ligornetto-la-chiusura-del-nucleo-una-forma-di-difesa
Ti-Press
Si riapre, di nuovo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
25 min

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
32 min

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
32 min

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
45 min

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
46 min

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
54 min

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
56 min

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
1 ora

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
1 ora

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
2 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
2 ore

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
21.10.2021 - 08:540
Aggiornamento : 14:24

Ligornetto: ‘La chiusura del nucleo? Una forma di difesa’

Samuel Maffi, capodicastero Sicurezza pubblica della Città, spiega perché si è agito prima del parere del Tribunale federale

È durata tre giorni, quasi lo spazio di un mattino, la chiusura a fasce orarie al traffico pendolare del nucleo di Ligornetto. Finché il Tribunale federale (Tf) non si pronuncerà sulla richiesta avanzata da Stabio – a corredo del ricorso – di applicare l’effetto sospensivo sulla misura, la Città di Mendrisio dovrà incappucciare (di nuovo) la segnaletica e congelare i lasciapassare concessi e le richieste di deroghe ricevute. In ogni caso dentro le stanze del dicastero Sicurezza pubblica non sono stati colti di sorpresa. «Era nei piani – ammette Samuel Maffi – e quando questa mattina (mercoledì, ndr) abbiamo ricevuto la comunicazione da Losanna, con spirito di responsabilità e massima prudenza nell’interpretare le indicazioni dei giudici abbiamo deciso di sospendere momentaneamente il provvedimento». In buona sostanza nello scritto recapitato a Palazzo civico l’Alta Corte sollecita, d’un canto, le osservazioni sulla richiesta dell’esecutivo di Stabio – contrario al divieto orario –, e ordina dall’altro di non prendere misure esecutive. Inutile dire, fa capire il capodicastero, che a Mendrisio si contesta l’effetto sospensivo e il danno ambientale lamentato dai vicini. A questo punto non resta che attendere il parere del Tf, che si confida possa giungere entro dicembre. Una decisione che, a sua volta, avrà i suoi effetti. Di fatto, come ci spiega ancora Maffi, se sarà favorevole a una sospensione, tutto sarà rinviato di un anno e mezzo circa, fino alla sentenza finale, se si rivelerà sfavorevole – «come noi speriamo» – scatterà di nuovo il blocco mattutino e serale.

‘L’obiettivo è tutelare gli utenti deboli’

Da subito, lunedì, sull’introduzione del blocco imposto al traffico considerato parassitario per il ‘cuore’ di Ligornetto, si è creato il caos e si sono innescate le polemiche. Non è stato un po’ rischioso precorrere i tempi? «Di sicuro questi tre giorni sono stati un banco di prova visto le reazioni generali degli automobilisti ticinesi – ci risponde Maffi –. Un rischio? Il nostro non è stato un gesto provocatorio, ma semmai di difesa a denti stretti di una situazione particolare. Consapevoli che la limitazione che ci accingevamo ad applicare è stata ritenuta sopportabile dalle varie istanze interpellate sin qui. Parliamoci chiaro – richiama il municipale –, davanti al pericolo concreto e costante a cui sono sottoposti pedoni, ciclisti e gli abitanti della zona a fronte di un nucleo attraversato da migliaia di veicoli, si è dato il tutto per tutto a tutela della parte debole della cittadinanza, rivendicando altresì l’autonomia su una strada comunale. Spero che la popolazione capisca l’agire dell’esecutivo».

‘Serve una soluzione forte a livello cantonale sul traffico’

Ancora una volta, però, la chiusura al traffico di una strada non ha raccolto solo consensi, pur in una realtà, quella del Mendrisiotto, messa a dura prova da ingorghi e colonne. «Capisco le rimostranze di chi passa il tempo in coda – annota Maffi –, ma mi domando dove sia la soglia di tolleranza dei cittadini del Distretto. Siamo ancora sacrificabili? Fino a quando, in altre parole, si sarà disposti a sopportare 70mila veicoli da sud, per la maggior parte diretti nell’area del Luganese?». L’interrogativo è di stringente attualità. Il sindaco di Stabio Simone Castelletti da queste colonne ha auspicato un tavolo di lavoro allargato e alla presenza dei responsabili cantonali. «Più che un altro gruppo di lavoro – esterna il capodicastero – la regione attende una soluzione globale, che certo non sarà indolore per qualcuno. Ciò che si chiede è che il Cantone valuti un rimedio forte sul tema del traffico».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved