COL Avalanche
1
BOS Bruins
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
vacallo-ci-sono-3-500-metri-cubi-di-legname-da-esboscare
Alcuni danni causati dallo scirocco
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
5 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
6 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
6 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
7 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
7 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
9 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
9 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
29.09.2021 - 16:370
Aggiornamento : 18:36

Vacallo, ci sono 3’500 metri cubi di legname da esboscare

I lavori d’urgenza per il ripristino del bosco di protezione dopo la tempesta di scirocco dell’ottobre scorso costeranno 830mila franchi

a cura de laRegione

Costeranno 830mila franchi gli interventi d’urgenza di ripristino del bosco di protezione nei Comuni di Vacallo, Morbio Inferiore e Breggia (in zona Brecch, Cognane e Lüina) resisi necessari dopo la violenta tempesta di scirocco dell’ottobre 2020. Il Municipio di Vacallo ha licenziato nei giorni scorsi il messaggio con la richiesta di credito. Il progetto allestito e approvato (dal Consiglio di Stato), “oltre a permetterci di accedere agli importanti aiuti cantonali e federali (la spesa rimanente a carico dei Comuni è di 161’500 franchi) ha definito, dal lato selvicolturale, gli interventi da eseguire per mettere in sicurezza il popolamento colpito dalla tempesta e favorire la rigenerazione della vegetazione”, si legge nel messaggio. L’inizio anticipato degli interventi urgenti è stato autorizzato dall’Ispettorato forestale cantonale. L’intero progetto – la seconda tappa sarà oggetto di una richiesta di credito separata – durerà 5 anni. “In totale saranno esboscati circa 3’500 metri cubi di legname (sui 5’000 metri cubi stimati di legname schiantato)” mentre “nei tratti critici l’alveo dei torrenti viene liberato dal legname caduto. Lungo le sponde sarà rimosso il legname schiantato che potrebbe scivolare in alveo e alberi instabili che minacciano di crollare nel letto del torrente”.

Il progetto prevede anche la piantagione di mille piantine a radice nuda. “Alberi adatti, forniti dal vivaio cantonale di Lattecaldo, cercando di arricchire la mescolanza con le specie sottorappresentate”. Le piantagioni non saranno eseguite a tappeto su tutte le superfici aperte, “ma saranno limitate alle zone con maggiore necessità (circa 13,5 ettari) e realizzate a gruppi. Sul resto della superficie si favorirà la rinnovazione naturale la quale, grazie alla buona mescolanza di alberi da seme presenti, potrà dare origine a un bosco più sano e stabile rispetto a popolamenti piantati”. Passando agli interventi tecnici, è prevista “la sistemazione dei sentieri danneggiati dagli alberi crollati (circa 750 metri) e la creazione di un nuovo sentiero di servizio di circa 300 metri in zona Guasto”. Una volta terminati i lavori, “il nuovo sentiero può essere strutturato quale infrastruttura di svago e per la lotta agli incendi boschivi”. Per superare la Val da Brecch è infine prevista la costruzione di un ponticello realizzato con legname di castagno o robinia reperito sul posto. Il Municipio di Vacallo ha ritenuto “opportuno e interessante” pensare da un lato a un progetto per un bosco di svago in zona Piangiovine e dall’altro la riqualifica della vecchia strada che da Vacallo sale verso Sagno con una pavimentazione pregiata, nonché il collegamento di questa col sentiero Piangiovine”. Una bozza avanzata dal progetto, che coinvolge anche il Museo etnografico, è già stata sottoposta per un esame preliminare alla sezione forestale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved