ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
4 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
6 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
6 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
7 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
7 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
7 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
8 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
8 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
9 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
9 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
9 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
9 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
laR
 
20.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 18:50

L’appello: ‘A Lugano manca un centro artistico per ragazzi’

Il sogno di Gienry Papiri e Timothy Hofmann: realizzare uno spazio polivalente per adolescenti. ‘Aiuterebbe anche negli sbocchi professionali’

l-appello-a-lugano-manca-un-centro-artistico-per-ragazzi

Cerca una casa per il proprio sogno, Gienry Papiri. Con quarantaquattro anni di insegnamento alle scuole medie alle spalle, il giovane pensionato di Pregassona sta da un paio d’anni cercando di concretizzare un progetto che ha molto a cuore: uno spazio polivalente e ben attrezzato per praticare attività artistiche, rivolto ai giovani a partire dalla scuola media. Un sogno già ben strutturato, messo nero su bianco con l’amico ed ex collega Timothy Hofmann, con un piano finanziario, degli obiettivi, delle idee. Ma che ciononostante non è riuscito ancora a trovare una propria collocazione.

‘Cerchiamo un mecenate’

«Cerchiamo un mecenate», ci dice fra il serio e il faceto Papiri quando lo incontriamo. «Cerchiamo un ‘mecenate’ moderno, una persona sensibile al mondo dei giovani e dell’arte, consapevole del suo privilegio esistenziale e desideroso di aiutare. Abbiamo provato a rivolgerci a molti enti pubblici e privati, tutti si sono rivelati interessati, ci hanno detto che si tratta di una bella idea, ma poi all’atto concreto non si è mai fatto nulla purtroppo». Questo, anche perché i promotori hanno un’idea ben chiara di quel che vorrebbero: «Uno spazio di circa 100 metri quadrati, che sia in una zona centrale o quantomeno ben coperta dai mezzi pubblici, accessibile a tutti». Un luogo dove poter tener corsi e che sia ben attrezzato per attività che contemplino diverse tecniche: acquarelli, acrilici, tempera, inchiostri stesi su vari supporti come carta, cartone, tela fogli di vari materiali e misure con pennelli, aerografi, rulli. E poi i fumetti, specialità e passione di Hofmann.

Un lavoro di qualità, ‘non semplici lavoretti’

Papiri e Hofmann sono infatti rispettivamente ex docente e docente di educazione visiva e arti plastiche, con specializzazioni diverse. «Conosciamo molto bene adolescenti e preadolescenti e il loro mondo ci sta particolarmente a cuore». E proprio questa conoscenza sta alla base del progetto. «Molti giovani sono orientati verso la musica, altri allo sport e naturalmente altri ancora all’arte. Ma per questi ultimi abbiamo notato che c’è poco. Forse perché gli adolescenti sono più esigenti, più critici, bisogna essere flessibili rispetto alle loro richieste e odiano la mancanza di concretizzazione immediata: sono più impegnativi». La spinta concreta è arrivata a Papiri gli ultimi giorni di scuola, un paio d’anni fa, quando colleghi e allievi gli hanno chiesto di organizzare dei corsi. Ma non corsi qualsiasi: «Sarebbe un lavoro di qualità, che permetterebbe una crescita personale e artistica. Non si tratterebbe di ‘semplici lavoretti’».

C’è già un business plan

Da un lato, infatti, le attività permetterebbero anche «futuri sbocchi professionali o formativi»: «Le lezioni potrebbero essere utilizzate come supporto per chi, ad esempio, desidera iscriversi al Centro scolastico per le industrie artistiche». Ma soprattutto, Papiri individua una funzione sociale nel progetto: «Diversi studi hanno dimostrato quanto lo sviluppo delle attività artistiche e creative possa portare ad abbattere concretamente svariati problemi, come ad esempio la delinquenza, la gestione della rabbia, il bullismo, la depressione, l’ansia, l’uso di sostanze nocive alla salute. Oltre allo svolgimento delle attività ci piacerebbe che ci fossero anche dei momenti conviviali di socializzazione». E come detto, Papiri e Hofmann hanno già un business plan: «Abbiamo calcolato i costi considerando l’autofinanziamento. Si potrebbero ipotizzare 250 franchi per pacchetto di quattro lezioni». E chi non può permetterseli? «In caso di bisogno, ci piacerebbe favorire ragazzi deboli finanziariamente».

La municipale: ‘Gli spazi si possono trovare’

Papiri sottolinea inoltre che, sempre in base al business plan, «ci siamo accorti purtroppo che potremmo permetterci qualcosa solo in valle». La fattibilità del progetto, insomma, ruota attorno ai costi. Abbiamo chiesto alla capodicastero Immobili della Città di Lugano quali prospettive ci potrebbero essere. «È un’iniziativa lodevole, come tutte quelle che riguardano i giovani – evidenzia Cristina Zanini Barzaghi –. Credo che potrebbe allacciarsi bene alle attività di Lac Edu e del Museo in erba. E poi a quanto viene già fatto nei due centri giovanili (Viganello e Breganzona, ndr). Volendo, si potrebbe ipotizzare di istituirne un terzo». Serve però una sede fisica. «Gli spazi penso che si possano trovare – valuta la municipale –. Si potrebbe anche agganciare questo progetto a quello degli Spin, ossia le ex case comunali. Bisognerebbe discuterne con l’Ufficio quartieri, le Commissioni dei quartieri e il Dicastero formazione, sostegno e socialità. Ci sono anche altre alternative: per esempio, abbiamo in costruzione l’asilo di Sonvico, che libererà tre edifici. Uno di questi potrebbe essere adibito ad atelier». Insomma, la disponibilità a entrare in trattativa c’è, «perché l’idea interesserebbe effettivamente un target un po’ scoperto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved