Seattle Kraken
5
FLO Panthers
3
fine
(0-1 : 3-2 : 2-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
3
3. tempo
(1-1 : 0-2 : 0-0)
per-india-e-famiglia-in-campo-azione-cattolica-e-caritas
Ti-Press/Archivio
Dieci anni di attesa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Ticino
1 ora

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Mendrisiotto
1 ora

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
9 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
11 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
12 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
12 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
12 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
12 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
12.01.2022 - 17:410
Aggiornamento : 18:18

Per India e famiglia in campo Azione cattolica e Caritas

Dopo che si è mosso il vescovo Valerio Lazzeri, cresce il fronte nel mondo cattolico contro il rimpatrio della giovane, del fratello e della madre

Si rafforza il fronte del mondo cattolico contro il rimpatrio forzato in Etiopia di India, del fratello Nurhusien e della mamma Munaja. Dopo la presa di posizione del vescovo Valerio Lazzeri, anche Azione cattolica e Caritas scendono in campo a sostegno dell’appello della Fondazione Azione posti liberi, rivolto alle autorità cantonali e federali affinché alla famiglia sia accordato il permesso di dimora per casi di rigore.

‘A loro vogliamo bene’

“India è una di noi – premette Azione cattolina nella sua nota –. Suo fratello Nur è uno di noi, come la loro mamma Munaja. Con noi hanno frequentato scuole, amicizie, sport, tempo libero. Noi a loro vogliamo bene. Dieci anni di attesa, indipendentemente dai motivi che ne hanno prolungato i tempi, sono motivo sufficiente per approvare al più presto la domanda di asilo. A questo si aggiunge l’oggettiva condizione nella quale si trovano India e i suoi familiari: senza documenti, sono di fatto apolidi, senza patria. Il loro paese di origine, l’Etiopia, non è più il loro paese.
Decidere un rimpatrio forzato in una regione dove la violenza dilaga contro la popolazione civile, diventerebbe un atto di crudeltà. Ci auguriamo – con le parole del vescovo Valerio Lazzeri – che a tutti coloro che si trovano a vivere circostanze altrettanto drammatiche, vengano assicurate assistenza e accoglienza adeguate”.

‘È giusto e nell’interesse di tutti’

Dello stesso tenore la presa di posizione di Caritas Ticino, che “è vicina al vescovo Valerio nel sostegno e nella condivisione dell’appello urgente per la situazione della ragazza India e della sua famiglia. La Svizzera si è enormemente impegnata per ridurre la durata delle procedure di asilo, cosciente del fatto che più dura la permanenza nel nostro paese, più è difficile che una persona rientri nel suo o che si trasferisca altrove, ma anche che, più dura la procedura d’asilo, più si spreca del tempo per l’integrazione nel nostro paese. Questo e altri casi simili dimostrano però che qualcosa non funziona ancora. In questi casi se non è possibile trovare una soluzione di sistema, occorre allora trovare delle soluzioni umanitarie caso per caso, che evitino decisioni stridenti e insopportabili, crediamo, per ogni svizzero e per ogni essere umano. Quali che siano le ragioni che hanno portato a una procedura così lunga, non può esistere una legge che obblighi a rinviare in patria, o anche solo a mantenere nel limbo dell’incertezza, una ragazza che per dieci anni, ha frequentato, e per di più con successo, una nostra scuola. Siamo certi che l’Ufficio delle migrazioni e la Sem e i loro referenti politici sapranno farlo, utilizzando gli strumenti che la legge mette a disposizione. È giusto ed è nell’interesse di tutti”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved