ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
11 min

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
11 min

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
3 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
3 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
3 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
9 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
10 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
11 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
13 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
12.01.2022 - 17:41
Aggiornamento: 18:18

Per India e famiglia in campo Azione cattolica e Caritas

Dopo che si è mosso il vescovo Valerio Lazzeri, cresce il fronte nel mondo cattolico contro il rimpatrio della giovane, del fratello e della madre

per-india-e-famiglia-in-campo-azione-cattolica-e-caritas
Ti-Press/Archivio
Dieci anni di attesa

Si rafforza il fronte del mondo cattolico contro il rimpatrio forzato in Etiopia di India, del fratello Nurhusien e della mamma Munaja. Dopo la presa di posizione del vescovo Valerio Lazzeri, anche Azione cattolica e Caritas scendono in campo a sostegno dell’appello della Fondazione Azione posti liberi, rivolto alle autorità cantonali e federali affinché alla famiglia sia accordato il permesso di dimora per casi di rigore.

‘A loro vogliamo bene’

“India è una di noi – premette Azione cattolina nella sua nota –. Suo fratello Nur è uno di noi, come la loro mamma Munaja. Con noi hanno frequentato scuole, amicizie, sport, tempo libero. Noi a loro vogliamo bene. Dieci anni di attesa, indipendentemente dai motivi che ne hanno prolungato i tempi, sono motivo sufficiente per approvare al più presto la domanda di asilo. A questo si aggiunge l’oggettiva condizione nella quale si trovano India e i suoi familiari: senza documenti, sono di fatto apolidi, senza patria. Il loro paese di origine, l’Etiopia, non è più il loro paese.
Decidere un rimpatrio forzato in una regione dove la violenza dilaga contro la popolazione civile, diventerebbe un atto di crudeltà. Ci auguriamo – con le parole del vescovo Valerio Lazzeri – che a tutti coloro che si trovano a vivere circostanze altrettanto drammatiche, vengano assicurate assistenza e accoglienza adeguate”.

‘È giusto e nell’interesse di tutti’

Dello stesso tenore la presa di posizione di Caritas Ticino, che “è vicina al vescovo Valerio nel sostegno e nella condivisione dell’appello urgente per la situazione della ragazza India e della sua famiglia. La Svizzera si è enormemente impegnata per ridurre la durata delle procedure di asilo, cosciente del fatto che più dura la permanenza nel nostro paese, più è difficile che una persona rientri nel suo o che si trasferisca altrove, ma anche che, più dura la procedura d’asilo, più si spreca del tempo per l’integrazione nel nostro paese. Questo e altri casi simili dimostrano però che qualcosa non funziona ancora. In questi casi se non è possibile trovare una soluzione di sistema, occorre allora trovare delle soluzioni umanitarie caso per caso, che evitino decisioni stridenti e insopportabili, crediamo, per ogni svizzero e per ogni essere umano. Quali che siano le ragioni che hanno portato a una procedura così lunga, non può esistere una legge che obblighi a rinviare in patria, o anche solo a mantenere nel limbo dell’incertezza, una ragazza che per dieci anni, ha frequentato, e per di più con successo, una nostra scuola. Siamo certi che l’Ufficio delle migrazioni e la Sem e i loro referenti politici sapranno farlo, utilizzando gli strumenti che la legge mette a disposizione. È giusto ed è nell’interesse di tutti”.

Leggi anche:

Rischia il rimpatrio forzato in Etiopia, appello per India

Appello ai vertici del Paese per India. Il vescovo aderisce

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved