ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
7 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
8 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
8 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
9 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
9 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
9 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
9 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
10 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
10 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
10 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
11 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
11 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
11 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
14.09.2021 - 16:47
Aggiornamento: 18:08

Salari minimi e Ccl: ‘TiSin non ha fatto passi indietro’

Il presidente Nando Ceruso illustra il ‘progetto’ dell‘organizzazione. ’Che non ha nulla di diverso dagli altri contratti’

salari-minimi-e-ccl-tisin-non-ha-fatto-passi-indietro
Un sindacato, un uomo (Ti-Press/F. Agosta)

Quel Contratto collettivo di lavoro sarà pure finito nella bufera. Ma se chiedete al presidente di TiSin, Nando Ceruso, vi dirà che «non ha niente di diverso dagli altri contratti». Come dire (sottotesto) che non si distanzia dagli accordi siglati dagli ‘altri’ sindacati. Sindacalista di lungo corso, Ceruso scomoda parole come trasparenza, operato cristallino. E rivendica di aver agito in «buona fede» con la sua organizzazione, nata un anno e mezzo fa o poco più con l’obiettivo dichiarato (a statuto) di essere “in difesa del lavoro in Ticino”. Altro che venduti, ribatte (destinatari i colleghi di Ocst e Unia). Si è presentato da solo davanti alla stampa oggi, martedì, per portare dei dati e delle cifre (ma non tutte) - a cominciare dal numero di aderenti all’associazione: fa capire che è prematuro - capaci di restituire un quadro della situazione in una realtà industriale, annota con forza, «fragile». Per la serie, bisogna essere realisti. Sollecitato però a mostrare e consegnare una copia dei Ccl votati nelle tre industrie del Mendrisiotto balzate all’attenzione della cronaca nell’ultima settimana, si ritrae. «È stato consegnato ai lavoratori», si giustifica. I giornalisti, insomma, possono attendere.

‘Più che un Ccl un percorso contrattuale’

Il confronto fra Ceruso e i media è aperto. Il presidente non si sottrae alle domande di primo acchito. Alla fine, però, non tutto quello che è accaduto negli incontri e nelle assemblee che si sono susseguite alla Plastifil a Mendrisio, alla Ligo Electtric a Ligornetto e alla Cebi (ex Mes-Dea) a Stabio - e che tanto hanno fatto discutere anche la politica - è chiaro fino in fondo. Dal canto suo, il fondatore di TiSin - assieme a esponenti della Lega del calibro di Boris Bignasca e Sabrina Aldi, che ne è vice presidente: assenti oggi alla conferenza stampa - tiene a far sapere che l’organizzazione ha un «progetto», deciso a rompere anche con certi ‘principi’ (si legga il contributo di solidarietà e l’indennità di residenza). «Con questo Ccl - spiega - si mette in campo una proposta di percorso contrattuale. Che, quando i tempi saranno propizi, avrà l’obiettivo di puntare a salari superiori. Il discorso fra le parti - ribadisce - sarà costante. Saremo i primi ad accelerare». Per il momento, in ogni caso, l’intento, insiste, è quello di «accompagnare le aziende a investire nei settori a valore aggiunto, dando loro il tempo per traghettarsi e mettersi al sicuro». Quelle stesse aziende che si sono rivolte a TiSin: «Siamo entrati in gioco su loro richiesta, ma anche del personale», aggiunge subito. Perché, sia chiaro, lui, Ceruso, non è, sottolinea, al soldo di nessuno, «Ciò che faccio è a titolo volontario», precisa.

‘Nessun passo indietro’

Nel frattempo, con il salario minimo alle porte (entrerà in vigore a dicembre), nelle tre aziende le buste paga restano dove sono. Anzi, non cambieranno per i prossimi cinque anni. D’altre parte, garantisce, «i due terzi dei lavoratori è al di sopra della soglia dei 18 franchi». Sta di fatto che la larga maggioranza del personale è frontaliero. Anche se, rilancia, «la presenza indigena supera il 20 per cento». Se poi gli si fa notare che tempistica e modalità di questa operazione - per i sindacati storici funzionale all’aggiramento del salario minimo di legge - lascia perplessi, Ceruso conferma che a lui «non pare ci sia nulla di anomalo». Eppure le testimonianze giunte a laRegione da parte di alcuni lavoratori non parlano di un clima disteso. La firma in calce al contratto, secondo quanto trapelato dalle assemblee, è stata la conclusione di un aut aut. O si accettava o si sarebbe spalancata la porta a licenziamenti e delocalizzazioni. Come hanno reagito gli operai? «Hanno partecipato attivamente. Non c’è niente da nascondere», ci risponde Ceruso. Come dire che il dialogo c’è, assicura. «Detesto chi pensa che gli operai sono dei conigli», ci fa capire. E a chi, dal fronte sindacale opposto, vi accusa di aver introdotto condizioni peggiorative? «Bubbole (per dirla in modo edulcorato, ndr), nessun passo indietro - replica -. In ingresso il Ccl acquisisce le norme in vigore». Insomma, il resto è tutto di più.

Il messaggio ai media (perché i sindacati storici intendano) è diretto: TiSin non ha fatto nulla di diverso in termini di Ccl e salari. Parafrasando Ceruso: chi è senza peccato, scagli la prima pietra. Il punto è che in mezzo a sindacati e padronato, c’è sempre lei, la classe operaia. Che esiste ancora, nonostante tutto, e di certo non andrà in paradiso. Neanche stavolta.

Leggi anche:

In tre industrie si vira sul Ccl. 'Aggirato il salario minimo'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved