ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
25 min

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
25 min

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
3 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
3 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
3 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
9 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
10 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
11 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
13 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
13 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
13 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
13 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
14 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
14 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
15 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
15 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
15 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
15 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
16 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
16 ore

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
09.10.2021 - 10:41
Aggiornamento: 10.10.2021 - 15:46

A Mendrisio si scende in piazza contro il dumping salariale

Circa 400 persone hanno aderito alla manifestazione indetta dai sindacati storici. Fonio (Ocst): ‘Non continuerete a calpestare i diritti dei lavoratori’

a-mendrisio-si-scende-in-piazza-contro-il-dumping-salariale
L'ultima parola è andata a un lavoratore (Ti-Press/Elia Bianchi)
+10

Un palco, una ‘piazza’ (quella del Mercato Coperto a Mendrisio), tante bandiere ma un unico striscione e una sola invettiva: ’Vergogna’. Basta una parola, del resto, per sintetizzare le voci della protesta che, motore i sindacati storici Ocst e Unia, è riuscita a mobilitare circa 400 persone di sabato mattina dentro e fuori i confini del Mendrisiotto. Cittadini-lavoratori tutti uniti dalla volontà di contrastare il dumping salariale e difendere lavoratrici e lavoratori in una terra (quella del Sottoceneri) risvegliata dalle vicissitudini di tre industrie manifatturiere del Distretto. Alle porte l’applicazione del salario minimo (i fatidici 19 franchi l’ora) per legge, alla Plastifil di Mendrisio, alla Ligo Electric di Ligornetto e alla Cebi (l’ex Mes-Dea) di Stabio hanno sottoscritto un Contratto collettivo di lavoro - ’alleati’ Ticino Manufacturing e TiSin - per ‘aggirare’ l’imminente normativa in questo ’Poro TiSin’ (per parafrasare il titolo della manifestazione).

«Sono tanti i sindacati che vogliono il bene di questo Paese», ha esordito dal palco Giorgio Fonio, segretario Ocst Mendrisiotto, prendendo la parola da Giangiorgio Gargantini, che guida la Segreteria regionale di Unia Ticino, e parlando di «bullismo manageriale, che senza alcun pudore ha cucinato in casa le regole che voleva». Non a caso a far arrabbiare i sindacati è soprattutto il metodo con il quale queste aziende hanno «umiliato e offeso i lavoratori». «Questi imprenditori ‘piccioli’ - ha tuonato Fonio - dovrebbero solo vergognarsi». E calcando, per così dire, la mano, il sindacalista Ocst non le ha mandate a dire a manager che dovrebbero «fare un passaggio in magistratura». In ogni caso, ha concluso, «non ci metterete in un angolo e non continuerete a calpestare i diritti dei lavoratori».

Appuntamento il 30 ottobre a Bellinzona

In effetti, non è finita qui (la protesta). Vincenzo Cicero, cosegretario responsabile della Sezione Sottoceneri di Unia, ha esortato i presenti a «cominciare a dire ‘no’ a questa imprenditoria». E ha puntato il dito contro chi, come l’organizzazione TiSin, introduce contratti con salari addirittura al di sotto dei «miseri 19 franchi» fissati dal salario minimo che entrerà in vigore da dicembre. Ecco perché, oggi più di eri, è «necessario scendere in piazza per manifestare», ha ribadito lanciando l’appuntamento del 30 ottobre a Bellinzona, temi portanti una volta di più salari migliori, rispetto e solidarietà.

In prima fila ci sono le donne

Ci ha poi pensato Eleonora Failla, presidente del Gruppo donne Unia e lavoratrice, a ricordare come dopo tanti ‘no’, occorre pronunciare alcuni ‘sì’ irrinunciabili: ’sì’ a un salario equo e senza distinzione di genere o status; ’sì’ a giuste condizioni lavorative, a una società in cui ci sia giustizia sociale e al rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori; ‘sì’ ai Ccl e a chi contribuisce al miglioramento economico e sociale di questo Cantone, oltre che alle organizzazioni sindacali «degne di questo nome». Con lei a far arrivare «forte e chiaro» il messaggio della manifestazione è stata anche Stella Valentino, del gruppo Donna e lavoro Ocst, la quale ha richiamato l’attenzione sulla dignità di chi lavora e in quanto lavoratore (o lavoratrice) non può sottostare al ricatto di un salario sotto il minimo pur di non perdere il posto.

La parola ai lavoratori

E a proposito di lavoratori, sabato è stata data loro la parola. È stato il caso di un ex dipendente della Cebi di Stabio. «Per 5 anni ho lavorato all’ex Mes - ha raccontato -. Sono qua proprio per testimoniare del caso di una collega di 64 anni, licenziata qualche mese fa, dopo turni sfiancanti e giornate a ciclo continuo». Ecco per quale motivo, ha richiamato un altro lavoratore, «dobbiamo avere il coraggio di dire ‘no’ a certi salari da 2’800 franchi al mese».

‘La svalutazione del lavoro deve preoccuparci’

Françoise Gehring, sindacalista Sev, ha fatto presente dal canto suo come oggi «l’epoca d’oro in cui il lavoro dava modo di costruirsi una famiglia, appartiene al passato». Quindi la svalutazione del lavoro «deve preoccuparci. Da anni siamo confrontati con un’evidenza: nella lotta fra lavoro e capitale, ha vinto il capitale. Un gioco al massacro - mors tua, vita mea - nel quale la responsabilità sociale da parte dell’imprenditoria è inesistente».

Anche Natalia Ferrara, deputata Plr nonché responsabile Asib (Associazione svizzera impiegati di banca), non ha inteso fare sconti: “Sono una momò cresciuta davanti alla Cebi, quando si chiamava Mes. E sono qui perché sono una sindacalista e sono una liberale: dobbiamo denunciare ciò che non va e dire ‘no’ a salari indegni e persone calpestate, e a datori di lavoro che mettono in un angolo i lavoratori e scelgono persone di comodo per dire che tutto va bene, con il risultato di dividere le maestranze».

La questione dei salari è trasversale rispetto alla nostra società’

D’altro canto, come ha fatto memoria l’economista Christian Marazzi, «in Ticino è cambiato molto il lavoro ed è cambiata molto la povertà. Si è svalutato il lavoro e sono aumentati i ‘lavoretti’ e la sotto occupazione, gli impieghi su chiamata e i free lance». La povertà salariale, in più, «è stata fortemente femminilizzata: le donne si sono trovate costrette a entrare nel mondo del lavoro per il salario stagnante di altri membri della famiglia. La questione dei salari dignitosi, in altre parole, è trasversale rispetto alla nostra società».

Marazzi ha fatto capire che se questa dimensione della povertà laboriosa persiste, c’è un problema. «Vi è una dimensione statale che non va rimossa - ha ribadito -. Il salario minimo deve essere assai superiore a quello di cui si discute oggi». Un altro aspetto da denunciare per Marazzi è la deroga legata ai Ccl che ha fatto da ariete ai contratti sottoscritti nelle tre aziende momò. «Non vogliamo un’economia stracciona che permetta a imprenditori disinvolti di arricchirsi sulle spalle dei lavoratori». A tal punto da preferire i ’padroni’ agli ‘schiavisti’. A maggior ragione a fronte di una imprenditoria che, come ha annotato Ivo Durisch, deputato Ps e coordinatore dei Cittadini per il territorio, ha eroso non solo le buste paga ma anche il territorio, come è ben evidente in alcuni Comuni del Mendrisiotto.

Con un finale fuori programma, al grido di ‘Vergogna! i manifestanti hanno lasciato la ‘piazza’ del Mercato Coperto e si sono diretti in corteo verso la sede della Plastifil, poco distante. Giunta ai cancelli della ditta una delegazione spontanea ha appeso lo striscione (a mo’ di pro memoria). Non prima però di aver ascoltato le parole di un lavoratore affidate a una missiva, letta da un giovane, e che sono risuonate come un monito assai più forte di tanti slogan.

Leggi anche:

‘Tra le 10 e le 20 ditte interessate al Ccl di TiSin’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved