esproprio-a-villa-argentina-il-tribunale-ha-detto-la-sua
Villa Argentina a Mendrisio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
1 ora

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
3 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
3 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
3 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
3 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
3 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
4 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
4 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
4 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
4 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
4 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
laR
 
09.07.2021 - 05:15
Aggiornamento: 15:20

Esproprio a Villa Argentina, il Tribunale ha detto la sua

Pronunciata l'attesa decisione sul terreno privato nella parte collinare del Parco. Il Municipio di Mendrisio convoca i capigruppo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La politica mendrisiense (e non solo) è rimasta con il fiato sospeso per tutti questi ultimi quattro anni. L’interrogativo pressante? Ce l’avrebbe fatta la Città a estendere il perimetro del Parco di Villa Argentina? Quindi ad acquisire il terreno privato, l’ultimo esistente, in collina? Oggi una risposta c’è. O meglio c’è la decisione del Tribunale di espropriazione, interpellato sui termini della trattativa, ma soprattutto sul prezzo di quei 18mila metri quadri. La sentenza è giunta nei giorni scorsi e il Municipio ne prenderà visione nei dettagli nella sua seduta di martedì prossimo. Da che parte pende, allora, la bilancia della giustizia? Sul verdetto vi è ancora un velo di mistero. Anche i capigruppo delle forze politiche che siedono in Consiglio comunale dovranno armarsi di pazienza e attendere le prossime settimane. Ovvero quando l’esecutivo scioglierà tutti i nodi. Con la consapevolezza che ci si trova davanti a un verdetto di prima istanza. E che dunque potrebbe esserci un secondo round al Tribunale amministrativo cantonale.

Un lungo cammino

Sia chiaro, il solo fatto che il Tribunale di espropriazione si sia pronunciato è già una notizia dalle parti di Mendrisio. In fondo dal 1989, anno in cui il Comune (allora del Borgo) ha acquistato la magione progettata dall’architetto Antonio Croci e il suo parco quasi per intero, ne sono successe di cose. Nel mezzo ci sono infatti una petizione (sottoscritta nel 2009 da 2’870 persone), una variante del Piano particolareggiato e un paio di ricorsi. E vi è la vertenza aperta con i proprietari del fondo collinare: l’avvio della procedura di stima rimanda all’ottobre del 2017. Oggi, però, vi sono alcuni punti fermi: la pianificazione è ormai consolidata e giusto l’anno scorso il governo ha certificato l’estensione della protezione cantonale a tutto il giardino storico, e con essa il vincolo di salvaguardia. E queste sono delle buone premesse da cui ripartire, anche se i tempi non sono dei più favorevoli (anche sul piano finanziario). Certo se la valutazione del Tribunale sull’esproprio si situa all’interno della forchetta ipotizzata da tempo dall’autorità comunale, fra gli 8 e i 10 milioni di franchi (nel Piano delle opere prioritarie che si rifà al periodo 2014-2020 si sono accantonati 8,5 milioni). In ogni caso, un dato è incontrovertibile: se l’operazione andrà alfine in porto, con l’acquisizione del terreno privato si concretizzerà il più grande dezonamento mai realizzato. Obiettivo, rendere ancora più verde la Città.

C’è posta per i capigruppo

Quando la voce che su Villa Argentina si era arrivati al dunque ha cominciato a circolare, la curiosità è andata crescendo. Poi ieri mattina, giovedì, ecco il messaggio di posta elettronica recapitato ai capigruppo di Plr, Ppd, AlternativA, Lega-Udc-Udf e Lista civica Per Mendrisio. Una mail che vale un invito: i portavoce dei gruppi politici sono convocati infatti a una riunione, annunciata come prossima, nella quale saranno orientati sui contenuti della decisione tanto attesa. Un approccio che testimonia, una volta di più, la volontà di dialogare con il legislativo. Certo a quel punto si conosceranno le intenzioni del Municipio, ma innanzitutto si saprà con certezza dove hanno condotto le analisi del Tribunale, anche sulla base delle conclusioni di un esame peritale. Dalla sua l’esecutivo qualche argomento ce l’aveva da portare a favore della sua causa, a cominciare dai lavori di ricostruzione di diverse parti dei muri perimetrali ottocenteschi demoliti in modo abusivo dai proprietari. Senza trascurare il fatto che il progetto edilizio presentato a suo tempo e mai pubblicato non era risultato conforme.

Il sindaco: ‘Per ora non mi esprimo’

Dentro Palazzo civico non ci si sbilancia. Il sindaco Samuele Cavadini, interpellato da ‘laRegione’, si limita a confermare l’arrivo del verdetto. «Al momento – ci dice – stiamo facendo delle valutazioni interne sulla decisione e dovremo discuterne in Municipio per vedere come muoverci. Di conseguenza preferisco non esprimermi in merito per ora». Il riserbo, insomma, ha la meglio. Restano le impressioni. Ad esempio che la sentenza potrebbe non aver soddisfatto appieno le aspettativa comunali. Ma, d’altro canto, potrebbe anche scongiurare un ricorso dei privati. La conquista del traguardo finale, in altre parole, non è detto sia a portata di mano. Del resto, il Parco di Villa Argentina ha ancora bisogno di tante cure e attenzioni. In effetti, in sospeso da un po’ c’è pure il messaggio sulla tutela del patrimonio arboreo e delle sue infrastrutture.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mendrisio tribunale espropriazione villa argentina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved