ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
15 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
43 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
15 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
laR
 
09.07.2021 - 05:15
Aggiornamento: 15:20

Esproprio a Villa Argentina, il Tribunale ha detto la sua

Pronunciata l'attesa decisione sul terreno privato nella parte collinare del Parco. Il Municipio di Mendrisio convoca i capigruppo

esproprio-a-villa-argentina-il-tribunale-ha-detto-la-sua
Villa Argentina a Mendrisio (Ti-Press)

La politica mendrisiense (e non solo) è rimasta con il fiato sospeso per tutti questi ultimi quattro anni. L’interrogativo pressante? Ce l’avrebbe fatta la Città a estendere il perimetro del Parco di Villa Argentina? Quindi ad acquisire il terreno privato, l’ultimo esistente, in collina? Oggi una risposta c’è. O meglio c’è la decisione del Tribunale di espropriazione, interpellato sui termini della trattativa, ma soprattutto sul prezzo di quei 18mila metri quadri. La sentenza è giunta nei giorni scorsi e il Municipio ne prenderà visione nei dettagli nella sua seduta di martedì prossimo. Da che parte pende, allora, la bilancia della giustizia? Sul verdetto vi è ancora un velo di mistero. Anche i capigruppo delle forze politiche che siedono in Consiglio comunale dovranno armarsi di pazienza e attendere le prossime settimane. Ovvero quando l’esecutivo scioglierà tutti i nodi. Con la consapevolezza che ci si trova davanti a un verdetto di prima istanza. E che dunque potrebbe esserci un secondo round al Tribunale amministrativo cantonale.

Un lungo cammino

Sia chiaro, il solo fatto che il Tribunale di espropriazione si sia pronunciato è già una notizia dalle parti di Mendrisio. In fondo dal 1989, anno in cui il Comune (allora del Borgo) ha acquistato la magione progettata dall’architetto Antonio Croci e il suo parco quasi per intero, ne sono successe di cose. Nel mezzo ci sono infatti una petizione (sottoscritta nel 2009 da 2’870 persone), una variante del Piano particolareggiato e un paio di ricorsi. E vi è la vertenza aperta con i proprietari del fondo collinare: l’avvio della procedura di stima rimanda all’ottobre del 2017. Oggi, però, vi sono alcuni punti fermi: la pianificazione è ormai consolidata e giusto l’anno scorso il governo ha certificato l’estensione della protezione cantonale a tutto il giardino storico, e con essa il vincolo di salvaguardia. E queste sono delle buone premesse da cui ripartire, anche se i tempi non sono dei più favorevoli (anche sul piano finanziario). Certo se la valutazione del Tribunale sull’esproprio si situa all’interno della forchetta ipotizzata da tempo dall’autorità comunale, fra gli 8 e i 10 milioni di franchi (nel Piano delle opere prioritarie che si rifà al periodo 2014-2020 si sono accantonati 8,5 milioni). In ogni caso, un dato è incontrovertibile: se l’operazione andrà alfine in porto, con l’acquisizione del terreno privato si concretizzerà il più grande dezonamento mai realizzato. Obiettivo, rendere ancora più verde la Città.

C’è posta per i capigruppo

Quando la voce che su Villa Argentina si era arrivati al dunque ha cominciato a circolare, la curiosità è andata crescendo. Poi ieri mattina, giovedì, ecco il messaggio di posta elettronica recapitato ai capigruppo di Plr, Ppd, AlternativA, Lega-Udc-Udf e Lista civica Per Mendrisio. Una mail che vale un invito: i portavoce dei gruppi politici sono convocati infatti a una riunione, annunciata come prossima, nella quale saranno orientati sui contenuti della decisione tanto attesa. Un approccio che testimonia, una volta di più, la volontà di dialogare con il legislativo. Certo a quel punto si conosceranno le intenzioni del Municipio, ma innanzitutto si saprà con certezza dove hanno condotto le analisi del Tribunale, anche sulla base delle conclusioni di un esame peritale. Dalla sua l’esecutivo qualche argomento ce l’aveva da portare a favore della sua causa, a cominciare dai lavori di ricostruzione di diverse parti dei muri perimetrali ottocenteschi demoliti in modo abusivo dai proprietari. Senza trascurare il fatto che il progetto edilizio presentato a suo tempo e mai pubblicato non era risultato conforme.

Il sindaco: ‘Per ora non mi esprimo’

Dentro Palazzo civico non ci si sbilancia. Il sindaco Samuele Cavadini, interpellato da ‘laRegione’, si limita a confermare l’arrivo del verdetto. «Al momento – ci dice – stiamo facendo delle valutazioni interne sulla decisione e dovremo discuterne in Municipio per vedere come muoverci. Di conseguenza preferisco non esprimermi in merito per ora». Il riserbo, insomma, ha la meglio. Restano le impressioni. Ad esempio che la sentenza potrebbe non aver soddisfatto appieno le aspettativa comunali. Ma, d’altro canto, potrebbe anche scongiurare un ricorso dei privati. La conquista del traguardo finale, in altre parole, non è detto sia a portata di mano. Del resto, il Parco di Villa Argentina ha ancora bisogno di tante cure e attenzioni. In effetti, in sospeso da un po’ c’è pure il messaggio sulla tutela del patrimonio arboreo e delle sue infrastrutture.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved