finito a terra con il naso pieno di sangue dopo essere stato colpito.

Incontrato il Consiglio parrocchiale

Nelle scorse settimane il vescovo Lazzeri si è voluto incontrare con il Consiglio parrocchiale. Un incontro che ha testimoniato la vicinanza della comunità al sacerdote. Stando a nostre informazioni, alcuni cittadini avrebbero inviato delle lettere di sostegno per il parroco e per il suo operato svolto nel comune. Appelli a cui il vescovo ha dato seguito, ritenendo, spiega ancora il portavoce della Curia, che vi siano i presupposti per il rientro del sacerdote. Più fonti hanno riferito anche a ‘laRegione’ che, sin dall’arrivo nella comunità, poco più di due anni fa, il prete si sarebbe ben integrato, diventando benvoluto, anche tra i giovani. Resta da capire quale sarà la reazione della comunità al ritorno del sacerdote. Se, come visto, il parroco è ben voluto dai più, restano aperti diversi interrogativi sulla sua presenza in una discoteca e su quanto accaduto. Interrogativi che potranno verosimilmente trovare una spiegazione, totale o parziale, nell’annunciata missiva del vescovo.

Leggi anche:

Denunciato il parroco, ‘per ora non dirà Messa’

Prete nei guai per palpeggiamenti: non sarebbe un caso isolato

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basso mendrisiotto denuncia presunte molestie sacerdote vescovo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved