salari-minimi-e-ccl-tisin-non-ha-fatto-passi-indietro
Un sindacato, un uomo (Ti-Press/F. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
14 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
16 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
1 gior

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
1 gior

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
1 gior

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
1 gior

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
1 gior

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
1 gior

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
1 gior

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Mendrisiotto
14.09.2021 - 16:470
Aggiornamento : 18:08

Salari minimi e Ccl: ‘TiSin non ha fatto passi indietro’

Il presidente Nando Ceruso illustra il ‘progetto’ dell‘organizzazione. ’Che non ha nulla di diverso dagli altri contratti’

Quel Contratto collettivo di lavoro sarà pure finito nella bufera. Ma se chiedete al presidente di TiSin, Nando Ceruso, vi dirà che «non ha niente di diverso dagli altri contratti». Come dire (sottotesto) che non si distanzia dagli accordi siglati dagli ‘altri’ sindacati. Sindacalista di lungo corso, Ceruso scomoda parole come trasparenza, operato cristallino. E rivendica di aver agito in «buona fede» con la sua organizzazione, nata un anno e mezzo fa o poco più con l’obiettivo dichiarato (a statuto) di essere “in difesa del lavoro in Ticino”. Altro che venduti, ribatte (destinatari i colleghi di Ocst e Unia). Si è presentato da solo davanti alla stampa oggi, martedì, per portare dei dati e delle cifre (ma non tutte) - a cominciare dal numero di aderenti all’associazione: fa capire che è prematuro - capaci di restituire un quadro della situazione in una realtà industriale, annota con forza, «fragile». Per la serie, bisogna essere realisti. Sollecitato però a mostrare e consegnare una copia dei Ccl votati nelle tre industrie del Mendrisiotto balzate all’attenzione della cronaca nell’ultima settimana, si ritrae. «È stato consegnato ai lavoratori», si giustifica. I giornalisti, insomma, possono attendere.

‘Più che un Ccl un percorso contrattuale’

Il confronto fra Ceruso e i media è aperto. Il presidente non si sottrae alle domande di primo acchito. Alla fine, però, non tutto quello che è accaduto negli incontri e nelle assemblee che si sono susseguite alla Plastifil a Mendrisio, alla Ligo Electtric a Ligornetto e alla Cebi (ex Mes-Dea) a Stabio - e che tanto hanno fatto discutere anche la politica - è chiaro fino in fondo. Dal canto suo, il fondatore di TiSin - assieme a esponenti della Lega del calibro di Boris Bignasca e Sabrina Aldi, che ne è vice presidente: assenti oggi alla conferenza stampa - tiene a far sapere che l’organizzazione ha un «progetto», deciso a rompere anche con certi ‘principi’ (si legga il contributo di solidarietà e l’indennità di residenza). «Con questo Ccl - spiega - si mette in campo una proposta di percorso contrattuale. Che, quando i tempi saranno propizi, avrà l’obiettivo di puntare a salari superiori. Il discorso fra le parti - ribadisce - sarà costante. Saremo i primi ad accelerare». Per il momento, in ogni caso, l’intento, insiste, è quello di «accompagnare le aziende a investire nei settori a valore aggiunto, dando loro il tempo per traghettarsi e mettersi al sicuro». Quelle stesse aziende che si sono rivolte a TiSin: «Siamo entrati in gioco su loro richiesta, ma anche del personale», aggiunge subito. Perché, sia chiaro, lui, Ceruso, non è, sottolinea, al soldo di nessuno, «Ciò che faccio è a titolo volontario», precisa.

‘Nessun passo indietro’

Nel frattempo, con il salario minimo alle porte (entrerà in vigore a dicembre), nelle tre aziende le buste paga restano dove sono. Anzi, non cambieranno per i prossimi cinque anni. D’altre parte, garantisce, «i due terzi dei lavoratori è al di sopra della soglia dei 18 franchi». Sta di fatto che la larga maggioranza del personale è frontaliero. Anche se, rilancia, «la presenza indigena supera il 20 per cento». Se poi gli si fa notare che tempistica e modalità di questa operazione - per i sindacati storici funzionale all’aggiramento del salario minimo di legge - lascia perplessi, Ceruso conferma che a lui «non pare ci sia nulla di anomalo». Eppure le testimonianze giunte a laRegione da parte di alcuni lavoratori non parlano di un clima disteso. La firma in calce al contratto, secondo quanto trapelato dalle assemblee, è stata la conclusione di un aut aut. O si accettava o si sarebbe spalancata la porta a licenziamenti e delocalizzazioni. Come hanno reagito gli operai? «Hanno partecipato attivamente. Non c’è niente da nascondere», ci risponde Ceruso. Come dire che il dialogo c’è, assicura. «Detesto chi pensa che gli operai sono dei conigli», ci fa capire. E a chi, dal fronte sindacale opposto, vi accusa di aver introdotto condizioni peggiorative? «Bubbole (per dirla in modo edulcorato, ndr), nessun passo indietro - replica -. In ingresso il Ccl acquisisce le norme in vigore». Insomma, il resto è tutto di più.

Il messaggio ai media (perché i sindacati storici intendano) è diretto: TiSin non ha fatto nulla di diverso in termini di Ccl e salari. Parafrasando Ceruso: chi è senza peccato, scagli la prima pietra. Il punto è che in mezzo a sindacati e padronato, c’è sempre lei, la classe operaia. Che esiste ancora, nonostante tutto, e di certo non andrà in paradiso. Neanche stavolta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved