Seattle Kraken
5
FLO Panthers
3
fine
(0-1 : 3-2 : 2-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
3
3. tempo
(1-1 : 0-2 : 0-0)
migranti-e-permessi-una-politica-a-maglie-strette
Ti-Press
Da migrante a cittadino: percorso a ostacoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Ticino
1 ora

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Mendrisiotto
1 ora

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
9 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
11 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
11 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
11 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
11 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
12 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
12 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
12 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
12 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
13 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
Locarnese
14 ore

Ascona, Antoinette al cinema Otello

Secondo appuntamento con il cineclub dell’Alliance française, martedì 25 e mercoledì 26 alle 18.15
Mendrisiotto
14 ore

‘30x30’, mostra collettiva alla Filanda di Mendrisio

Esposizione del Gruppo Acquarellisti Ticinesi fino al 30 gennaio per sottolineare il nuovo traguardo del sodalizio
Mendrisiotto
15 ore

‘Ri-pensare i confini’, a Mendrisio film sulle frontiere

Al via dal 26 gennaio un ciclo organizzato da Museo etnografico della Valle di Muggio e Cineclub
Bellinzonese
15 ore

Quartieri Bellinzona: avanti con 3 commissioni ma non in centro

Al via la pubblicazione per candidarsi a Monte Carasso, Sementina e Gudo: deciderà poi il Municipio chi incaricare
Luganese
17 ore

Incidente della circolazione a Pura: grave un 62enne

Il sinistro è avvenuto intorno alle 11 in via Colombera. Ha riportato ferite lievi anche una 60enne
Ticino
20 ore

Aumento dei ricoveri in Ticino, segnalato anche un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Ticino 1’174 casi di positività al Covid-19. 163 i pazienti ricoverati, 17 dei quali in cure intense
 
11.01.2022 - 05:250
Aggiornamento : 18:13

Migranti e permessi, una politica a maglie strette

Dal 2017 le richieste accolte a livello ticinese per i ‘casi di rigore’ si sono ridimensionate di molto. E il Ps ne chiede conto al governo

Ci sono nomi noti della politica, della cultura e della società; e ci sono le firme di semplici cittadini. In tanti hanno sottoscritto l’appello per India e la sua famiglia e aderito – in primis il vescovo Valerio Lazzeri – alla campagna della Fondazione Azione posti liberi. Una volta di più la comunità locale si è, dunque, mobilitata per accendere i riflettori su casi e storie che, di converso, passerebbero sotto silenzio. Finendo con l’essere un numero in più nella statistica delle richieste rifiutate e dei rimpatri forzati portati a compimento. È il destino, amaro, che si vuole evitare alla diciannovenne, oggi studentessa del Centro professionale commerciale di Chiasso, da dieci anni in Ticino con la madre Munaja e il fratello Nur. Sin qui dalle autorità ha sempre ricevuto risposte negative, ma la base legale per ottenere un permesso di dimora come ‘caso di rigore’ esiste. È ancorata lì nella Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione e nella Legge sull’asilo (qualsiasi sia lo statuto del richiedente). Gli argomenti a favore di questa famiglia, del resto, non mancano. Perché il nucleo familiare, ‘sans papiers’, è originario della fascia di confine fra l’Etiopia e l’Eritrea: una realtà alla quale non appartengono più e che non li riconosce come cittadini (di fatto sono apolidi). E perché rispondono a un criterio chiave in questi ultimi anni: il grado di integrazione, testimoniato dal percorso scolastico dei ragazzi e dalla loro quotidianità (seppur sospesa e limitata).

In effetti, per ‘scarsa’ integrazione in diversi non sono riusciti a staccare il permesso di restare. E qui le statistiche federali portate alla luce di recente da un atto parlamentare del Ps – prima firmataria Anna Biscossa – sono illuminanti. In buona sostanza, "appare evidente – si legge nell’interrogazione indirizzata al governo – come dal 2017 vi sia stato un cambiamento molto importante nella prassi dell’uso dello strumento ‘casi di rigore’ da parte del Canton Ticino”. Le richieste accolte, infatti, rispetto agli anni precedenti si sono assottigliate. Come dire che le maglie cantonali si sono ristrette, soprattutto rispetto ad altri cantoni. La domanda dei gran consiglieri socialisti al Consiglio di Stato è diretta: si intende intervenire sul caso di India, perorando la sua causa davanti alla Segreteria di Stato della migrazione (Sem) e facendo capo allo strumento dei ‘casi di rigore’? D’altro canto, sul fronte dei permessi, come ci rende edotti il direttore di Sos Ticino Mario Amato, nel passato recente si viaggiava al ritmo di una decisione o una revoca alla settimana. Solo nel 2021 si è rallentato un po’.

‘Discrepanze eclatanti’

Con le sue domande il Ps va dritto al punto. «Non solo la discrepanza rispetto a prima del 2017, ma soprattutto quella tra i numeri ticinesi e quelli degli altri cantoni è eclatante – fa notare la gran consigliera Biscossa –: come è possibile che anche cantoni molto più piccoli e con meno richiedenti l’asilo si attivino in difesa di molti più migranti con lo strumento del caso di rigore? Per noi è essenziale capire a cosa è dovuta questa differenza, dato che l’operato del cantone è essenziale per il riconoscimento del diritto d’asilo: casi come quello di India rendono evidente quanto sia urgente l’impegno umanitario delle autorità locali – sottolinea la deputata –. Insieme agli altri firmatari ritengo dunque che sia opportuno chiarire scelte e procedure adottate nel trattamento di questi casi, anche per evitare eventuali disparità di trattamento tra richiedenti. Allo stesso tempo, con questa interrogazione vogliamo fornire uno spunto: data la complessità delle valutazioni sul grado di integrazione dei migranti – valutazioni che giocoforza finiscono per coinvolgere numerosi dipartimenti – potrebbe essere opportuno che a decidere sul preavviso da fornire alle richieste sui casi di rigore sia il Consiglio di Stato in corpore, invece di un singolo funzionario o Dipartimento».

‘Molti non arrivano neanche al caso di rigore’

Per il momento il Dipartimento delle istituzioni, contattato da ‘laRegione’, non si pronuncia e rimanda alla risposta all’interrogazione, che dovrebbe giungere a breve. I numeri federali, però, parlano da soli. Cosa è successo a livello cantonale negli ultimi quattro anni? Abbiamo allora girato l’interrogativo a Mario Amato, direttore del Soccorso operaio svizzero oltre che responsabile del Servizio giuridico, che storie simili a quelle di India le tocca con mano quasi ogni giorno. «Cosa è accaduto? Sono cambiate la prassi e la politica migratoria del Cantone rispetto a qualche tempo fa – ci risponde il legale –. Una tendenza che si vedrà se nei prossimi anni verrà confermata. Di certo dal 2017 l’Ufficio della migrazione è divenuto più restrittivo, per tutta una serie di ragioni, sui ‘casi di rigore’ e quindi sulla possibilità di una persona di passare dal permesso F al permesso B». Capita che la procedura non arrivi neppure a termine. «Il cantone ha la competenza di rilasciare un permesso, previo preavviso positivo della Sem. Per nostra esperienza – ci spiega Mario Amato – spesso questi casi si fermano prima e non arrivano sul tavolo della Segreteria di Stato della migrazione. La motivazione? Nella decisione in genere si afferma che non si è di fronte a una integrazione rilevante». Una valutazione che spegne ogni speranza e fa scattare la bocciatura. «Oggi, in effetti, è diventato più difficile arrivare in fondo alla richiesta di un permesso di dimora».

Sem e cantoni: i ruoli sono chiari

Prassi e rapporti tra Sem e autorità cantonali, d’altra parte, sono chiari. La Segreteria non intende soffermarsi sul caso singolo (di India) – questione di protezione dei dati –, ma sui rispettivi ruoli istituzionali non si discute. Come si procede? Caso per caso e soppesando in modo puntuale gli interessi in gioco rispetto a un rinvio. Rimpatrio che viene eseguito dal cantone. In ogni caso, conferma da noi raggiunta la portavoce Anne Césard, i cantoni sottopongono solo dossier fondati e ben documentati. Ciò che dà modo alla Sem di accogliere le domande. Certo, occorre distinguere. «Se il cantone non ritiene che un caso sia di rigore – precisa la portavoce –, non viene trasmesso alla Sem. E qui il richiedente può appellarsi ai Tribunali cantonali». Per contro, davanti a un rifiuto federale, una via di ricorso è quella del Tribunale amministrativo federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved