a-stabio-i-giovani-aiutano-a-trovare-casa-al-loro-spazio
Ti-Press
La sede provvisoria non ha frenato l’entusiasmo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
1 ora

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
1 ora

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
3 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
9 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
9 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
16 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
16 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
16 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
18 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
18 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
19 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
19 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
laR
 
24.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 16:04

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze

di Malva Cometta
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La speranza per il Centro Giovani di Stabio, in aggiunta alla fine delle problematiche riguardo alla pandemia, è quella di riuscire a trovare una nuova struttura adatta ad accogliere i giovani con le loro proposte e attività. Lo spazio giovani a oggi è un prefabbricato, nato come soluzione provvisoria, che per quanto sia stato reso accogliente, non dispone dello spazio sufficiente. L’obiettivo è quello di trovare una sede vicino alle scuole e al centro del paese – seppur non in una zona troppo abitata – affinché tutti possano conoscerlo e raggiungerlo con facilità. Per il Municipio è un traguardo comune. A questo proposito ha convocato una Commissione giovani a sostegno del Comune che ha portato delle proposte di appello anche attraverso i social media.

Il centro compie 19 anni

Sono passati 19 anni da quando il Comune di Stabio ha aperto l’Ufficio per le attività giovanili che si è poi trasformato nell’attuale Centro Giovani. Da allora ha accolto centinaia e centinaia di ragazzi diventando un vero e proprio luogo di incontro e di gestione del tempo libero in cui fermarsi per svagarsi, divertirsi, instaurare amicizie e raccontarsi, seguiti da una figura adulta e professionale. In tutti questi anni il Centro, gestito dall’animatrice sociale ed educatrice Carla Monachesi Schneider, ha dato grande importanza alle esigenze dei giovani fra i 12 e i 18 anni, permettendo loro di proporre attività e donando loro i mezzi e il sostegno per poterle realizzare.

La filosofia del Centro è proprio quella di lasciare libertà di scelta, senza pianificare un calendario, seguendo le richieste del momento. Le attività nascono in maniera estemporanea: «Una sera si fa il karaoke, si ascolta musica, si balla, si sta in silenzio, si parla di argomenti importanti, si guarda un film, si gioca» spiega l’animatrice. È uno spazio che insegna la convivenza, la condivisione, lo spirito collaborativo e il rispetto reciproco, «si tratta di un’educazione informale che partendo dai gesti quotidiani cerca di insegnare una serie di valori». Tra le proposte più frequenti c’è quella di cucinare. Lo spazio dispone di una cucina pensata affinché si possa lavorare insieme coinvolgendo tutti. Oltre alla cucina, c’è una zona divani, un tavolone conviviale, un footbalino, uno spazio esterno con gazebo e dei divanetti colorati.

Maggiore affluenza tra i più grandi

La fascia di età che frequenta di più il centro è quella dai 14 ai 16 anni, ovvero i ragazzi che sono in quarta media.
«L’ultimo anno è il momento in cui sentono più il bisogno di uno spazio loro in cui esprimersi e hanno solitamente meno impegni rispetto a quelli di prima e seconda», prosegue l’animatrice. In passato ci sono stati casi in cui i giovani hanno proposto e organizzato eventi musicali che hanno avuto molto seguito: «In particolare ricordo dei contest di musica hip-hop e rap che si svolgevano nelle palestre delle scuole medie di Stabio e arrivavano dalle 200 alle 300 persone. L’organizzazione era stata fatta da 40 a 60 ragazzi che hanno avuto modo di imparare a creare un evento, tenendo conto di tutti gli aspetti legati alla sicurezza, all’impianto elettrico, al palco, alla musica e a come si contratta con i gruppi. Hanno proprio preso in mano l’organizzazione dei concerti nelle palestre, invitando artisti dall’America, dalla Francia, dall’Italia e dalla Svizzera interna e sono andati avanti per molti anni», racconta Monachesi Schneider.

Un’altra importante attività che è stata proposta dal Centro per due anni consecutivi, con l’aiuto di un’agenzia multimediale, è Mysteria che consiste in un gioco multimediale in cui veniva utilizzata la realtà virtuale grazie all’uso dei cellulari e di applicazioni, «bisognava inquadrare dei disegni fatti apposta e questo attivava un racconto o un filmato con degli indizi, era una sorta di caccia al tesoro che portava a scoprire il territorio, la storia e i luoghi più importanti di Stabio».

Le attività cambiano con i gruppi

I cambiamenti di attività e di proposte sono dovuti al cambio generazionale ma in particolare a seconda delle varie compagnie che frequentano il Centro, «c’erano gruppi che guardavano solo film, altri che amavano cucinare, alcuni erano interessati ad attività più manuali e creative. Cambia molto in base al gruppo che partecipa e bisogna essere elastici». L’elasticità, la capacità di instaurare un rapporto di fiducia e rispetto con i giovani e un’attitudine energica sono le qualità che un animatore e un’animatrice devono avere, oltre alla formazione in ambito sociale, per poter gestire il Centro, che attualmente ha aperto il concorso per questa posizione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carla monachesi schneider centro commissione spazio giovani stabio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved