COB Jackets
PIT Penguins
01:00
 
CAR Hurricanes
NY Rangers
01:00
 
naufraga-il-recupero-della-masseria-di-vigino
LaMasseria di Vigino oggi (Ti-Press/F. Agosta)
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
4 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
4 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
5 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
5 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
5 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
5 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
6 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
6 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
6 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
7 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
7 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
7 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
7 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
8 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
8 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
9 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
9 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
9 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
Gallery
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni
Locarnese
11 ore

Locarno, Progetto di prossimità: uno strumento essenziale

Il Municipio pubblica il messaggio inerente alla Convenzione fra Città e Fondazione il Gabbiano per colmare la lacuna in ambito di politica giovanile
02.06.2021 - 11:560

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

Ente regionale per lo sviluppo e Municipio di Castello puntano il dito contro il Cantone: 'Ha alzato il prezzo'. E il privato lascia. Rimesso il mandato

Il tetto è coperto da plastiche. Le mura potrebbero non reggere ancora per molto ai segni del tempo che passa. Il destino della Masseria di Vigino a Castel San Pietro potrebbe essere ormai segnato. Le istituzioni del Mendrisiotto lo temono fortemente, oggi più di ieri. Una Fondazione promossa da un privato ma di utilità pubblica era pronta, in effetti, a lanciare un salvagente per il recupero di una testimonianza storica e culturale che riporta alla prima metà del XV secolo, ma il Cantone (ovvero il proprietario) non l'ha preso al volo. Anzi, agli occhi dell'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) e del Municipio di Castel San Pietro ha, semmai, messo il bastone fra le ruote, facendo naufragare il progetto: i promotori, una famiglia di imprenditori, hanno infatti preferito rinunciare all'impresa. Il risultato? Nei giorni scorsi l'Ers, ha rimesso a sua volta il mandato ricevuto, giusto dieci anni orsono, dall'autorità cantonale. Una decisione inevitabile, fa capire il presidente Corrado Solcà, seppur presa, ammette, a «malincuore». È tutto in una lettera imbucata la settimana scorsa all'indirizzo del Consiglio di Stato e del presidente del Gran consiglio, dalla quale traspaiono delusione e amarezza, oltre a una certa dose di risentimento, come riconosce Solcà. Anche perché l'incarico di trovare una soluzione per il restauro della Masseria, l'Ente l'ha pur sempre portato sino in fondo, epilogo a parte.

'Il Cantone ha cambiato idea da un momento all'altro'

Che qualcosa non quadrava lo si era già intuito fra le righe della risposta dell'autorità cantonale a un atto parlamentare interpartitico (primo firmatario Nicola Schoenenberger). «A cambiare le carte in tavola - dice oggi a chiare lettere il presidente dell'Ers - è stato il Cantone, con lo stupore e il rammarico di tutti. E ancora non abbiamo capito davvero il perché». Eppure una via d'uscita era stata individuata dopo anni di tentativi e riflessioni; e per di più a farsi carico di investire quasi una decina di milioni nella ristrutturazione di un edificio iscritto dal 2007 nell'Inventario cantonale dei beni culturali protetti sarebbe stato, si rimarca più volte, un attore privato, pronto ad adeguarsi a tutti i vincoli e le restrizioni che una tutela comporta.

Cosa è successo? «Sono cambiate le basi della trattativa - spiega a 'laRegione' Solcà -. Data per assodata l'intenzione di cedere la Masseria, circa un anno fa un bene che si era pronti a concedere per qualche migliaio di franchi, da un momento all'altro valeva un milione e rotti - cifra poi scesa a 800mila franchi, ndr -, salvo poi garantire il contributo cantonale - di 1,5 milioni, ndr -, prospettato sin d'all'inizio dell'operazione (e al quale i promotori privati erano disposti anche a rinunciare in parte), e scorporare i terreni agricoli, da affidare alle cure dell'Isitituto agrario di Mezzana, alla ricerca di nuovi appezzamenti per la sua attività didattica». Una mossa, quella della modifica del 'prezzo', che, di fatto, ha arrestato un processo già in corso. Tutto, in effetti, fanno notare a una voce Solcà e la sindaca di Castello Alessia Ponti, era già predisposto per la costituzione della Fondazione (allargata agli enti locali) e la presentazione al Municipio della domanda di costruzione. Autorità comunale che, dal canto suo, aveva già aperto la strada allestendo le varianti di Piano regolatore (avallate dal legislativo).

'Un atteggiamento offensivo'

Inutile dire che da queste parti non hanno preso bene il cambio di passo cantonale. «L'atteggiamento di chiusura del Consiglio di Stato - esterna la sindaca Ponti - ha offeso i privati e le istituzioni locali. Insomma, si millanta tanto il dialogo con i Comuni e i cittadini, ma in questo caso non si è neppure accettato di incontrare i fautori dell'iniziativa per discutere del progetto e cercare un punto di contatto. Il privato, affezionato al nostro territorio e in grado di vedere il potenziale della Masseria, non è stato coinvolto. In più l'autorità cantonale non si è neanche recata sul posto, per vedere da vicino il complesso di Vigino». Complesso che, si assicura, sarebbe rimasto fedele all'idea originaria di trasformarlo in una 'Maison du terrroir', dove potersi fermare qualche giorno e assoporare le peculiarità della regione. Così come se l'era immaginata, a suo tempo, il compianto Mario Ferrari.

«All'Ente - ribadisce il suo presidente - siamo rimasti delusi e sconcertati per il comportamento riservato al Distretto». In effetti, l'Ers come l'esecutivo di Castello hanno sollecitato in più occasioni spiegazioni al Cantone - l'ultimo incontro a Bellinzona è di un mese fa -, senza, però, poter evitare quanto accaduto. «Ci è stato anche detto - fa sapere ancora Corrado Solcà - che vi era il timore di portare un tale progetto in parlamento, pur sapendo di avere il sostegno dell'intero Mendrisiotto e di tutti i partiti locali. Non vi è stato coraggio politico». Poi a mezza voce si lascia intendere che, forse, il nome del promotore (coperto dalla riservatezza) ha portato a questo irrigidimento da parte del Cantone. In ogni caso il risultato non cambia.

'C'è scarsa lungimiranza'

Claudio Guidotti, che ha da circa un anno raccolto il testimone da Bettina Stark alla direzione dell'Ers, non nasconde il suo dispiacere. «Penso soprattutto alla regione e all'opportunità che non è stata colta. In fondo si è lavorato al progetto di recupero per un decennio e ora fa male al cuore vedere in che stato si trova la Masseria di Vigino». Masseria, ricordano tutti, che aveva la possibilità di diventare uno dei punti di riferimento anche nell'itinerario turistico del Mendrisiotto. E allora, anche senza volere, affiora un po' di campanilismo. «Parliamoci chiaro - non si trattiene Alessia Ponti - se Vigino si trovava nel Sopraceneri era già stata ristrutturata. In tutta onestà - ci mette a parte - sono un po' preoccupata per la mancanza di lungimiranza del nostro Cantone».

Guardando al prossimo futuro, cosa c'è da aspettarsi? «Stando alle ultime informazioni ricevute durante l'incontro a Bellinzona - ci risponde Solcà -, ci è stato detto che l'edificio sarà tenuto così com'è. Perché il Cantone ne ha anche altri di stabili in condizioni simili». Ecco che il senso di frustrazione per la scarsa attenzione per i beni locali è aumentato, si confessa. «Dall'autorità cantonale ci aspetteremmo un po' più di coerenza nella salvaguardia del patrimonio pubblico», si rilancia a una voce.

Dieci anni, un iter 'travagliato'

E pensare che sin qui le risorse (di tempo e di denaro) non si sono risparmiate, all'inseguimento di una soluzione definitiva. Del resto, Vigino era la terza sfida - con le Cave di marmo di Arzo e le Fornaci di Riva San Vitale, progetti condotti a buon fine - che l'Ente regionale per lo sviluppo si è assunto, appunto dieci anni orsono. «L'iter - fa notare Corrado Solcà - è stato travagliato. Resa partecipe, in un primo tempo, tutta la regione, strada facendo ci siamo accorti che una operazione pubblica avrebbe comportato una cambiale in bianco per i Comuni quanto a costi di gestione. Rendendo difficoltoso raccogliere il consenso attorno a un progetto impegnativo. Una situazione che ci ha convinto - ripercorre Solcà - a cambiare direzione e a trovare dei finanziatori privati. Con la consapevolezza che sarebbe stato arduo individuare dei privati disposti a investire in un complesso a valenza pubblica. Ma siamo riusciti a superare gli ostacoli e a incrociare delle persone interessate, dei mecenati pronti a dare vita una Fondazione con scopo pubblico e a seguire il concetto che aveva caratterizzato il progetto originario (firmato da Baserga e Mozzetti nel 2013, ndr). Tanto da mettere a punto anche una convenzione». Un approccio, confida Solcà, che aveva appassionato pure i funzionari cantonali che hanno accompagnato il gruppo di lavoro: loro sì, i piani alti no.

 

 

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved