ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
5 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
5 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
8 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
9 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
10 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
11 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
10.10.2021 - 17:04
Aggiornamento: 18:27

Cavadini: ‘Importante il rispetto della dignità del lavoro’

All’indomani della manifestazione ‘Poro TiSin’, abbiamo interpellato i sindaci di Mendrisio, Stabio e Novazzano per una riflessione sul dumping salariale

cavadini-importante-il-rispetto-della-dignita-del-lavoro
Ti-Press
Partecipanti alla manifestazione di sabato a Mendrisio

«La manifestazione autorizzata era al Mercato coperto. Sugli spostamenti faremo delle verifiche». Replica così, da noi interpellato, Samuele Cavadini all’interrogazione inoltrata oggi da Roberto Pellegrini (Udf) sulla manifestazione ‘Poro TiSin’, andata in scena ieri nel capoluogo momò. Quattro delle sette domande formulate dal consigliere comunale indagano sull’inatteso spostamento dal Mercato coperto al vicino piazzale Roncaa, dove ha sede la Plastifil, una delle ditte coinvolte nel caso. «Non abbiamo comunque avuto riscontri di problemi da parte della polizia – aggiunge il sindaco –, questo fuori programma non ha creato disagi al traffico». Sulla presenza di “un membro del Municipio”, ossia la capodicastero Politiche sociali e politiche di genere Françoise Gehring Amato, alla manifestazione, Cavadini replica: «No, il Municipio non era rappresentato. La collega era presente in qualità di sindacalista, non di municipale».

‘Massima attenzione’

Interrogazione a parte, a Cavadini – come anche ai suoi omologhi di Stabio e Novazzano, altri comuni con vaste aree industriali – abbiamo chiesto una valutazione sul movimento ‘Poro TiSin’. «Come Comuni non abbiamo competenze in ambito di legge sul salario minimo. È chiaro che a noi interessa il rispetto delle leggi ed è pertanto importante avere delle aziende sul territorio che siano dei buoni datori di lavoro e che rispettino la dignità del lavoro». «Massima attenzione all’evolversi degli eventi» assicura dal canto suo il sindaco di Stabio. «I margini di manovra, a livello di politica locale, sono molto limitati – conferma Simone Castelletti –. Quello che stiamo facendo adesso è monitorare, vedere cosa succede e, a dipendenza degli sviluppi, capire se effettivamente metterci in contatto con le istanze superiori per fare qualcosa anche noi». Stabio è zona di frontiera e vanta un’area industriale molto sviluppata, pertanto «si tratta di tematiche sulle quali il Municipio è sempre stato e sempre sarà molto attento. Si cerca di capire quel che accade o che potrebbe accadere sul territorio e, se possibile, di agire. Come peraltro già fatto in altre occasioni in passato. Quando è emerso il problema dei posteggi abusivi, ad esempio, siamo intervenuti in maniera molto importante, togliendo i parcheggi abusivi, verificando le licenze edilizie, collaborando con le aziende e chiedendo che venissero inseriti dei piani di mobilità».

‘Qualcosa di molto triste’

Come Stabio, anche Novazzano ha investito in anni recenti nelle infrastrutture della propria zona artigianale e industriale, e come Stabio anche Novazzano segue da vicino l’evoluzione della situazione, «anche perché abbiamo ricevuto un’interrogazione che chiede quali margini abbiamo per impedire che accadano queste cose» ricorda il sindaco. «E margini, come Comuni, purtroppo ne abbiamo veramente pochi» ammette Sergio Bernasconi. «Certo, possiamo sensibilizzare le aziende, ma non abbiamo la possibilità di venire a conoscenza di quali contratti vengono rispettati e quali no. Ci sono degli uffici cantonali preposti a questi controlli». Malgrado le mani legate o quasi, Bernasconi è molto perplesso sulla vicenda. «Sono cose che fanno riflettere. Lucrare o speculare su stipendi, in particolar modo se non di un certo livello, è qualcosa di molto triste al giorno d’oggi e in un Paese come la Svizzera. Che poi sia coinvolto un sindacato, anche se appena nato, fa ancor più riflettere. Per la pace sociale non si dovrebbe arrivare a questi punti. Se c’è un minimo da rispettare, che sia rispettato, non si cerchino delle scorciatoie. Il fatto che Ocst e Unia, che non sempre sono concordi, abbiano unito le forze, è un segnale forte».

Leggi anche:

A Mendrisio si scende in piazza contro il dumping salariale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved