Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(4-3)
villa-argentina-a-mendrisio-municipio-e-capigruppo-al-tavolo
Villa Argentina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
13 min

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
15 min

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
3 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
3 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
3 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
3 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
3 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
3 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
4 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
4 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
4 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Mendrisiotto
27.07.2021 - 21:300
Aggiornamento : 21:55

Villa Argentina a Mendrisio: Municipio e capigruppo al tavolo

L'esecutivo ha aggiornato sulla sentenza del Tribunale di espropriazione. Ma sul valore del terreno privato non trapela nulla

L'attesa è stata lunga a Mendrisio (e ancora non sembra essere finita). Lunga quanto basta, almeno, per alzare l'asticella delle aspettative della politica locale e far crescere la curiosità attorno al verdetto pronunciato di recente dal Tribunale di espropriazione. Del resto, ne va da tempo del futuro del Parco di Villa Argentina. È inevitabile, quindi, che premano gli interrogativi. Su tutti uno: è bastata la riunione di questa sera, martedì, nella sala del Consiglio comunale per sciogliere tutti i nodi? Ma soprattutto, per rispondere alle domande rimaste in sospeso fin dal 2017? Ovvero da quando si è aperta la vertenza fra il Municipio della Città e i proprietari dei 18mila metri quadrati collinari che, nelle intenzioni comunali, daranno modo di completare il perimetro del giardino storico che gode della tutela cantonale. Una cosa la si è capita: dentro Palazzo civico ci si va ancora con i piedi di piombo. A tal punto che nessuno, per ora, si lascia sfuggire nulla. In effetti, vi è ancora la possibilità di impugnare la decisione di prima istanza e di appellarsi al Tribunale amministrativo cantonale.

A tu per tu nella sala consiliare. Ma bocche cucite

I giudici, loro, hanno deciso: questo è certo. Ma alla sentenza si avrà accesso solo a fine agosto, una volta che sarà cresciuta in giudicato. Non prima di allora. Neppure i cinque capigruppo delle forze politiche che siedono fra i banchi del legislativo - Plr, Ppd, AlternativA e Lista civica Per Mendrisio -, oggi, hanno potuto avere fra le mani il responso del Tribunale, chiamato a fare chiarezza sul valore del terreno che l'esecutivo intende acquisire. Infatti, per il momento si sono dovuti accontentare della sintesi concessa dall'autorità comunale guidata dal sindaco Samuele Cavadini. Dall'incontro, insomma, non trapela nulla. I portavoce dei partiti hanno la bocca cucita: il Municipio ha chiesto loro di mantenere il riserbo su quanto si sono detti, faccia a faccia. Solo dopo il 25 agosto prossimo, quando le posizioni saranno chiare, se ne potrà sapere di più. A quel punto si capirà se gli 8 milioni e mezzo accantonati da tempo - e che figurano nel Piano delle opere prioritarie che si rifà al periodo 2014-2020 - bastano per chiudere la trattativa e concludere, di fatto, il più grande dezonamento mai realizzato.

Certo tutto dipende dalla valutazione operata dal Tribunale e da quanto hanno pesato le argomentazioni dell'ente locale: dai lavori di ricostruzione di diverse parti dei muri perimetrali ottocenteschi demoliti in modo abusivo dai proprietari al fatto che il progetto edilizio presentato a suo tempo e mai pubblicato non era risultato conforme. Ecco perché sarà importante per il Municipio leggere con attenzione gli elementi giuridici ancorati alla sentenza.

La cronistoria

Edificata nel 1872 dall’architetto Antonio Croci, Villa Argentina ha da sempre incrociato, d'altro canto, la storia di Mendrisio. In particolare da quando, nel 1989, il Comune del Borgo ha acquisito magione e parco. La prima è divenuta sede dell’Accademia di architettura; il secondo ha da tempo l’ambizione di estendere e completare i suoi confini, includendo quel terreno collinare - il solo privato rimasto - al centro di tante attenzioni in questi ultimi anni. Motore la volontà popolare (fin dalla petizione del 2009), come prima mossa sono state messe le basi pianificatorie. Basi consolidate e rafforzate l’anno scorso dal governo cantonale, che ha certificato l’estensione della protezione cantonale a tutto il giardino storico, e con essa il vincolo di salvaguardia. Adesso, come detto, a imprimere una nuova svolta vi è la decisione del Tribunale, che pone un primo punto fermo alla vertenza aperta nell'ottobre 2017 tra il Municipio della Città e i proprietari del fondo, di mezzo l’esproprio dei 18mila metri quadrati sotto i riflettori e finiti sul tavolo dei giudici.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved